Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

procreazione medicalmente assistita

Procreazione medicalmente assistita: i dati sull’attività del Registro per l’anno 2014

Giulia Scaravelli - Registro nazionale Procreazione medicalmente assistita, Cnesps-Iss

 

7 luglio 2016 - Quest'anno il Registro nazional Procreazione medicalmente assistita (Pma) dell’Istituto superiore di sanità compie 10 anni di raccolta dati. Dopo un decennio si conferma la validità del sistema di sorveglianza nazionale istituito presso il Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute (Cnesps) dell’Iss che mantiene negli anni il 100% di copertura su tutti i Centri e su tutti i cicli di trattamento di Pma eseguiti nel nostro Paese.

 

I dati 2014 pubblicati nella “Relazione annuale sullo stato di attuazione della Legge 40/2004 in materia di Procreazione medicalmente assistita (Pma)” confermano il trend in aumento dell’offerta dei cicli di Pma per le donne italiane che risulta di più di mille cicli per milione di abitanti (1102) e che si sta avvicinando al gold standard considerato nelle medie europee di 1500 cicli offerti per milione di abitanti. Aumenta però anche l’età media delle donne che si rivolgono a queste tecniche che ormai è di 36,7 anni.

 

Dal documento emerge che i bambini italiani nati grazie alla riproduzione assistita da tecniche di II e III livello sono oggi 10.976, il 2,2% del totale dei nati in Italia nel 2014 (numero in aumento rispetto allo 0,66 del 2005).

 

Le percentuali di gravidanza ottenute si confermano stabili sul 27% per le tecniche a fresco Ivf e Icsi mentre aumenta l’efficacia dei cicli di congelamento sia embrionario che ovocitario che riportano rispettivamente percentuali del 27,7% e del 21,1% sui trasferimenti eseguiti.

 

In diminuzione l’applicazione di tecniche di I livello, come l’inseminazione intrauterina. Con 23.866 cicli di trattamento eseguiti e 1682 bambini nati, sono stabili le percentuali di gravidanza ottenute che da dieci anni si attestano intorno al 10% su ciclo iniziato. Il 65% dei cicli viene effettuato in strutture pubbliche o convenzionate.

 

Dopo la sentenza 162 della Corte costituzionale di aprile 2014 che ne ha sancito la legittimità, quest’anno per la prima volta il documento riporta riportati anche i cicli di Pma effettuati con donazione di gameti. Tuttavia, è ancora presto per fare valutazioni epidemiologiche esaustive perché il tempo di applicazione di queste tecniche è stato breve e sono stati riportati solo un numero esiguo di trattamenti.

 

Risorse utili