Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

tossicodipendenze

Archivio 2008

(11 dicembre 2008) Osservatorio di Bologna: i risultati di uno studio sulla cocaina

È disponibile sul sito dell’Osservatorio epidemiologico metropolitano sulle dipendenze patologiche di Bologna la documentazione relativa al convegno che si è tenuto il 28 novembre 2008 a Roma: “I risultati preliminari dello studio Pcs: percezione del danno, comportamenti a rischio, significati attribuiti all'uso di cocaina”. La ricerca è stata effettuata in 25 città italiane, in cui sono stati intervistati quasi 3500 soggetti di età compresa tra i 15 e 50 anni e 492 utenti del pubblico e privato sociale con dipendenza da cocaina. L’obiettivo: analizzare, per la prima volta in Europa, sia l’universo dei consumatori di cocaina in relazione all’intensità dell’uso e delle abitudini di consumo, sia la percezione del rischio delle persone che non sono consumatori. Scarica tutta la documentazione del convegno.

 

(13 novembre 2008) Consumo di droghe in Europa: la relazione 2008 dell’Oedt

Gli oppiacei sono ancora il problema principale per quanto riguarda il consumo di droga in Europa, ed è ancora elevato il numero dei decessi legati agli stupefacenti: nel 2005-2006 sono stati il 3,5% del totale dei decessi nei giovani europei tra i 15 e 39 anni. Nel 70% dei casi si tratta di oppiacei. I dati sono contenuti nella relazione 2008 sull’evoluzione del fenomeno della droga in Europa, pubblicata dall’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (Oedt). Leggi l’approfondimento, a cura della redazione di EpiCentro.

 

(22 ottobre 2008) Abuso di sostanze: il rapporto 2007 dell’Osservatorio di Bologna

Nell’area metropolitana di Bologna il numero di soggetti con problemi alcol correlati è in diminuzione tra i residenti e in aumento tra i non residenti. Aumenta la fascia del “consumo critico” di stupefacenti, in particolare tra residenti, stranieri (provenienti in larga parte da Paesi del Nord Africa) e soggetti senza fissa dimora. Sono alcuni dei dati presentati nel rapporto 2007 sulle dipendenze in area metropolitana dell’Osservatorio epidemiologico metropolitano dipendenze patologiche di Bologna. Cresce il consumo di eroina e il numero di soggetti che “sniffano” o fumano. Per quanto riguarda il consumo di cocaina, si evidenzia un elevato ricorso a servizi sanitari di emergenza e il raddoppio della prevalenza di consumatrici problematiche. Tra gli utenti dei Sert, si segnala la diminuzione del numero dei positivi all’epatite C e all’Hiv sia tra i soggetti già in carico che tra i nuovi contatti: sono in assoluto i dati più bassi degli ultimi dieci anni. Per ulteriori informazioni, scarica il rapporto completo (pdf 2,4 Mb).

 

(16 ottobre 2008) Le dipendenze in Sardegna: il rapporto 2008

Il consumo di sostanze stupefacenti illegali prevale tra i giovani di età compresa tra i 15 e i 34 anni e particolarmente preoccupante risulta essere l’aumento registrato per il consumo di cocaina. Mentre per quanto riguarda l’alcol, almeno un quarto della popolazione è andato incontro a episodi di intossicazione acuta già all’età di 15 anni. Sono solo alcuni dei dati che emergono dal rapporto regionale sullo stato delle dipendenze presentato il 23 giugno 2008 dalla Cittadella della salute della Asl di Cagliari. Per far fronte a questi disagi, la Regione promuove il potenziamento dei Servizi per le dipendenze e delle comunità terapeutiche e, attraverso l’istituzione del dipartimento aziendale della Salute mentale e delle dipendenze (Dsmd), favorisce l’integrazione delle attività relative alle dipendenze con le iniziative per la salute mentale. Scarica il rapporto completo (pdf 3,1 Mb).

 

(18 settembre 2008) Consumo di droghe in Europa: il bollettino Oedt 2008

La situazione delle droghe in Europa: l’Osservatorio europeo su droghe e tossicodipendenze (Oedt) pubblica il bollettino statistico 2008 che costituisce la base epidemiologica per il report annuale. I dati sono organizzati per sezioni e la maggior parte è presentata sotto forma di tabelle e grafici. Leggi l’approfondimento su EpiCentro.

 

(10 luglio 2008) Presentata la relazione annuale 2007 sulle tossicodipendenze
L'uso di eroina è in costante calo dal 2001, si attenua il trend in aumento del consumo di cocaina registrato negli ultimi anni. Aumenta invece il consumo di sostanze stimolanti e allucinogeni, soprattutto tra gli studenti. Sempre più diffuso l’uso di cannabis. Sono alcuni dei dati presentati nella relazione annuale al Parlamento sullo stato delle tossicodipendenze in Italia per il 2007. Interessante anche il dato sulla reperibilità: il 31,3% degli italiani (fra i 15 e i 64 anni) e il 51% degli studenti (fra i 15 e i 19 anni) ritiene facile trovare in breve tempo una qualsiasi sostanza psicoattiva illegale. Leggi la presentazione sul sito della Presidenza del Consiglio dei ministri e scarica il documento (pdf 10,41 Mb).

 

(30 aprile 2008) Abuso di sostanze tra gli adulti più anziani: un problema trascurato

Un focus dell’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze mostra come la diffusione di droghe illecite, alcol e uso improprio di farmaci, sia in aumento nella fasce di età più avanzate. Secondo le previsioni, il numero di anziani con problemi legati all’abuso di sostanze aumenterà più del doppio tra il 2001 e il 2020. Leggi l’approfondimento a cura della redazione di EpiCentro.

 

(24 aprile 2008) Stili di consumo e problemi sanitari: due convegni a Bologna

L’Osservatorio epidemiologico metropolitano dipendenze patologiche di Bologna ha organizzato ad aprile due convegni sulle tematiche legate alle tossicodipendenze. Il convegno dell’11 aprile, intitolato “Tra percezione del rischio e ricerca del piacere: i significati attribuiti all'uso delle sostanze. Nuovi stili di lavoro per nuovi stili di consumo”, si è incentrato sulla dimensione psicologica del consumo di sostanze e sulla percezione del rischio. Il convegno del 4 aprile, “Cannabis e problemi sanitari”, ha riguardato invece gli aspetti sanitari legati al consumo di cannabis: i danni alla salute, i legami con incidenti stradali e disordini psichici, i comportamenti pericolosi, ma anche l’uso di cannabinoidi in terapia.

Le presentazioni si possono scaricare dalle pagine dedicate ai due convegni sul sito dell’Osservatorio: vai alla pagina sul convegno “Tra percezione del rischio e ricerca del piacere: i significati attribuiti all'uso delle sostanze. Nuovi stili di lavoro per nuovi stili di consumo” e a quella sul convegno “Cannabis e problemi sanitari”.

 

(31 gennaio 2008) Uso e abuso di sostanze stupefacenti in Abruzzo
Consumo di psicostimolanti e di alcol in aumento tra i giovani, insieme all’assunzione combinata di più sostanze. È quanto emerge dall’analisi sul fenomeno di uso e abuso di sostanze stupefacenti in Abruzzo nel 2006, presentata nel rapporto a cura dell’Osservatorio epidemiologico regionale sulle tossicodipendenze. La familiarità è il principale fattore di rischio associato all’uso di cannabis, alcol e tabacco. Attorno a Pescara e Teramo e nei pressi della costa meridionale si registra la maggior concentrazione di consumatori di sostanze stupefacenti. Leggi l’approfondimento a cura della redazione di EpiCentro.