Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

La sorveglianza Passi

Nuove collaborazioni per portare avanti la rete delle diverse sorveglianze

Massimo O. Trinito – Gruppo tecnico Passi

 

19 luglio 2012 - A distanza di un mese dal convegno/evento di Guadagnare Salute che si Ŕ svolto a Venezia il 21-22 giugno, appare necessario sedimentare con l’inchiostro alcune riflessioni ed emozioni maturate in quel contesto.

 

Innanzitutto mi ha colpito l’entitÓ del successo dell’iniziativa: un migliaio di operatori partecipanti e una presenza istituzionale molto importante sono indicatori non trascurabili di attenzione ai temi trattati, soprattutto in assenza di sponsor e in piena crisi economica.

 

Da “passista” (operatore del Passi, ndr) ho apprezzato l’impegno trasversale che Ŕ stato profuso in tutta Italia da coordinatori e intervistatori, come ben evidenziato dalla “vela” (pdf 2,6 Mb) esposta. Decisamente alto il livello di alcuni prodotti di comunicazione realizzati per l’occasione (basti vedere il report del Veneto, la scheda “Passi-Gs” del Trentino (pdf 901 kb), i poster premiati, ecc). Lodevoli anche le relazioni presentate, interessanti e ricche di contenuti, all’interno del convegno e nel workshop sul diabete. Efficace, infine, l’organizzazione e la conduzione dei corsi tenuti.

 

Un elemento fondamentale, a mio avviso, Ŕ stata l’opportunitÓ di scambio culturale tra rappresentanti di esperienze diverse: la presenza degli operatori Passi fra i relatori delle diverse sessioni del convegno Ŕ stata l’occasione per avviare collaborazioni con chi opera in specifici settori d’intervento.

 

Sempre da “passista” e operatore del Piano regionale di prevenzione, l’impressione Ŕ che ci sia ancora molto da fare per arrivare a produrre una valutazione scientifica degli interventi in modo quasi routinario, ma mi sembra che sforzi in questo senso non manchino e che il lavoro del Dors su questo tema sia encomiabile.

 

Con il suo ricco programma di appuntamenti e il grande afflusso di partecipanti, l’evento di Venezia Ŕ stato un grande momento di confronto e incontro. Se tre anni fa, a Napoli, la rete Passi ha costituito numericamente e sostanzialmente la struttura portante del convegno (pur se i relatori nelle varie sessioni avevano estrazioni professionali molto diverse, anche non sanitarie), a Venezia la rete Passi apparteneva a una “meta-rete” pi¨ ampia, formata da tutti i network che si impegnano sulle diverse tematiche affrontate da Guadagnare Salute. Si tratta di un’appartenenza vera, fatta di condivisione di obiettivi generali, di volontÓ di confronto e integrazione, di operatori che vogliono migliorare insieme gli interventi di sanitÓ pubblica.

 

Guadagnare Salute Ŕ sempre meno la somma di singole sorveglianze o di interventi monotematici e sempre pi¨ una vera e propria comunitÓ. Una comunitÓ che Passi sta fortemente contribuendo a costruire.