Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

influenza aviaria

Notiziario - 31 maggio 2007

Regno Unito: quattro casi di influenza aviaria A/H7N2 nell’uomo

Il 25 maggio 2007, la Health Protection Agency (Hpa) del Regno Unito ha annunciato l’isolamento in laboratorio di un virus influenzale di tipo A/H7N2 in quattro individui esposti a pollame infetto nella fattoria Corwen, a Conwy in Galles. L’epidemia nel pollame, scoppiata nella fattoria l’8 maggio scorso, Ŕ stata confermata da test di laboratorio il 24 maggio ed Ŕ stata notificata all’Organizzazione mondiale della sanitÓ animale (Oie) il 25 maggio.

L’infezione da virus A/H7N2 Ŕ stata ipotizzata, anche per altre cinque persone, ma gli esami di laboratorio hanno dato esito negativo. Tutti i nove individui in cui Ŕ stata considerata l’influenza da virus A/H7N2presentavano sintomi leggeri, tra cui congiuntivite e malessere di tipo influenzale. Tre persone, inizialmente ricoverate in ospedale, sono state dimesse. Come misura precauzionale, il National Public Health Service del Galles e l’Hpa North West stanno rintracciando e monitorando tutti coloro che sono stati a stretto contatto con le persone che si sono ammalate.

L’indagine sull’origine del focolaio della fattoria Corwen, a Conwy, Ŕ ancora in corso e si sta valutando la possibilitÓ che possa essere epidemiologicamente collegato all’acquisto di pollame al mercato di Chelford, nel Cheshire, lo scorso 7 Maggio. ╚ stato anche chiesto agli allevatori di pollame che sono stati al mercato di Chelford, lo stesso giorno, di contattare i funzionari della sanitÓ animale.

Il virus influenzale A/H7N2, identificato da test di laboratorio effettuati su campioni umani e animali, Ŕ un ceppo di influenza aviaria a bassa patogenicitÓ. ╚ differente dal ceppo virale A/H5N1 ad elevata patogenicitÓ, attualmente circolante nel Sud est dell’Asia e, sporadicamente, in Europa. L’infezione da virus influenzale A/H7N2, nell’uomo, Ŕ associata generalmente a una sintomatologia leggera.

Altri ceppi influenzali di tipo A/H7 (H7N3 nel Regno Unito nel 2006 e H7N7 nei Paesi Bassi nel 2003) hanno causato focolai nel pollame, caratterizzati sia da bassa che da alta patogenicitÓ. Sono stati riportati casi di infezione in individui esposti a questi focolai. Queste infezioni nell’uomo erano asintomatiche o associate a malattia lieve, tra cui congiuntivite con sintomi influenzali. Questo Ŕ stato osservato anche nelle epidemie da virus influenzale di tipo A/H7N3 che si sono verificate nel Regno Unito nel 2006, quando un allevatore di pollame ha manifestato i sintomi di una congiuntivite. Mentre, nel corso dell’epidemia di influenza aviaria ad alta patogenicitÓ da virus A/H7N7 che colpý il pollame nei Paesi Bassi nel 2003 (dove l’infezione da A/H7N7 venne confermata in laboratorio per 86 persone affette da congiuntivite) un veterinario, colpito da sindrome respiratoria acuta, morý.

Su ProMed, una precisa disamina, in inglese, sul numero di soggetti coinvolti nell’episodio epidemico e sulle misure di sanitÓ pubblica intraprese dall’Health Protection Agency per rintracciare e monitorare tutti coloro che sono entrati in contatto con le persone ammalate o con la fattoria Corwen.

Leggi il comunicato originale sul sito della Health Protection Agency.


 

trova dati