Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

La sorveglianza Passi

Archivio 2011

Stato di salute della popolazione: conseguenze a medio termine del terremoto del 6 aprile 2009

22 dicembre 2011 - Il 6 aprile 2009 un terremoto di magnitudo 6,3 ha colpito l’Italia centrale con epicentro a 7 km a nord est della città de L’Aquila, a una profondità di circa 8 km. Oltre 10 mila gli edifici danneggiati, migliaia i feriti, oltre 25 mila le persone costrette ad abbandonare la propria abitazione e 305 le persone che hanno perso la vita. Il fatto che nelle aree colpite dal terremoto fosse attivo il sistema di sorveglianza Passi ha permesso di progettare uno studio per valutare l’impatto del terremoto sulla salute della popolazione colpita, destinato a ricavare indicazioni per orientare meglio le politiche e i servizi sanitari e per migliorare le conoscenze su quegli effetti dei disastri naturali che durano nel tempo. Lo studio, denominato CometeS (pdf 495 kb), è stato condotto grazie al lavoro della rete di servizi e operatori che conduce il sistema di sorveglianza in Abruzzo e a una partnership istituzionale che lo ha sostenuto dal punto di vista finanziario e scientifico. La rilevazione dei dati è stata effettuata dal 28 maggio al 15 novembre 2010, lungo un arco temporale di poco superiore ai cinque mesi, in cui sono stati intervistati 957 assistiti residenti nei comuni del cosiddetto cratere aquilano, l’area più colpita dal sisma, con un tasso di risposta del 91,2%, un tasso di rifiuti pari al 4,3%. Nelle pagine dedicate a CometeS è disponibile una sintesi del rapporto conclusivo, mentre una trattazione più estesa dei risultati dello studio è disponibile in un rapporto Istisan (di prossima pubblicazione).

 

Campania: il rapporto regionale 2008

22 dicembre 2011 - In Campania è stato intervistato un campione di 3122 persone (il 48% donne e il 52% uomini) di età media di 43 anni. Il 67% delle persone sentite considera positivamente il proprio stato di salute, il 27% aderisce alle raccomandazioni sull’attività fisica, il 34% è in sovrappeso, mentre gli obesi sono il 12%. Sono alcuni dei dati contenuti nel rapporto regionale 2008 della Campania (pdf 1,2 Mb).

 

Rapporto 2010: vaccinazione antirosolia

7 dicembre 2011 - Il 40% delle donne italiane in età fertile, pur non essendo vaccinate, non è a conoscenza del proprio stato immunitario verso la rosolia. È il dato principale che emerge dalla rilevazione 2010 sulla vaccinazione antirosolia. Grandi le differenze tra Regioni, elemento che dovrebbe suscitare una riflessione da parte dei responsabili dei servizi di prevenzione.

 

Trentino: l’attività di promozione di sani stili di vita da parte degli operatori sanitari

1 dicembre 2011 - In occasione del convegno nazionale della rete Hph (Health promoting hospitals – la rete degli ospedali che promuovono la salute) che si svolge l’1-2 dicembre a Levico Terme, l’Osservatorio per la salute della Provincia autonoma di Trento in collaborazione con il Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari, ha preparato un documento sintetico che riassume i dati raccolti in Trentino dal sistema di monitoraggio Passi nel periodo 2007-2010, relativi all’attività di prevenzione delle malattie croniche attraverso la promozione di sani stili di vita da parte del personale medico e paramedico. Scarica il documento (pdf 2,7 Mb) e il comunicato stampa (pdf 25 kb).

 

Coordinamento nazionale Passi. Calendario dei workshop

1 dicembre 2011 - Il 14 e 15 dicembre, presso il Cnesps dell’Istituto superiore di sanità a Roma, si terrà il quarto workshop 2011 del Coordinamento nazionale Passi. L’incontro sarà incentrato sul tema della promozione dell’attività fisica e del contrasto alla sedentarietà. La prima giornata vedrà la partecipazione di esperti che interverranno relativamente a indicatori, misure e raccomandazioni.

 

Liguria: pubblicazioni aziendali

3 novembre 2011 - In occasione della giornata mondiale per la prevenzione dell’ictus, l’Asl 5 Spezzino pubblica la scheda tematica sui fattori di rischio ardio e cerebrovascolari dedicata i cittadini (pdf 257 kb). Durante il triennio 2007-2009 il campione aziendale dell’Asl 2 Savonese è risultato costituito da 721 persone di 18-69 anni e ha mostrato una buona rappresentatività per le principali caratteristiche socio demografiche. Scarica il rapporto aziendale dell’Asl 2 Savonese con i dati 2007-2009 (pdf 3,2 Mb).

 

Asl Roma G: nuovi dati

27 ottobre 2011 - Secondo i dati 2007-10 del sistema di sorveglianza Passi, nella Asl Roma G il 27,3% degli adulti 18-69 anni fuma sigarette, il 16,1% è invece ex fumatore e il 56,5% non ha mai fumato. Inoltre, il 36,5% degli intervistati dichiara di essere bevitore, ossia di aver consumato negli ultimi 30 giorni almeno un’unità di bevanda alcolica. La Als Roma G pubblica la scheda “L’abitudine al fumo nella Asl RmG. I dati del sistema di sorveglianza Passi 2007-10” (pdf 384 kb) e la scheda “Il consumo di Alcol nella Asl Roma G. I dati del sistema di sorveglianza Passi 2007-10” (pdf 241 kb).

 

Rapporto 2010: vaccinazione antinfluenzale

13 ottobre 2011 - Stagione 2010-2011: il 28% degli intervistati tra 18 e 64 anni, affetti da una malattia cronica, afferma di essersi vaccinato. La sorveglianza Passi fornisce dati sulla copertura vaccinale tra gli adulti con e senza malattie croniche. Leggi il capitolo del Rapporto 2010.

 

Coordinamento nazionale Passi: il terzo incontro

20 ottobre 2011 – Il terzo Workshop del coordinamento Passi per l’anno 2011 è stato dedicato ad approfondire le tematiche relative a stato nutrizionale ed eccesso ponderale, avendo in mente la preparazione dei materiali divulgativi in occasione dell’Obesity day. Alla giornata EpiCentro ha dedicato un ampio spazio, che si conclude con la rassegna delle iniziative sul territorio e con la pubblicazione delle presentazioni del Workshop Passi. L’incontro, che si è tenuto il 13 e 14 settembre, è stato aperto da Stefania Salmaso, direttore del Cnesps, e ha visto la partecipazione anche di esperti in tema di lotta all’obesità. Leggi l’approfondimento con le presentazioni.

 

Passi, segnalazioni dal territorio

20 ottobre 2011 – Dalla Liguria le presentazioni del workshop “Interventi integrati di prevenzione cardiovascolare” tenutosi a Genova il 28 settembre 2011 e il rapporto “Focus 2010. Rischio cardiovascolare” (pdf 920 kb). Dal Friuli Venezia Giulia il rapporto regionale sui temi di Guadagnare salute (pdf 548 kb). In occasione dell’Obesity day 2011, il Piemonte pubblica la scheda “Sovrappeso e obesità in Piemonte: dati 2010 dei sistemi di sorveglianza Passi e OKkio alla Salute” (pdf 452 kb), la Provincia autonoma di Trento pubblica la scheda “Alimentazione e stato nutrizionale. Situazione in Trentino 2007-2010” (pdf 1,1 Mb), la Asl Rieti presenta la scheda con i dati 2010 aziendali sullo stato nutrizionale (pdf 332 kb) e la Asl Milano pubblica le schede Passi “Sovrappeso e obesità Asl di Milano” (pdf 242 kb) e “Rapporto sullo stato nutrizionale dell'Asl di Milano”.

 

Rapporto 2010: vaccinazione antinfluenzale

13 ottobre 2011 - Stagione 2010-2011: il 28% degli intervistati tra 18 e 64 anni, affetti da una malattia cronica, afferma di essersi vaccinato. La sorveglianza Passi fornisce dati sulla copertura vaccinale tra gli adulti con e senza malattie croniche. Leggi il capitolo del Rapporto 2010.

 

Als 3 Genovese: nuove pubblicazioni

6 ottobre 2011 - La nuova brochure Passi destinata alla popolazione (pdf 708 kb) e i dati 2007-2009 sui temi di Guadagnare salute: sono le nuove pubblicazioni aziendali della Asl 3 Genovese. Dalla seconda emerge che il 41% delle persone intervistate ha riferito uno stile di vita attivo, il 62% è normopeso, il 49% ha riferito di non fumare e la percentuale di persone che ha dichiarato di non essere astemia è scesa dal 69% del 2007 al 65% del 2009. Per maggiori informazioni, scarica il rapporto 2007-2009 “Guadagnare Salute” (pdf 1,8 Mb).

 

Rapporto Passi 2010: lo screening per il cancro del colon retto

29 settembre 2011 - I dati raccolti dal sistema di sorveglianza Passi, indicano che nel 2010 il 36% delle persone intervistate nella fascia di età 50-69 anni ha riferito di aver eseguito un esame per la diagnosi precoce dei tumori colorettali. In pochi anni, quindi, l'offerta di questo screening si è estesa fino al punto che più di un italiano su tre nella fascia target (50-69 anni) ha eseguito un esame per la diagnosi precoce nei tempi giusti. Tuttavia l’offerta non è ancora né presente su tutto il territorio né tantomeno omogenea. Leggi il capitolo del Rapporto 2010.

 

Rapporto Passi 2010: sicurezza in casa

22 settembre 2011 - Anche le persone più direttamente esposte al rischio di incidente tra le mura domestiche dichiarano una scarsa consapevolezza della reale entità del rischio: la percentuale di coloro che ritengono elevata la possibilità che si verifichi un infortunio domestico rimane sempre inferiore al 10%. Nei 12 mesi precedenti all’intervista, quasi il 4% degli intervistati ha riportato un incidente in casa che ha richiesto il ricorso alle cure del medico di famiglia o l’accesso al pronto soccorso o l’ospedalizzazione. Gli incidenti domestici sono più frequenti tra le donne, tra le persone con un livello di istruzione più basso e tra chi ha maggiori difficoltà economiche.

 

Consumo di alcol e abitudine al fumo nell’Asl 10 di Firenze

15 settembre 2011 - Nella Asl 10 di Firenze il 65,4% degli intervistati dichiara di essere bevitore (cioè di aver consumato negli ultimi 30 giorni almeno un’unità di bevanda alcolica) e, tra i bevitori di 18-69 anni, il 12,4% dichiara di aver guidato sotto l’effetto dell’alcol (cioè dopo avere bevuto nell’ora precedente almeno due unità alcoliche). Riguardo all’abitudine al fumo, i dati Passi 2007-2010 mostrano che nella Asl 10 Firenze il 29% degli adulti fuma sigarette, il 25% è ex fumatore e il 46% non ha mai fumato. Sono alcuni dei dati riportati nelle schede aziendali: “Il consumo di alcol nella Asl 10 Firenze: i dati del sistema di sorveglianza Passi 2007-2010” (pdf 109 kb) e “L’abitudine al fumo nella Asl 10 Firenze. I dati del sistema di sorveglianza Passi 2007-10” (pdf 114 kb).

 

Mammografia: i dati 2010

8 settembre 2011 - I programmi di screening organizzati favoriscono una maggior adesione della popolazione target e riducono le diseguaglianze. In particolar modo, la lettera di invito, in associazione al consiglio dell’operatore sanitario, sembra lo strumento più efficace. Il nuovo capitolo del Rapporto 2010 sullo screening mammografico mette in luce questi aspetti. E inoltre: nel 2010 Passi rileva un marcato gradiente geografico Nord-Sud nell’adesione delle donne tra 50 e 69 anni. Tra i motivi della mancata adesione la scarsa percezione del rischio.

 

Asl Lecce: i dati 2008 e del primo semestre 2009

8 settembre 2011 - Il 73,4% delle persone che vivono nella Asl di Lecce giudica la propria salute positivamente anche se il 4,5% ha riferito sintomi di depressione. Il 29,5% degli intervistati fuma, il 42,8% è in eccesso ponderale e il 38,1% pratica l’attività fisica raccomandata. Sono solo alcuni dei dati riportati nel report aziendale di Lecce che presenta i dati 2008 e del primo semestre 2009. Scarica il documento completo (pdf 525 kb).

 

Pap test: i dati 2010

28 luglio 2011 - complessiva è alta, ma ancora insufficiente in alcune Regioni, soprattutto al Sud in cui poco più di una donna su due pratica il Pap test nel giusto intervallo di tempo. L’adesione ai programmi organizzati delle Asl riguarda solo la metà delle donne che effettuano il test. Difficoltà economiche, minor livello di istruzione e cittadinanza straniera si traducono in livelli di prevenzione meno buoni, maggiori nello screening spontaneo rispetto a quello offerto dalle Asl. La lettera di invito, insieme al consiglio dell’operatore sanitario, è lo strumento più efficace per aumentare l’adesione. On line il nuovo capitolo del Rapporto 2010.

 

Ulss 16 di Padova e Asl Roma D: pubblicazioni dal territorio

21 luglio 2011 - Dalla Ulss 16 di Padova: i report aziendali con i dati per il 2007, 2008, 2009 e 2007-2009. Dalla Asl Roma D: la scheda aziendale su alcol e sicurezza stradale e quella sull’abitudine al fumo con i dati 2007-2010. Per scaricare i documenti, consulta la pagina dedicata alle pubblicazioni a livello aziendale.

 

Depressione, i dati 2010

7 luglio 2011 - Nel 2010, poco più del 6% degli adulti intervistati riferisce sintomi di depressione. I sintomi restano frequenti e poco più della metà delle persone colpite riesce a rivolgersi a professionisti o a persone care per ricevere aiuto. La depressione colpisce più frequentemente gli adulti, soprattutto le donne e le persone con condizioni sociali e di salute vulnerabili. Inoltre, le persone con sintomi depressivi riportano un sensibile peggioramento della qualità della vita e limitazioni nelle attività quotidiane. A completamento della sezione sul “benessere” del rapporto nazionale 2010, è on line il capitolo sulla depressione. Leggi il Primo Piano sul sito dell'Iss con il commento di Antonella Gigantesco (reparto Salute mentale, Cnesps).

 

Marche: pubblicazioni locali

7 luglio 2011 - Nelle Marche, il 33% degli intervistati ha uno stile di vita attivo, il 43% è da considerarsi parzialmente attivo e il 24% sedentario: sono alcuni dei dati regionali 2008 sulla sedentarietà e attività fisica. Scarica la scheda (pdf 206 kb). On line anche il report regionale 2005 (pdf 614 kb).

 

Report nazionale 2010: i dati sulla salute percepita

30 giugno 2011 - Il 68% degli adulti intervistati giudica buono il proprio stato di salute, riferendo di sentirsi bene o molto bene. Il 29% dichiara di sentirsi discretamente e solo il 3% risponde in modo negativo (male/molto male). I dati 2010 sulla salute percepita mostrano che sia la percezione dello stato di salute sia lo stato funzionale è peggiore nelle donne, nelle persone in età più avanzata, in quelle meno istruite, e raggiunge il livello più basso nelle persone con molte difficoltà economiche e in coloro che hanno patologie croniche gravi.

 

Il secondo incontro 2011 del Coordinamento nazionale

23 giugno 2011 - Si è svolto in due giornate (31 maggio-1 giugno) il secondo incontro 2011 del Coordinamento nazionale Passi. Il workshop, aperto da Stefania Salmaso (direttore del Cnesps), ha confermato il metodo di lavoro che vede nella prima giornata l’approfondimento di un tema specifico, questa volta i fattori di rischio cardiovascolare con il contributo del reparto di Epidemiologia delle malattie cerebro e cardiovascolari del Cnesps, mentre si dedica la seconda all’analisi degli aspetti gestionali e di conduzione del sistema. Leggi l’approfondimento e scarica le diapositive degli interventi.

 

L’abitudine al fumo nelle Marche

23 giugno 2011 - Secondo i dati Passi 2010, nelle Marche il 27% degli adulti 18-69 anni intervistati dichiara di fumare sigarette, il 21% è invece ex fumatore e il 52% non ha mai fumato. Scarica la scheda regionale con i dati 2010 sull’abitudine al fumo (pdf 218 kb).

 

Rapporto nazionale 2010: il capitolo sul diabete

16 giugno 2011 - Il 5% delle persone intervistate nel 2010 nel pool di Asl partecipanti al sistema di sorveglianza Passi riferisce di aver ricevuto una diagnosi di diabete. Inoltre, da un confronto interregionale sulla prevalenza di persone a cui è stato diagnosticato o confermato il diabete, calcolata anche sul pool quadriennale (2007-2010), si evidenzia un gradiente Nord-Sud: nella P.A. di Bolzano si registra il valore più basso (2%), mentre in Basilicata quello più alto (8%). On line il capitolo sul diabete dell’indagine Passi 2010.

 

Ausl Viterbo: i dati sul fumo

16 giugno 2011 - Nell’usl di Viterbo, il 35% degli adulti di 18-69 anni fuma sigarette, il 20% è un ex fumatore e il 45% non ha mai fumato. L’abitudine al fumo è più diffusa negli uomini che nelle donne (rispettivamente 38% e 32%), nei 18-24enni (48%), nelle persone con una scolarità bassa (37%) e in quelle con molte difficoltà economiche riferite (45%). Lo riferisce la scheda aziendale (pdf 2,2 Mb) con i dati 2007-2010 sull’abitudine al fumo.

 

Asl 3 Genovese, un’area web dedicata al Passi

16 giugno 2011 - Uno spazio web dedicato alla sorveglianza a livello locale. Sul sito aziendale dell’Asl 3 Genovese sono state create alcune pagine interamente riservate al sistema di sorveglianza Passi. Disponibili news, pubblicazioni aziendali, contatti.

 

Report 2010: rischio cardiovascolare

9 giugno 2011 - Il 40% degli adulti ha tre o più fattori di rischio cardiovascolare e meno del 3% non ne ha alcuno. Aumentare la proporzione delle persone con un basso profilo di rischio potrebbe ridurre significativamente il carico di malattia legato alle patologie cardiovascolari. È importante dunque attivare strategie a livello di popolazione, che promuovano stili di vita salutari e riducano la prevalenza e la gravità delle principali condizioni a rischio. On line i dati Passi 2010 sulla prevenzione e il controllo del rischio cardiovascolare.

 

Rapporto Passi 2010: on line i capitoli sul fumo

31 maggio 2011 - La maggioranza degli adulti di 18-69 anni in Italia non fuma o ha smesso di fumare. Solo 3 adulti su 10 hanno questa abitudine, più frequente tra gli uomini, negli adulti di 25-34 anni e nella popolazione più svantaggiata dal punto di vista socio-economico. Nel 2010, quattro fumatori su dieci hanno tentato di smettere di fumare, restando almeno un giorno liberi dal fumo. Inoltre, anche se la legge sul divieto di fumo dei locali pubblici e sui luoghi di lavoro rappresenta un importante traguardo per la salute pubblica nel nostro Paese, sono ancora presenti aree territoriali con margine di miglioramento. Sono alcuni dei dati sul fumo dell’edizione 2010 del rapporto nazionale Passi. Quest’anno i capitoli di interesse sono tre: abitudine al fumo, smettere di fumare e fumo passivo. Consulta anche le schede indicatori (fumo, fumo passivo) e le schede Perché Passi mette sotto sorveglianza i tentativi di smettere di fumare e Come Passi misura l’abitudine al fumo.

 

Giornata mondiale contro il fumo 2011: le pubblicazioni locali

31 maggio 2011 - In occasione dell’edizione 2011 della Giornata mondiale contro il fumo, sono disponibili le schede tematiche sull’abitudine al fumo prodotte a livello territoriale. Scarica:

CometeS: on line le presentazioni del workshop

26 maggio 2011- A circa 2 anni dal terremoto del 6 aprile 2009, si è svolto a L’Aquila, l’incontro di presentazione dei primi risultati dello studio CometeS (pdf 200 kb). Scarica le presentazioni dei relatori e leggi il commento di Paolo D’Argenio (coordinatore Passi) sull’evento.

 

Asl 5 “Spezzino”: i dati sul cardiovascolare e sul consumo di alcol

26 maggio 2011- Tra la popolazione di 18-69 anni dell’Asl 5 “Spezzino”, circa due persone su dieci risultano ipertese, poco meno di un terzo ha il colesterolo alto e circa il 5% degli adulti è diabetico. Sono alcuni dei dati riportati nella scheda sui fattori di rischio cardiovascolare (pdf 232 kb) pubblicata dalla Asl 5 “Spezzino” e relativa ai dati 2007-2009. Disponibile anche la scheda aziendale sul consumo di alcol (pdf 90 kb) con i dati 2007-2010 da cui emerge che, nel 2010, la quota di bevitori a rischio è pari al 29% e in aumento rispetto al triennio precedente.

 

On line il capitolo sull’attività fisica

19 maggio 2011 - La maggior parte degli italiani svolge almeno qualche tipo di attività fisica: il 33% può essere definito fisicamente attivo e il 37% parzialmente attivo. Tuttavia, circa un terzo della popolazione tra 18 e 69 anni risulta completamente sedentario. La scarsa attività motoria è diffusa soprattutto al Sud, nelle donne, nelle persone tra i 50 e i 69 anni e con livello di istruzione più basso e in quelle che riferiscono molte difficoltà economiche.

Dal 2007 il numero di sedentari nel nostro Paese appare in aumento, mentre nello stesso periodo l’attenzione degli operatori sanitari nel promuovere l’attività fisica appare in diminuzione. Consulta il capitolo del rapporto 2010 sull’attività fisica.

 

Liguria, pubblicazioni locali

19 maggio 2011 - Il 65% degli intervistati della popolazione dell’Asl 4 chiavarese giudica buono o molto buono il proprio stato di salute, il 20% risulta completamente sedentario e il 32% è in sovrappeso. Sono alcuni dei dati pubblicati nel rapporto sulla sorveglianza degli anni 2007-2008 e 2009 (pdf 2,7 Mb) dell’Asl 4 chiavarese. On line anche il profilo di salute della popolazione (2010) (pdf 289 kb) dell’Asl 3 genovese che analizza oltre 700 mila abitanti, 40 Comuni e 6 Distretti sociosanitari attraverso i dati elaborati nel corso di diverse indagini, come Passi, OKkio e Health for all.

 

Lazio: schede aziendali sul consumo di alcol

19 maggio 2011 - Nuove pubblicazioni dal Lazio: sono on line le schede sul consumo di alcol con i dati 2007-2010 dell’Ausl Roma A (pdf 547 kb) e dell’Ausl Viterbo (pdf 619 kb).

 

Rapporto Passi 2010: due nuovi capitoli

12 maggio 2011- L’eccesso ponderale è una condizione molto diffusa e rappresenta un problema prioritario di salute pubblica. Negli ultimi anni, secondo i dati autoriferiti raccolti da Passi, la percentuale di persone in eccesso ponderale rimane stabile. Cinque adulti su 10 consumano tre o più porzioni al giorno di frutta e verdura, ma solo uno su 10 assume l’apporto raccomandato di questi alimenti, pari a cinque porzioni al giorno. Inoltre una persona su due dichiara di aver ricevuto il consiglio di ridurre il peso. Consulta anche le schede indicatori (frutta e verdura, sovrappeso e obesità) e la riflessione sulla qualità dei dati.

 

Il ritorno di Passi-one

5 maggio 2011 - Con il mese di maggio riprendiamo la pubblicazione della newsletter Passi-one. Lo facciamo con un numero ricco che riflette su quello che Passi già è e su quello che può ancora diventare, un numero che dà conto della vita di Passi sul territorio e che propone vecchie buone abitudini e cerca di crearne di nuove. Buona lettura (pdf 718 Kb). 

 

L’Aquila: i risultati preliminari dello studio CometeS

5 maggio 2011 - A un anno dal terremoto, i primi dati dello studio scientifico CometeS sullo stato di salute degli aquilani presentati al workshop del 5 maggio “L’Aquila…ripartiamo dalla prevenzione: Passi-CometeS le conseguenze a medio termine del terremoto del 6 aprile 2009 sullo stato di salute della popolazione”. Scarica la brochure con i dati preliminari (pdf 200 kb).

 

Pubblicazioni locali

5 maggio 2011 - In occasione dell’edizione 2011 dell’Alcohol Prevention Day gli operatori Passi hanno prodotto diversi strumenti utili. L’Emilia-Romagna presenta una scheda tematica sul consumo di alcol nel periodo 2007-2010 (pdf 371 kb) e una scheda tematica su alcol e sicurezza stradale per il periodo 2007-2010 (pdf 395 kb). L’Ausl Modena pubblica le schede tematiche su alcol (pdf 392 kb) e alcol e sicurezza stradale (pdf 380). L’Azienda provinciale per i servizi sanitari (Apss) di Trento pubblica una scheda tematica (pdf 111 kb) e due presentazioni sul consumo di alcol (pdf 380 kb) e su alcol e guida (pdf 429 kb). Sono disponibili anche 2 capitoli del rapporto 2010 della Provincia autonoma di Trento: alcol (pdf 213) e alcol e guida (pdf 164 kb).

 

Piemonte: nuovi materiali

5 maggio 2011 - Continua l’aggiornamento dei materiali pubblicati dalle Asl piemontesi. Disponibile on line una nuova organizzazione che rispecchia l’attuale suddivisione delle Asl.

 

28 aprile 2011

Nuove pubblicazioni dal gruppo Passi del Piemonte: il report regionale 2009 (pdf 2,5 Mb), la scheda tematica con i dati 2009 sull’obesità (pdf 121 kb) e la scheda tematica con i dati 2007-2009 sul diabete (pdf 93 kb).

 

21 aprile 2011

Secondo le abitudini autoriferite raccolte da Passi, indossare sempre la cintura di sicurezza è un comportamento ampiamente diffuso tra chi viaggia in auto sui sedili anteriori, ma solo in alcune Regioni del Centro Nord supera il 90%. Simile è la situazione per quanto riguarda l’abitudine a indossare sempre il casco in moto. Invece, l’uso della cintura posteriore è ancora poco frequente in tutta Italia: meno di un intervistato su 5 dichiara di indossarla sempre. In media più di 8 intervistati su 10 che vivono con un minore di 14 anni hanno dichiarato che, quando il piccolo viaggia in auto, viene assicurato sempre nel seggiolino di sicurezza o mediante l’adattatore. Consulta anche la scheda degli indicatori utilizzati da Passi.

 

21 aprile 2011

Offrire esempi su come i sistemi di sorveglianza dei fattori di rischio possono fornire informazioni utili sugli effetti dei determinanti sociali e sulle disuguaglianze di salute: è l’obiettivo principale dell’articolo “Social determinants effects from the Italian risk factor surveillance system Passi” pubblicato recentemente sull’International Journal of Public Health è stato pubblicato l’articolo. Leggi anche la sintesi pubblicata sul Bollettino epidemiologico nazionale (Ben).

 

14 aprile 2011

Il primo incontro del 2011 del coordinamento nazionale Passi si è svolto il 7 e 8 aprile ed è stata l’occasione di confronto sul programma di lavoro del 2011. La prima mezza giornata si è concentrata sul tema specifico del contrasto al fumo, in vista della giornata mondiale antifumo del 31 maggio.

 

31 marzo 2011

In occasione dell’Alcohol Prevention Day 2011, che quest’anno cade il 7 aprile, e durante tutto il mese di aprile, la rete Passi si impegna nella comunicazione dei dati relativi ai consumi di alcol e ai comportamenti dannosi per la salute, connessi al consumo di alcolici. Su Passidati sono disponibili i materiali utili per l’Apd 2011.

 

24 marzo 2011

La rivista Epidemiologia&Prevenzione ha inaugurato una rubrica dedicata alla presentazione e al commento dei dati della sorveglianza Passi. Su questo numero il legame tra diabete e svantaggio economico e sociale. Vai alla pagina del sito di E&P.

 

24 marzo 2011

Il rapporto Passi 2009, che abbiamo pubblicato capitolo per capitolo nel corso degli ultimi mesi del 2010, è ora disponibile anche in formato integrale.

 

24 marzo 2011

A conferma dell’integrazione di Passi nelle attività di sanità pubblica della Regione, il 29 marzo il seminario dedicato al programma di screening cervicale discuterà anche i dati ricavati dalla sorveglianza. La finalità del seminario è valutare i trend temporali e l’andamento complessivo del programma e il suo impatto sulla popolazione.

 

10 marzo 2011

Il nuovo Piano della prevenzione dell’Emilia-Romagna promuove una nuova cultura che dovrà coinvolgere tutti gli attori che partecipano alle attività di sorveglianza. Spetta a loro il compito di comprendere che ciascuna attività è un tassello che contribuisce alla conoscenza generale di un fenomeno. Leggi la riflessione di Alba Carola Finarelli (pdf 11 kb), e consulta l’approfondimento con i rapporti regionali delle sorveglianze presentati il 26 gennaio scorso.

 

3 marzo 2011

Con oltre 36.000 interviste effettuate, caricate e corrette, si chiude il dataset Passi 2010. Tutte le regioni hanno raggiunto un buon livello di copertura relativamente alla numerosità dei dati raccolti. Più di 140 le Asl partecipanti, con un elevato tasso di risposta (87%). Ciascuna regione può controllare il proprio stato di avanzamento grazie alla carta di controllo inserita nel portale Passidati.

 

3 marzo 2011

Con oltre 36.000 interviste effettuate, caricate e corrette, si chiude il dataset Passi 2010. Tutte le regioni hanno raggiunto un buon livello di copertura relativamente alla numerosità dei dati raccolti. Più di 140 le Asl partecipanti, con un elevato tasso di risposta (87%). Ciascuna regione può controllare il proprio stato di avanzamento grazie alla carta di controllo inserita nel portale Passidati.

 

24 febbraio 2011

Sono disponibili ancora pochi giorni per il completamento del dataset 2010: la data di scadenza è fissata al 28 febbraio. Controlla lo stato di avanzamento della tua Regione consultando la carta di controllo in Passidati.

 

24 febbraio 2011

Il 62% delle persone intervistate tra il 2008 e il 2009 dall’Ulss 18 Rovigo considera buono o molto buono il proprio stato di salute. Riguardo agli stili di vita: il 34% del campione risulta completamente sedentario (mentre il 27% aderisce alle raccomandazioni sull’attività fisica), il 46% del campione è in eccesso ponderale (anche se il consumo di frutta e verdura risulta diffuso), il 25% degli intervistati si dichiara fumatore e il 21% ex fumatore. Infine quasi 6 persone su 10 tra 18 e 69 anni beve alcolici e il 20% ha abitudini di consumo considerate a rischio. Sono alcuni dei dati pubblicati nel rapporto aziendale 2008-2009 (pdf 741 kb) della Ulss 18 Rovigo.

 

17 febbraio 2011

Mancano 10 giorni al completamento del set di dati rilevati nel 2010. Controlla lo stato di avanzamento della tua Regione consultando la carta di controllo in Passidati.

 

17 febbraio 2011

Sensibili differenze tra le diverse categorie socio-demografiche della popolazione pavese e quelle delle altre Provincie lombarde e delle varie Regioni d’Italia. Dall’analisi dei risultati pubblicati nel report 2008-2009 dell’Asl di Pavia presentano un quadro caratterizzato da diseguaglianze di salute, per le quali i determinanti sociali sembrano giocare un ruolo importante. Il documento offre anche confronti con i dati nazionali e con i dati delle altre Asl del pool lombardo. Leggi il documento completo (pdf 645 kb).

 

17 febbraio 2011

Anche nel 2009, lo stato di salute della popolazione del Trentino risulta complessivamente buono. Tre quarti dei residenti non fuma e beve solo moderatamente e un terzo della popolazione non beve affatto o solo molto raramente bevande alcoliche. Quasi tutti gli intervistati mangiano quotidianamente almeno una porzione di frutta e verdura e la netta maggioranza della popolazione è normopeso (65%) e fisicamente attiva (40% molto e 43% almeno un po’). Sono alcuni dei dati 2009 presentati nel report Passi del Trentino sui quattro ambiti di Guadagnare salute. Leggi il documento completo (pdf 456 kb).

 

10 febbraio 2011

Quasi tutte le donne liguri di 45-60 anni considerano la menopausa una normale fase di passaggio della vita di una donna e non una condizione patologica da trattare. Poco più della metà di esse ha ricevuto indicazioni sulla Terapia ormonale sostitutiva (Tos) e, complessivamente, nella Regione, più di una donna in menopausa su quattro ha utilizzato la terapia. Per valutare le conoscenze, gli atteggiamenti e i comportamenti riguardanti la Tos tra le donne liguri nel 2008 la Regione, che partecipa a Passi con tutte le sue Asl, ha adottato un modulo opzionale (pdf 115 kb) del questionario rivolto a indagare, nelle donne tra 45 e 60 anni, le opinioni e le informazioni ricevute, nonché i comportamenti relativi all’utilizzo della Tos. Un articolo presenta i risultati 2008-2009.

 

3 febbraio 2011

La rete Passi è impegnata nel concludere entro il 28 febbraio 2011 il completamento del set di dati rilevati nel 2010, indispensabile per poter fornire informazioni aggiornate in occasione di giornate importanti come, per esempio, l’Alcohol Prevention Day e della Giornata mondiale contro il fumo". Entro la deadline fissata è necessario dunque completare il caricamento e la pulizia dei record relativi all’indagine 2010.

 

3 febbraio 2011

Attivata on line l’area web dedicata al Passi regionale dell’Emilia-Romagna: è PassiER. Disponibili news, convegni e pubblicazioni dedicate alla sorveglianza.

 

3 febbraio 2011

Dal Lazio, arriva il rapporto aziendale (1 luglio 2007 - 31 dicembre 2009) della Asl di Latina (pdf 300 kb).

 

13 gennaio 2011

L’Umbria ha completato il suo rapporto regionale 2009. «L'indagine sancisce l’idea che il progresso sanitario di un sistema di salute passa per una maggiore interazione fra domanda e offerta dei servizi, fra utenti ed erogatori di cure», si legge nell’introduzione di Mariadonata Giaimo. «Passi si configura in questo modo come una vera e propria piattaforma di comunicazione che può trasformasi in un’occasione reale di crescita del sistema di salute e delle comunità stesse». Il focus sul ruolo degli operatori sanitari completa l’analisi.

 

13 gennaio 2011

Pochi dati sintetici e significativi e una domanda “E tu ti ami?”, il poster realizzato dalla Asl di Rieti per invitare i cittadini a rispondere alle domande di Passi.

 

13 gennaio 2011

La Asl 2 savonese dedica quattro pagine al rischio cardiovascolare. Insieme ai risultati dell’indagine locale, la presentazione delle carte del rischio e proposte per promuovere stili di vita salutari.

 

Archivio