Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Osservatorio sui farmaci

Dal Nice la prima bozza delle linee guida sulla multimorbidità

21 aprile 2016 - Il National Institute for Health and Care Excellence (Nice), l’ente inglese che elabora delle linee guida nazionali per implementare la cura della salute e l’assistenza sociale, fornisce sul proprio sito la bozza delle linee guida per la gestione e la valutazione clinica del paziente affetto da multimorbidità (in consultazione fino al 12 maggio 2016), in attesa della pubblicazione della versione definitiva prevista per settembre 2016.

 

Concentrandosi sui bisogni, le priorità e le preferenze terapeutiche individuali, il Nice propone un approccio alla cura personalizzato per alcuni dei pazienti che presentano multimorbidità, con lo scopo di migliorarne la qualità della vita riducendo le difficoltà nel trattamento, i danni derivanti da una politerapia e i rischi di un’assistenza non coordinata.

 

Le linee guida del Nice, che illustrano come identificare questi pazienti e in cosa consiste un trattamento su misura, sono rivolte in particolare ai medici di base e ai geriatri, ma anche agli altri specialisti e ai pazienti.

 

La multimorbidità

Si definisce multimorbidità la presenza in un singolo paziente di due o più condizione mediche a lungo termine. Gli studi più recenti mostrano come la multimorbidità sia una condizione comune, più frequente nelle persone di età avanzata e in quelle provenienti da aree meno abbienti.

Nelle persone più anziane la multimorbidità è dovuta soprattutto a patologie fisiche, mentre nei più giovani è spesso dovuta a una combinazione di patologie fisiche e psichiche.

La multimorbidità è associata a una ridotta qualità di vita, a una più alta mortalità, a una politerapia, a un alto tasso di reazioni avverse ai farmaci e a un ricorso maggiore ai servizi sanitari con ricoveri non programmati e cure di emergenza.

Un problema importante è il rischio che la cura e la gestione di questi pazienti diventi difficile e frammentaria.

 

Principi di cura personalizzata

Le linee guida del Nice raccomandano di considerare un approccio di cura personalizzato per quei pazienti di qualsiasi età con multimorbidità se presentano una delle seguenti caratteristiche:

  • hanno difficoltà a gestire le cure e le attività giorno per giorno
  • ricevono assistenza da più strutture sanitarie e necessitano di nuove cure da ulteriori strutture
  • hanno una combinazione di condizione mediche e psichiche a lungo termine
  • presentano fragilità o cadute
  • ricorrono frequentemente a cure non programmate o di emergenza
  • assumono regolarmente una politerapia.

Una volta identificati i pazienti con multimorbidità che potrebbero beneficiare di un trattamento personalizzato, la loro gestione dovrebbe focalizzarsi sui seguenti principi:

  • spiegare al paziente la proposta di un approccio di cura su misura
  • determinare il peso delle condizioni mediche e il carico dei trattamenti
  • chiarire con il paziente preferenze, bisogni e priorità individuali
  • revisionare le terapie farmacologiche e gli altri trattamenti a cui è sottoposto il paziente, valutando insieme i benefici, le reazione avverse e le interazioni dei singoli farmaci prescritti e la eventuale sospensione di alcuni di essi
  • sviluppare insieme al paziente un programma di cura personalizzato.

Alla fine del documento sono fornite anche delle raccomandazioni utili per la ricerca clinica e una serie di strumenti e risorse utili ai professionisti della salute per applicare le linee guida proposte.

 

Risorse utili