Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

La sorveglianza Passi

La sicurezza dei bambini in auto

a cura dello staff Passi

 

 

25 novembre 2010 - I traumi da trasporto sono una causa importante di morte tra i bambini in Italia tra 1 e 14 anni[1], costituendo con 122 morti, il 13% del totale dei decessi registrati dall’Istat nel 2007 in questa fascia di età. Molte morti possono essere evitate, ponendo i bambini in seggiolini e adattatori per auto appropriati per età e massa corporea. Queste misure, infatti, riducono di oltre la metà le conseguenze serie o mortali degli incidenti nei bambini[2].

 

Uso dei sistemi di ritenuta dei bambini

Secondo il sistema Passi, il 90% degli adulti intervistati riferisce che i minori di 15 anni conviventi viaggiano in veicoli sempre trattenuti con un seggiolino di sicurezza, un adattatore o una cintura. Ma si tratta di una stima che risente di vari fattori distorcenti, come la difficoltà ad ammettere una negligenza considerata socialmente riprovevole e il fatto che le risposte andrebbero ponderate in base a quanto tempo o quanti chilometri effettivamente il bambino ha viaggiato in auto. Stime più affidabili sono fornite da studi basati sull’osservazione diretta.

 

Il programma di sorveglianza della regione Piemonte (file zip compresso), basato su osservazioni, offre un quadro molto deludente con una prevalenza d’uso del 52%, e una variazione tra le Asl che va da un massimo del 79% ad un minimo del 28%.

 

In Veneto, nel 2006 uno studio osservazionale, condotto su un campione di asili, scuole e supermercati, ha fornito una stima della prevalenza di bambini protetti da sistemi di ritenuta pari al 49%.

 

Nel 2009, nella Asl 10 di Firenze e nella Ausl di Cesena, la prevalenza d’uso era attorno al 50%.

 

È auspicabile che il sistema Ulisse, basato su osservazioni fatte sulla strada, possa fornire anche per l’uso dei seggiolini stime valide sul territorio nazionale.

 

Dimensioni del problema

In Italia, secondo i dati Aci-Istat (che tengono conto dei decessi per incidente stradale, solo se avvenuti entro 30 giorni dall’incidente), nel corso del 2008, in Italia, sono morti 56 bambini di meno di 15 anni coinvolti in incidenti stradali, mentre viaggiavano in auto, e 8.456 hanno riportato una lesione traumatica[3].

 

Un bambino di 6 kg, a una velocità di 50 km/h, in caso di incidente arriva a "pesare" fino a 150 kg. Per questo motivo anche i bambini molto piccoli, come tutti gli occupanti dell’autoveicolo, devono essere protetti con un sistema di ritenuta.

 

Le lesioni a carico di bambini in auto sono in parte o del tutto evitabili

I seggiolini di sicurezza riducono il rischio di morte in auto, per i bambini fino a 12 mesi del 71%, per quelli tra 1 e 4 anni del 54%[2].

 

Esistono prove molto solide che le leggi sui seggiolini di sicurezza, l’offerta dei seggiolini più programmi educativi, campagne educative associate a interventi di polizia per “far rispettare” l’obbligo e, infine, programmi basati su incentivi e programmi educativi, siano tutti efficaci per aumentare l’uso dei seggiolini.

 

Il Codice della strada fornisce una semplice indicazione: tutti gli occupanti di un’autovettura devono adottare un sistema di ritenuta appropriato: cintura anteriore o posteriore, seggiolino, adattatore più cintura.

 

Secondo i ricercatori del Children's Hospital of Philadelphia, il rischio di lesione traumatica per i bambini da 4 a 7 anni che usano l’adattatore (booster seat), confrontati con quelli che indossano la cintura di sicurezza senza adattatore, si riduce del 59%[4].

 

In ogni caso, i bambini non dovrebbero mai sedere di fronte a un airbag, perché questo può colpire o uccidere il bambino in uno scontro, a cui sarebbero sopravvissuti, se avessero occupato un altro posto.

 

I bambini devono stare nella parte posteriore dell’abitacolo, che è quella più sicura in caso di incidente. Nel complesso, per bambini e ragazzi con meno di 16 anni, viaggiare sul sedile posteriore si associa a una riduzione del 40% del rischio di lesione severa [4].

 

I fattori di rischio

L’uso dei sistemi di ritenuta per i bimbi piccoli dipende spesso dal fatto che il guidatore indossi la cintura di sicurezza o meno. Uno studio ha mostrato che quasi il 40% dei bimbi che viaggiano con guidatori senza cintura non è, a sua volta, trattenuto da un adeguato sistema di sicurezza.

I sistemi di ritenuta per bambini sono spesso usati in modo non corretto. Negli Stati Uniti, nel 2002 è stato rilevato che il 72% dei 3.500 seggiolini o adattatori controllati era usato scorrettamente, in modo da esporre gli occupanti a un rischio di trauma in caso di incidente.


Note

[1] Istat. Cause di morte 2007.

[2] Department of Transportation (US), National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA), Traffic Safety Facts 2008 Data: Children. Washington (DC): NHTSA; 2009. [2 agosto 2010]

[3] Aci-Istat. Incidenti stradali 2008. [13 novembre 2009].

[4] Durbin DR, Chen I, Smith R, Elliott MR, Winston FK. Effects of seating position and appropriate restraint use on the risk of injury to children in motor vehicle crashes. Pediatrics 2005;115:305-9.