Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

influenza aviaria

Notiziario - 11 febbraio 2006

Isolato il virsus H5n1 in Italia
Il virus H5N1 è stato individuato dal Centro di Padova in  due cigni reali trovati morti nei  pressi di Barcellona Pozzo di Gotto nel Messinese e nelle campagne fra Giarre e Riposto nel Catanese, il ritrovamento risale a giovedì 9 febbraio. L’Istituto zooprofilattico delle Venezie ha stabilito che i due volatili sono morti a causa del virus H5N1 patogeno.

 

21 cigni colpiti in Sicilia, Calabria e Puglia
Ventuno cigni colpiti da influenza aviaria in Italia, di cui 20 sono morti. Il ministro della Salute ha confermato in una conferenza stampa che il virus H5N1 trovato in Italia nei cigni morti in Sicilia, Calabria e Puglia è del ceppo ad alta patogenicità. Si tratta della prima volta che che ciò avviene in Italia.

 

Ratificato il piano pandemico nazionale
Il Piano nazionale per la preparazione e la risposta ad una pandemia influenzale, è stato ratificato il 9 febbraio 2006, da un accordo della Conferenza permanente per i rapporti fra lo Stato e le Regioni. Il Piano aggiorna e sostituisce il precedente Piano italiano multifase per una pandemia influenzale, pubblicato nel 2002, e rappresenta il riferimento nazionale in base al quale saranno messi a punto i Piani operativi regionali. Leggi il testo del Piano.


 

trova dati