Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

4 maggio 2006

INTOLLERANZE ALIMENTARI

Pi¨ comuni e diffuse delle allergie, le intolleranze sono un problema di sanitÓ pubblica in continua crescita. Non sono ben chiari i meccanismi che ne sono alla base e c’Ŕ molta incertezza sulla sintomatologia clinica e sulla diagnosi. NÚ esiste una stima precisa della prevalenza di questi disturbi e del loro impatto sociale. La diffusione delle intolleranze Ŕ legata in gran parte alle abitudini di vita: in Italia le pi¨ comuni sono quelle al latte, al grano, all’uovo e alla soia. Leggi il nuovo argomento di salute intolleranze alimentari.

 

MONDIALI SOTTO SORVEGLIANZA

Il 7 giugno 2006 calcio d’inizio dei mondiali in Germania. Le autoritÓ sanitarie tedesche hanno organizzato un sistema di sorveglianza per le malattie infettive. Il monitoraggio si basa su un rapido scambio di informazioni tra gli operatori, a tutti i livelli del sistema salute. EpiCentro apre un focus sui mondiali, con la sintesi in italiano dell’articolo pubblicato su Eurosurveillance che illustra il sistema di sorveglianza. Consulta anche i focus Olimpiadi e salute e sorveglianza sindromica.

 

A ROMA TAVOLA ROTONDA SULL’OBESIT└

Il 17 e il 18 maggio l’Oms e il Ccm organizzano un incontro alla Fao per discutere il ruolo e le interazioni tra le politiche della salute, dell’agricoltura e del commercio nella lotta all’obesitÓ in Europa. Maggiori informazioni sul sito del Ccm. Il 19 maggio incontro al ministero della Salute sulle strategie di popolazione contro l’obesitÓ. Tra gli obiettivi: fare il punto sulla pianificazione regionale e discutere le politiche attuabili a livello locale in Italia. Gli approfondimenti sul sito del Ccm. Leggi su EpiCentro l’argomento di salute obesitÓ e il focus Piano nazionale della prevenzione.

 

EMILIA ROMAGNA: UN ANNO DI SCREENING DEL COLON RETTO

A un anno dall’avvio, sono oltre 400 mila le persone invitate in Emilia Romagna al programma per la prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori del colon retto, con una adesione del 43,7%. Per il 6,1% di coloro che hanno effettuato il test (7,5% degli uomini e 5% delle donne) Ŕ stato necessario l’approfondimento diagnostico con colonscopia. Leggi il focus screening e consulta il dettaglio dei dati sul sito della Regione Emilia Romagna.


 

trova dati