Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

9 giugno 2005

PIANO DI PREVENZIONE 2005-2007

Il Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ccm) ha predisposto le linee operative per la pianificazione dei progetti regionali in vista della realizzazione del Piano nazionale di prevenzione 2005-2007. Sulla base dell’intesa Stato-Regioni del 23 marzo 2005, il Ccm ha infatti il compito di coordinare il piano, trasformando le finalità generali in linee operative. EpiCentro propone una serie di documenti utili per i pianificatori regionali, in ognuno degli ambiti di azione coinvolti: diabete, cardiovascolare, screening e vaccinazioni. Nelle prossime settimane saranno pubblicati altri documenti, riflessioni, iniziative e progetti regionali, via via che saranno resi disponibili.

 

OMS, NEONATI: DUE MILIONI DI MORTI ALL’ANNO

Sono 904400 i neonati che sopravvivono solo pochi giorni a causa di complicanze alla nascita, e oltre un milione quelli che muoiono durante il parto. I dati dello studio Oms indicano che le morti intra partum rappresentano la causa principale di decesso nei neonati, con il 27% del totale. Consulta su EpiCentro il grandetema dedicato alla salute materno-infantile.

 

CESENA E REGGIO EMILIA: NOVITÀ DAL TERRITORIO

Un quadro nell’insieme positivo, una comunità che vive bene, con ottimi indicatori socio-economici anche se non mancano alcune aree critiche che richiedono attenzione e interventi: leggi la presentazione di Mauro Palazzi del profilo di comunità del territorio cesenate. Per l’Emilia Romagna è disponibile anche il volume “Condizioni socioeconomiche e mortalità nella popolazione di Reggio Emilia”.

 

PUGLIA, STUDIO QUADRI: RAPPORTO FINALE

Nel 37% dei casi la diagnosi di diabete viene effettuata prima dei 40 anni, il 22% dei pazienti ha sofferto di almeno una complicanza e meno della metà (47%) ha fatto una visita specialistica negli ultimi sei mesi. Circa il 90% ritiene che i servizi abbiano orari adeguati e che i locali siano facilmente accessibili e puliti. Questi alcuni dei risultati dello studio Quadri sulla qualità dell’assistenza ai malati di diabete nella regione Puglia. Leggi il rapporto finale.


 

trova dati