Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

influenza aviaria

Informazioni e documenti dall'Europa

Consulta tutti gli articoli e i documenti tecnici pubblicati in Europa dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc di Stoccolma), dall'Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) e dalla rivista Eurosurveillance.

  • Annual Report on surveillance for avian influenza in poultry in the EU, 2007

    Risultati del monitoraggio annuale (per il 2007) sulla sorveglianza della Commissione europea sui virus H5 e H7 a bassa patogenicitÓ negli allevamenti di pollame dei Paesi membri. I dati per il 2007 sono rassicuranti: in nessuna delle categorie di pollame esaminate sono stati rilevati cambiamenti importanti nella prevalenza osservata nel 2006. Leggi la sintesi a cura della redazione di Epicentro e il commento di Stefano Marangon, direttore sanitario dell’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie.

  • Pandemic Preparedness in the European Union, Autumn 2007

    L’Europa Ŕ probabilmente la regione del mondo meglio preparata a una pandemia: Ŕ il risultato principale del rapporto dell’Ecdc per i Policy Makers. Le conclusioni della pubblicazione si basano sulle ispezioni dei team dell’Ecdc nei 27 Stati membri della Ue e nei tre della Eea/Efta (Islanda, Liechtenstein e Norvegia) e su una review sulla preparazione di questi Paesi scaturita dal workshop Eu/Oms tenutosi a settembre 2007.

  • L’H5N1 e l’acqua potabile e da balneazione: le linee guida Ecdc (28 giugno 2006)

    Il rischio per l’uomo di contrarre l’influenza aviaria facendo il bagno in estate nei mari, nei fiumi e nei laghi europei Ŕ praticamente nullo. Non solo a causa dello scarso adattamento del virus all’uomo, ma anche per la sua diluizione in grandi masse d’acqua. Lo sostiene un rapporto tecnico dell’Ecdc sui rischi per la salute legati alla balneazione e all’uso di acque potabili contaminate dal virus H5N1.
    Scarica l’intero rapporto (in italiano).

  • La valutazione del rischio per la salute pubblica legato al virus H5N1 (20 maggio 2006)
    ╚ disponibile anche una sintesi del documento in italiano, aggiornata al 19 ottobre 2005.
    Leggi il comunicato stampa (in italiano).

  • Ecdc: le raccomandazioni su gatti e influenza aviaria (2 marzo 2006)
    Dopo il caso di infezione da H5N1 in un gatto ritrovato morto sull’isola di Ruegen nel mar Baltico in Germania, il comitato scientifico sull’influenza aviaria dell’Ecdc ha emanato una nota ufficiale con una serie di raccomandazioni (leggi il documento in italiano).

  • Ue: le misure in caso di epidemia negli animali (febbraio 2006)
    Provvedimenti da applicare in ciascuno degli Stati membri dell’Ue che riscontri fra gli uccelli selvatici un caso di influenza aviaria da virus H5 e che sospetti o confermi si tratti del virus H5N1 ad alta patogenicitÓ (leggi il documento in italiano).

  • Linee guida per minimizzare i rischi per l'uomo di contrarre virus altamente patogeni dell'influenza aviaria (compreso A/H5N1) da volatili e altri animali (ottobre 2005, aggiornate il 21 dicembre 2005)
    Documento tecnico dedicato alla protezione degli operatori professionali, in particolar modo gli allevatori e tutti coloro che sono coinvolti nelle procedure di abbattimento degli animali infetti (in italiano).
  • Le faq Ue sulla vaccinazione del pollame (febbraio 2006)
    L'Unione europea pubblica una serie di utili domande e risposte sulla vaccinazione del pollame e di altri volatili contro l'influenza aviaria. Leggi le faq (in italiano).
  • Guida per gli Stati Ue sulle modalitÓ di comunicazione al pubblico del rischio legato alla presenza del virus H5N1 in Europa (16 febbraio 2006)
    Le indicazioni pratiche di comportamento sono differenziate, a seconda dei diversi gruppi a rischio (in italiano).
  • Consigli utili per i viaggiatori (15 febbraio 2006)
    Una serie di raccomandazioni pratiche per chi si reca in viaggio nei Paesi colpiti dal virus dell'influenza aviaria (in italiano).
  • Raccomandazioni Efsa (settembre 2005, aggiornate a febbraio 2006)
    Indicazioni utili su: virus aviari a bassa patogenicitÓ, problemi per gli allevamenti esposti alle rotte migratorie degli uccelli selvatici, misure per contenere l'insorgenza di focolai. Nel rapporto sono indicate alcune azioni concrete che dovrebbero essere messe in atto in ogni Paese per ridurre i rischi di un possibile contagio tra gli animali allevati e i selvatici migratori.
  • Il fattore meteo nei casi umani di influenza aviaria in Turchia (19 gennaio 2006)
    Articolo di Eurosurveillance sul ruolo del clima nella diffusione del virus H5N1 in Turchia (in italiano).
  • Conclusioni del meeting tra Comitato di sicurezza sanitaria, coordinatori Ue per l'influenza e rappresentanti Stati membri del sistema di allerta e risposta rapida (12 gennaio 2006)
    Il documento Ŕ disponibile anche sul sito dell'Ecdc (in italiano).

Leggi tutti gli aggiornamenti relativi all'Europa, in ordine cronologico (dal 24 ottobre 2005 a oggi).


 

trova dati