Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

caldo

Caldo: le iniziative sul territorio per il 2008

EpiCentro propone una rassegna delle iniziative avviate a livello locale per contrastare gli effetti sulla salute delle ondate di calore.

 

In Abruzzo l’amministrazione comunale di Pescara ha approvato il programma in favore degli anziani “Estate solidale” che prevede la diffusione di un vademecum (parte 1 e parte 2) e l’attivazione di una centrale operativa affidata all’associazione Asso-onlus con il compito di monitorare e coinvolgere le risorse presenti sul territorio. Inoltre è possibile contattare la Linea solidale per l’emergenza caldo al numero 08561899, tutti i giorni dalle 8.30 alle 24. Le persone anziane, in caso di necessità, possono rivolgersi alle associazioni di volontariato attive sul territorio della propria circoscrizione.

 

In Basilicata, l’assessorato ai servizi sociali del Comune di Potenza, in collaborazione con la Protezione civile, l’Ausl 2 di Potenza e la rete telematica cooperativa sociale, ha predisposto una serie di servizi e attività per la tutela delle persone anziane sole, illustrate nella guida all’emergenza caldo. Tra le attività previste, un servizio di teleassistenza telefonica e telesoccorso, il trasporto con prenotazione per visite mediche, ritiro pensione, spesa e attività ricreative. Per informazioni, si può chiamare il numero 840151104 e visitare il sito del Comune lucano.

 

In Campania, sono numerose le iniziative gratuite organizzate dal Comune di Napoli nell’ambito del programma “Estate serena” per anziani e disabili che restano in città. Oltre a minicrociere a Capri ed Ischia, gite in città, escursioni in treno, serate al cinema, l’Assessorato alle politiche sociali ha previsto un servizio di assistenza domiciliare e telesoccorso in caso di necessità e ma anche ricoveri e mini alloggi. Per qualsiasi informazione sul programma e sulle attività, si può contattare il numero verde 800 079999. Nei mesi di luglio e agosto, il numero è attivo dal lunedì alla domenica dalle 8 alle 20.

 

La Regione Friuli Venezia Giulia ha attivato il centro di informazione gratuito Sos caldo, che risponde alle chiamate fino al 31 agosto, dalle ore 10 alle ore 20 al numero verde 800 007 800.

 

La Regione Liguria, sul sito dedicato agli anziani, nella sezione "mantenersi in salute", rilancia i consigli su come comportarsi d’estate per non incorrere in colpi di calore e proteggersi dal caldo. Suggerimenti utili anche per seguire una corretta dieta e alimentazione durante l’estate. La Regione Liguria, il Comune di Genova e l’Azienda sanitaria genovese 3 hanno definito un progetto integrato rivolto agli anziani che richiedono una particolare sorveglianza, in caso di caldo eccessivo. Il Programma emergenza estate prevede un numero verde 800 995988, attivo dalle ore 8 alle ore 20 tutti i giorni. Alla popolazione è stato distribuito un opuscolo informativo con i suggerimenti utili per fronteggiare il caldo.

 

Il Piemonte ha rinnovato per il 2008 il piano caldo con le misure preventive in caso di temperature elevate. Oltre alle raccomandazioni per il personale sanitario, è stata elaborata un’informativa per i medici sull’uso dei farmaci negli anziani durante le ondate di calore e per ogni azienda sanitaria è stato predisposto l’elenco dei soggetti più a rischio. Il piano prevede tre bollettini meteo sulle ondate di calore: uno specifico per la città di Torino, uno per la Provincia di Torino e uno per la Regione, con previsioni a 24, 48 e 72 ore. Per i cittadini, e in particolare per gli anziani, sono stati realizzati un pieghevole relativo alla città di Torino e uno per tutta la Regione.

 

La Lombardia ha emesso un comunicato e realizzato l’opuscolo “Solo il bello del caldo” tirato in 650 mila copie che detta le "10 regole d'oro" per evitare i disagi dell'afa. L’opuscolo è disponibile nelle sedi Asl, ospedali, farmacie, ambulatori, medici di base, case di riposo. Inoltre, sono state affisse più di 18 mila locandine per pubblicizzare i luoghi in cui reperire l'opuscolo e i numeri da chiamare per informazioni (840.000.006 e 800.995.988). La giunta regionale ha inoltre emanato le indicazioni per la Gestione di emergenze in caso di elevate temperature ambientali rivolte ai professionisti sanitari. Sempre in Lombardia, la Asl di Milano ha pubblicato un opuscolo con informazioni generali sui rischi associati alle ondate di calore con raccomandazioni per la popolazione anziana. La Provincia di Milano ha dedicato attenzione anche agli amici a quattro zampe: il caldo può essere molto pericoloso per gli animali. Ecco tutti i piccoli accorgimenti per far sopportare meglio agli animali la bella stagione. Inoltre, la Asl di Brescia ha predisposto per il 2008 un piano di interventi per il caldo e ha distribuito un opuscolo “Anziani e caldo: ecco cosa fare”. La Asl di Mantova fornisce un bollettino quotidiano e ha attivato il call center "Pronto emergenza caldo", attivo nei vari distretti territoriali. Infine, sul sito dell’Arpa Lombardia, è disponibile il bollettino quotidiano di disagio da calore.

 

Nel Lazio l’Agenzia di sanità pubblica ha rinnovato per l’estate 2008, dal 14 maggio al 16 settembre, il programma di sorveglianza degli eventi avversi nelle 81 residenze sanitarie assistenziali e Alzheimer della Regione (vedi tabella strutture Sear). Nella capitale, la Asl Roma E ha attivato il piano “Estate in salute” e pubblicato una serie di documenti utili per gli operatori di salute pubblica. Tra questi, il piano completo per il 2008, il programma per la prevenzione degli effetti del caldo sugli anziani, le linee guida clinico-organizzative per i medici e i servizi distrettuali e il bollettino quotidiano sulle ondate di calore per Roma. Per preservare lattanti e bambini piccoli dai pericoli di ondate di calore, si possono leggere i consigli dell’Ospedale pediatrico Bambin Gesù.

 

La Giunta regionale del Veneto ha adottato il “Protocollo per la prevenzione delle patologie da elevate temperature nella popolazione anziana della Regione Veneto - estate 2008”, destinato in particolare alla popolazione urbana, più esposta alle ondate di calore. Leggi anche l’allegato, relativo in particolare agli anziani. Inoltre, per migliorare la comunicazione ai soggetti interessati, la Giunta ha approvato il documento “Informazioni standard sull’emergenza caldo per la aziende Ulss da diffondere nella popolazione”.

 

In Emilia Romagna, sul sito dell’Arpa sono disponibili le previsioni regionali del rischio calore e le previsioni provinciali. On line i consigli per prevenire effetti nocivi sulla salute. Una sezione del sito, dedicata alla città di Bologna, riporta l’andamento quotidiano dell’indice di disagio. Informazioni sulle attività di prevenzione a livello locale e consigli pratici per difendersi dal caldo sono disponibili anche sul sito del Dipartimento politiche sociali della Regione, mentre sul portale del Servizio sanitario regionale sono elencate le attività di prevenzione disponibili a livello locale. Novità dell’estate 2008, un servizio per 15 mila anziani “fragili” ultra 75enni, residenti nei 50 comuni del territorio metropolitano di Bologna: potranno fare riferimento al numero verde 800 562 110 per le ondate di calore. Presso il dipartimento di sanità pubblica della Ausl di Bologna è stato costituito il centro di coordinamento e allerta sulle ondate di calore che offre consigli e raccomandazioni in diverse lingue, iniziative a livello locale, bollettini delle previsioni, indirizzi utili e approfondimenti utili per il personale sanitario. L’Asl di Modena ha pubblicato un opuscolo rivolto alle badanti, con i consigli utili per assistere gli anziani e aiutarli a sopportare l’afa. Fino al 15 settembre, il Comune di Ferrara promuove un piano d'intervento per la gestione delle ondate di calore delle persone con più di 75 anni di età (numero verde gratuito 800 072110). Nel comune di Reggio Emilia dal 10 giugno 2008 è attivo il Centro telefonico d’ascolto e aiuto dell’Ausl locale al numero 0522.320666, attivo tutti i giorni dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18. Il servizio offre supporto e assistenza in situazioni di possibile emergenza. Per informazioni più dettagliate, leggi l’opuscolo informativo.

 

In Umbria, la Direzione regionale sanità e servizi sociali, in collaborazione con le prefetture di Perugia e Terni, ha emanato le “Linee di azione per l’emergenza calore 2008”, per prevenire e contenere i danni alla salute causati dalle ondate di caldo. I Comuni dell’ambito territoriale 12 e il distretto 3 della Asl 4 hanno predisposto un avviso per la cittadinanza, divulgato attraverso gli studi dei Medici di medicina generale, le farmacie, i centri anziani e i punti di aggregazione, con le raccomandazioni su come affrontare eventuali ondate di calore, a chi rivolgersi in caso di emergenza e la mappa dei punti di aggregazione forniti di condizionatori d’aria. Leggi il comunicato stampa del Comune di Orvieto.

 

La Regione Marche ha dato il via anche quest’anno al progetto Helios. Scarica la locandina fronte e retro. Giunto alla sua quinta edizione, il piano anti-caldo marchigiano prevede un call center di pronto intervento attivo tutti i giorni dalle 9 alle 19 (numero verde 800 45020). Gli operatori forniranno informazioni agli utenti su come difendersi dai rischi del caldo, stili di vita, indirizzi e numeri utili dei servizi sociosanitari attivati sul territorio. La Regione, in collaborazione con la protezione civile, fornisce bollettini meteo e bollettini biometeo quotidiani con le previsioni sulle eventuali emergenze climatiche.

 

In Sardegna, anche per il 2008 e per il secondo anno consecutivo, la Asl Lanusei affronta l’emergenza caldo: da martedì 1 luglio è operativo il “Piano caldo”. All’iniziativa partecipano attivamente la Provincia, i 23 Comuni ogliastrini e le associazioni di volontariato attive sul territorio. Verranno distribuiti capillarmente sul territorio 15 mila copie di un opuscolo informativo con le norme comportamentali da seguire e il numero telefonico 0782 42973 da chiamare in caso di difficoltà. Leggi il comunicato stampa della Regione.

 

In Sicilia, il Comune di Catania ha attivato il sistema di allarme Heat Health Watch Warning System. Le informazioni sono consultabili sul portale del comune.

 

La Toscana ha attivato il servizio Meteo e Salute per informare cittadini e operatori sanitari sugli effetti di determinate condizioni atmosferiche. Sul sito web del Lamma è possibile trovare consigli utili per affrontare l’afa e consultare le previsioni per il giorno corrente e i due successivi con le mappe di rischio dell'intera Toscana. Il comune di Firenze ha pubblicato le informazioni sulle iniziative locali in collaborazione con il servizio meteo della Protezione civile. Indicazioni utili si trovano anche al sito della Usl 12 di Viareggio.