Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

La sorveglianza Passi

La rilevazione dei dati nello studio CometeS e la rappresentatività del campione

22 dicembre 2011 - CometeS è uno studio trasversale sulla popolazione residente nei comuni inclusi nella ex Asl de L’Aquila (di età compresa tra 18 e 69 anni) indagata intervistando un campione di 957 assistiti, secondo la metodologia di campionamento e rilevazione tradizionali del Passi. Le interviste sono state effettuate in un periodo che va dal 28 maggio 2010 al 15 novembre 2010, utilizzando un questionario derivato dal questionario Passi 2010 (pdf 146 kb), da operatori delle Asl abruzzesi che hanno anche inserito i dati in un database elettronico. La figura riporta un diagramma di flusso che illustra il processo di rilevazione.

 

Diagramma della Rilevazione (28 maggio 2010 – 15 novembre 2010)

 

 

Sono state selezionate complessivamente 1.090 persone (998 titolari e 92 sostituti). Di queste 133 non sono state intervistate: 49 non sono state rintracciate, 39 sono risultate non eleggibili e 45 hanno rifiutato l’intervista.

 

Dei 133 soggetti non intervistati, 92 sono stati sostituiti, mediante estrazione casuale nello stesso strato dei titolari, come previsto dal protocollo Passi. Per motivi organizzativi non è stato possibile sostituire, entro i tempi previsti per la rilevazione, 41 persone campionate, per cui il numero definitivo di intervistati è risultato pari a 957.

 

Gli indicatori di qualità della rilevazione, calcolati secondo i criteri dell’American Association for Public Opinion Research,  sono i seguenti: tasso di risposta 91%, rifiuto 4%, eleggibilità 96%.

 

Rappresentatività del campione

Il campione dello studio Cometes è stato selezionato a gennaio 2010 dall’anagrafe sanitaria della ex Asl de L’Aquila costituita da 67.318 residenti di età compresa tra 18 e 69 anni, iscritti all’anagrafe.

Dal 28 maggio al 15 novembre 2010 sono state intervistate 957 persone campionate. Per valutare la rappresentatività del campione, la distribuzione per età e sesso è stata confrontata con quella della popolazione residente negli stessi comuni secondo i dati Istat riferiti al 1.1.2010.

 

 

In conclusione, la distribuzione per sesso e classi di età del campione intervistato è sostanzialmente sovrapponibile a quella dei residenti iscritti alle anagrafi dei comuni inclusi nella Asl, così come risulta al database dell’Istat, e ciò è indice di una buona rappresentatività del campione.