Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

caldo

Piano caldo 2013: le iniziative locali

25 luglio 2013 - EpiCentro propone una rassegna delle iniziative avviate a livello locale per contrastare gli effetti sulla salute delle ondate di calore. Per segnalare attività, prodotti e link utili è possibile scrivere alla redazione.

La Regione Abruzzo fornisce agli utenti del suo sito le informazioni sulle ondate di calore e le indicazioni per affrontarle in sicurezza.

 

Nella Regione Basilicata, la Asl di Matera sta predisponendo un programma ad ampio raggio per assicurare condizioni di sicurezza in tutto il territorio provinciale.

 

In Campania, l'assessorato alla Sanità, attraverso il Settore fasce deboli, l'Osservatorio epidemiologico regionale e la Protezione civile, ha pubblicato il documento “Piano emergenza clima ondate di calore – estate 2013” (pdf 2,3 Mb) e predisposto una serie di azioni di prevenzione e sorveglianza dei cittadini. Grazie al coinvolgimento delle Asl, inoltre, è stata realizzata una rete territoriale con riferimenti telefonici locali.

 

Per la Provincia autonoma di Bolzano, come di consueto, il Comune propone l’iniziativa “Un’estate da brivido” con informazioni utili per proteggersi dalle ondate di calore, l’elenco dei centri climatizzati a disposizione della popolazione ultra 75enne e l’attivazione del numero verde 800.00.18.00.

 

In Emilia-Romagna, la Regione ha disposto per l'estate 2013 le linee guida per l'assistenza alle persone che più risentono delle ondate di calore. I Servizi idrometeorologico e di epidemiologia ambientale dell’Arpa regionale forniscono un sistema di previsione del disagio bioclimatico in grado di prevedere, con 72 ore di anticipo, il verificarsi di disagio meteo climatico.

 

Nel Lazio, la Protezione civile, pubblica quotidianamente un bollettino sulle ondate di calore e mette a disposizione il vademecum “Affrontare le emergenze”. Nel Comune di Roma, il dipartimento Promozione dei servizi sociali e della salute, ha attivato anche quest’anno i soggiorni diurni per anziani al mare, alle terme e in piscina, rivolti alle persone anziane autosufficienti e parzialmente autosufficienti.

 

In Liguria, Arpal e Protezione civile pubblicano quotidianamente i bollettini metereologici con la segnalazione dei livelli di rischio per il territorio regionale.

 

Come ogni anno, la Regione Lombardia, promuove la campagna “Solo il bello del caldo” (pdf 1,9 Mb) che fornisce informazioni utili sulle modalità di esposizione al sole più sicure e sugli atteggiamenti maggiormente adatti alle giornate di calore. Su sito della Regione sono disponibili anche le “indicazioni per la gestione di emergenze in caso di elevate temperature ambientali” (pdf 78 kb). Inoltre, l’Arpa regionale diffonde quotidianamente i “Bollettini disagio da calore in Lombardia - Humidex”.

 

L’Azienda sanitaria unica regionale delle Marche dedica agli anziani, alle loro famiglie e a chi si occupa di loro, il Progetto Helios, un servizio gratuito di assistenza telefonica domiciliare che assicura agli anziani soli tutela e monitoraggio delle condizioni di salute. Il numero 800.45.00.20 è attivo tutti i giorni nell’orario 9-19 sino a settembre.

 

In Piemonte, la pagina web dedicata all’emergenza caldo, raccoglie le informazioni sui comportamenti più adatti, i numeri da contattare, i servizi a disposizione della popolazione in caso di necessità e i bollettini metereologici dell’Arpa Piemonte.

 

Nella Regione Puglia, la Asl di Taranto ha attivato, come ogni anno, il piano “Emergenza caldo 2013” un progetto inter-istituzionale dedicato alle persone di età superiore a 65 anni e in condizioni di fragilità sociale e fisica. Il piano prevede la predisposizione del call center Asl al numero 800.25.22.36, di quello Auser-Filo d’Argento al numero 800.99.59.88, il monitoraggio delle persone incluse nell’anagrafe fragilità e prestazioni socio-assistenziali per i soggetti maggiormente a rischio. La città di Bari ha predisposto un “Piano operativo” per la tutela della fasce più deboli della popolazione (che comprende linee telefoniche dedicate alle emergenze e all’ascolto, l’accoglienza notturna, la tutela della popolazione immigrata e un centro anti-violenza). In provincia di Lecce, il Comune di Spongano ha avviato l’iniziativa “Emergenza caldo 2013”, un piano di interventi e servizi a favore degli anziani e delle fasce fragili della società.

 

In Sardegna, l’assessorato regionale del Turismo ha avviato per il secondo anno consecutivo l’iniziativa “Sicuri in barca/sicuri al mare in Sardegna”. La Asl di Cagliari ha promosso la campagna Coste sicure 2013 che prevede il potenziamento del servizio 118, sulle 12 ore e sulle 24 ore, e l’attivazione di tutti i servizi sanitari costieri nell’arco dei mesi estivi.

 

Si chiama “Se fa caldo..ecco cosa fare” (pdf 142 kb) l’opuscolo realizzato dalla Asp di Palermo per la tutela della salute durante le giornate più calde dei mesi estivi. Inoltre, il dipartimento della Protezione civile siciliana, pubblica quotidianamente sul proprio sito il bollettino sulle ondate di calore.

 

Nella Regione Toscana è attivo il servizio Biometeo che informa la popolazione sul meteo della propria città, sulle ricadute delle temperature sulla salute, e offre consigli sull’abbigliamento adatto alla stagione estiva.

 

La Provincia autonoma di Trento è presente sul territorio con l’iniziativa “Persone Insieme per gli Anziani”, che garantisce l’assistenza agli anziani in difficoltà attraverso il numero verde 800.29.21.21 e fornisce informazioni sulle attività organizzate nei centri anziani della città.

 

In Veneto, la Protezione civile fornisce indicazioni quotidiane sulle temperature regionali.

 

In Umbria, il Comune di Perugia ha presentato il “Piano comunale emergenza calore 2013”, che definisce le linee di intervento per la prevenzione degli effetti negativi legati alle ondate di calore.

 

Nella Regione Valle d’Aosta, il Comune di Aosta ha attivato, anche per il 2013, l’iniziativa “Estate in sicurezza” per la tutela delle persone anziane contro caldo ed eventuali malintenzionati. Nel depliant, recapitato a tutti gli over 65enni della città, vengono fornite indicazioni utili sull’assunzione dei farmaci e l’alimentazione da seguire nelle giornate più calde e ricordate le truffe più comuni ai danni delle fasce deboli della popolazione.