Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

9 febbraio 2017

Iss: come cambia con il riordino

Sei Dipartimenti, sedici Centri nazionali, due Centri di riferimento e un Organismo notificato: sono queste le strutture che vanno a comporre la nuova area tecnico-scientifica dell’Iss secondo la rinnovata organizzazione, presentata in conferenza stampa il 7 febbraio scorso.

 

Febbre gialla in Brasile

In Brasile, da dicembre 2016, è in corso un focolaio di febbre gialla. Al 24 gennaio 2017, l’Oms riferisce 404 casi e 84 decessi. Leggi il punto della situazione con le informazioni sui casi e consigli per viaggiatori.

 

Bambini in auto: nuove regole

In auto, i bambini di altezza inferiore a 125 cm devono viaggiare in un apposito rialzo con schienale, che consenta una migliore disposizione della cintura sulle spalle e sul torace: è questa la principale novità della normativa ECE R44/04, introdotta a gennaio 2017.

 

Le regole per una buona maternità

Si è parlato di salute materno infantile nella trasmissione di Rai 3 “Tutta salute” dove, il 7 febbraio, Angela Spinelli ed Enrica Pizzi (Iss) hanno presentato e illustrato il progetto di sorveglianza sui bambini 0-2 anni. Guarda la video intervista.

 

Morbillo e rosolia

Nel mese di dicembre 2016 sono stati segnalati 70 casi di morbillo e 1 di rosolia. Questi i dati nazionali del sistema di sorveglianza integrata del morbillo e della rosolia riportati nell’ultimo numero del bollettino periodico Morbillo & Rosolia News.

 

Bollettino epidemiologico nazionale

Nel nuovo numero del Ben si parla dell’impatto del programma di screening sull’incidenza e la mortalità per cancro del colon retto nella Ulss 4 Alto Vicentino e della sorveglianza epidemiologica dei tumori naso-sinusali in Italia nel periodo 1989-2012.

 

Cancro e diagnosi precoce

Ogni anno, nel mondo, 8,8 milioni di persone muoiono a causa del cancro. Uno dei problemi principali è che molti casi vengono diagnosticati troppo tardi. La nuova guida “WHO Guide to cancer early diagnosis”, pubblicata dall’Oms, mira a fornire un aiuto per i decisori nell’implementazione di strategie che facilitino la diagnosi precoce e l’accesso ai servizi.

 

 


 

trova dati