Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

caldo

Piano caldo 2015

11 giugno 2015 - Come ogni estate prende il via il Sistema nazionale di previsione allarme ondate di calore, che permette la previsione, la sorveglianza e la prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute della popolazione in 27 città (Ancona, Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Cagliari, Campobasso, Catania, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Genova, Latina, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Pescara, Reggio Calabria, Rieti, Roma, Torino, Trieste, Venezia, Verona, Viterbo).

 

Piano operativo nazionale

A partire dall'estate 2005, il ministero della Salute ha introdotto il Piano operativo nazionale, con lo scopo di implementare i sistemi di allarme Heat Health Watch Warning System (Hhwws) e il sistema nazionale rapido di rilevazione della mortalità giornaliera. Il Piano operativo prevede inoltre una serie di attività specifiche, tra cui:

  • supporto nella definizione di piani operativi differenziati per livello di rischio previsto dai sistemi Hhww e per profilo di rischio dell’area considerata (aree a rischio elevato, aree a rischio medio-alto, aree a basso rischio)
  • definizione di metodologie per l’identificazione dei gruppi di popolazione ad alto rischio (“suscettibili”) a cui rivolgere gli interventi di prevenzione
  • individuazione di indicatori di morbilità per la sorveglianza epidemiologica degli effetti delle ondate di calore relativi a specifici sottogruppi di popolazione utilizzando i sistemi informativi correnti o strutture sentinella
  • valutazione dell’efficacia dei sistemi di allarme Hhww e degli interventi di prevenzione
  • promozione la creazione di gruppi di lavoro multidisciplinari con lo scopo di fornire supporto alla realizzazione degli obiettivi specifici del progetto.

Inoltre, nell’ambito del Piano è attivo un sistema di monitoraggio degli effetti sulla salute associati alle ondate di calore, a livello nazionale, attraverso l’uso dei dati dei flussi informativi dell’emergenza sanitaria-118 e del Pronto Soccorso relativi ad alcune strutture sentinella.

 

Call center 1500

Il ministero della Salute attiva ogni estate un servizio di informazione telefonica ai cittadini sulle ondate di calore, raggiungibile digitando il numero 1500.

 

Materiali divulgativi

I bollettini, pubblicati alla pagina Ondate di calore - Sistema nazionale di previsione allarme sino al 15 settembre 2015, vengono diffusi quotidianamente ai Centri di riferimento locali individuati dalle Amministrazioni competenti per l'attivazione, in caso di necessità, di piani di intervento a favore della popolazione vulnerabile.

 

Nell’opuscolo “Consigli generali per affrontare il gran caldo senza rischi per la salute Il decalogo del Ministero della salute” (pdf 289 kb) vengono spiegate le 10 regole comportamentali che possono contribuire a ridurre notevolmente le conseguenze nocive delle ondate di calore:

  • uscire durante le ore meno calde della giornata
  • indossare un abbigliamento leggero
  • rinfrescare l’ambiente domestico e di lavoro
  • ridurre la temperatura corporea
  • ridurre il livello di attività fisica
  • bere con regolarità e alimentarsi in maniera corretta
  • adottare alcune precauzioni durante i tragitti in macchina
  • conservare correttamente i farmaci
  • adottare precauzioni particolari se si è a rischio
  • sorvegliare e prendersi cura delle persone a rischio.

Il portale del ministero della Salute offre inoltre numerosi materiali informativi per i cittadini e gli operatori. Tra questi:

Risorse utili

  • la sezione dedicata all’Estate 2015 sul sito del ministero della Salute.