Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

La sorveglianza Passi

Passi: le iniziative sul territorio in occasione della Giornata mondiale contro il fumo 2010

16 giugno 2010 - Rendere più efficiente la comunicazione dei dati per la promozione della salute: con questo obiettivo, come già fatto per l’Alcohol Prevention Day 2010, lo staff del Passi ha chiesto a coordinatori e referenti di registrare la diffusione e l’uso dei dati nelle Regioni, nelle Asl e nelle comunità locali in occasione della Giornata mondiale contro il fumo, in calendario ogni anno il 31 maggio.

 

Uno dei principali obiettivi del programma Passi per il 2010 è “tirare fuori i dati dal cassetto”, trasformarli in informazione per la salute. Insomma, avere a disposizione messaggi da fornire a tutti coloro che ne hanno bisogno. È proprio per questo che i coordinatori regionali e aziendali dovrebbero compiere un’analisi dei soggetti interessati (stakeholder), nelle istituzioni e nella società, e fornire in modo sistematico le informazioni che consentono loro di agire come promotori della salute.

 

Per segnalare altre attività, iniziative, materiali, prodotti e link utili: scrivi alla redazione di EpiCentro.

 

La rassegna delle iniziative e i prodotti realizzati

Sia l’Azienda di Bolzano che l’Azienda provinciale per i servizi sanitari (Apss) di Trento hanno prodotto una scheda sintetica con il quadro della situazione aggiornato al 2009. In particolare, la Asl di Bolzano ha fornito la scheda (pdf 445 kb) all’Assessorato per la divulgazione a mezzo stampa, mentre l’Apss di Trento, oltre alla scheda (pdf 110 kb) distribuita a tutti i dipendenti della Asl e ai giornalisti, ha predisposto e pubblicato sul proprio sito anche una serie di diapositive (ppt 1,2 Mb) a uso e consumo di tutti i portatori di interesse.

 

Anche la Valle d’Aosta propone una scheda (pdf 175 kb), unica per il livello regionale e aziendale, con i dati Passi 2009 sull’abitudine al fumo.

 

In Lombardia si è tenuta la premiazione del concorso internazionale Smoke Free Class Competition presso la Asl di Lecco, individuata come referente regionale. La Asl di Varese, invece, ha inviato a operatori sanitari interni ed esterni all’azienda e agli enti locali i dati Passi 2009 nazionali e quelli provinciali del biennio 2008-2009: scarica la scheda (pdf 110 kb). A Pavia la scheda aziendale è stata utilizzata nell'ambito di un convegno organizzato da un distretto scolastico (secondaria di primo grado), al termine di un'attività di prevenzione del tabagismo svolta nelle scuole. La Asl di Milano, il 31 maggio, ha organizzato un seminario per dipendenti, medici e pediatri di famiglia sulla prevenzione del tabagismo: nell’occasione sono stati presentati sia i dati Passi 2008-2009 locali, sia le azioni possibili e alcuni dei progetti aziendali per la lotta al tabagismo. I materiali sono stati poi caricati su un sito riservato a medici e pediatri e si sta lavorando alla costruzione di una pagina web del sito della Asl dedicata al contrasto del tabagismo. Guarda la presentazione (pdf 515 kb).

 

In Piemonte, nella Asl di Novara, il pieghevole "Accendi la salute" (pdf 385 kb) è stato allegato alla busta paga degli operatori aziendali e alle comunicazioni mensili per medici e pediatri. L’obiettivo è rinforzare negli operatori la consapevolezza del proprio ruolo di promotori della salute e fornire indicazioni pratiche anche a chi volesse sostegno alla disassuefazione. La carta stampata locale ha prestato attenzione alle aziende “maglia nera” o, al contrario, a quelle più virtuose per la lotta al fumo di sigaretta. Scarica la scheda con i dati regionali 2009 (pdf 100 kb).

 

In Veneto, oltre alla comunicazione a livello regionale, l'Azienda Ulss 13 ha prodotto una scheda tematica (pdf 195 kb) che ha diffuso presso la Direzione regionale per la prevenzione. Oltre ai dati, la scheda riporta una sezione dedicata agli interventi di prevenzione offerti dalla Aulss con l’obiettivo di rinforzare i fattori protettivi nell’età più precoce possibile e ridurre l’incidenza di nuovi sperimentatori e fumatori.

 

In Emilia-Romagna è stata pubblicata e diffusa la scheda con i dati regionali del triennio 2007-2009 (pdf 285 kb) a tutti i soggetti coinvolti nella lotta contro il fumo attraverso il gruppo regionale "tabagismo". È stato organizzato un seminario il 10 giugno, nell'ambito del quale è stata presentata un'anteprima dei dati Passi 2009 e i primi trend sulla prevalenza del fumo. I dati Passi sono stati utilizzati anche nel comunicato stampa di lancio della campagna regionale antifumo 2010, che ha come slogan "Grazie, non fumo".

A livello aziendale, l’Ausl di Modena ha prodotto una scheda con i dati 2007-2009 per la Provincia di Modena (pdf 290 kb). La scheda riporta una sezione specifica sull'attività fisica, coerentemente con le iniziative aziendali di lotta al fumo associate alla promozione dell'attività fisica, in particolar modo quella sportiva. In ambito provinciale sono state svolte in tutto 27 iniziative. I dati del Passi sono stati ripresi da giornali, radio e tv locali.

A Bologna è stata fornita una sintesi dei dati Passi 2009 ai direttori di distretto e al direttore dell'U.O. Promozione della salute. Un articolo pubblicato sul numero di marzo della rivista Starmeglio ha presentato anche i dati Passi del 2008.

La Ausl di Cesena ha predisposto una scheda aziendale (pdf 340 kb), inviata a tutti gli Mmg e ai professionisti della Ausl, in particolare al gruppo che si occupa di fumo. I dati Passi sono stati utilizzati nella preparazione del comunicato stampa, ripreso da tutti i telegiornali locali.

 

La Campania ha prodotto una scheda regionale (pdf 205 kb), con i dati aggiornati 2009 sul fumo.

 

In Sardegna la Asl di Cagliari ha prodotto una scheda aziendale e ha partecipato alle iniziative per la giornata mondiale.

 

Nel Lazio le schede realizzate, regionale (pdf 255 kb) e aziendali, sono state inviate a tutti i direttori dei dipartimenti di Prevenzione, dei Distretti e dei Servizi prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro, ai responsabili dei Centri antifumo, ai responsabili nella Regione e in ogni Asl della campagna “Genitori più” e del progetto “Unplugged” (tutte iniziative di promozione della salute multidisciplinari che includono la lotta al tabagismo). In particolare, la Asl Roma A ha prodotto una scheda informativa (pdf 970 kb), a cura del dipartimento Materno infantile e del coordinatore aziendale Passi, distribuita in tutti i consultori familiari.

 

L’Abruzzo ha curato la produzione di un report nella Asl Lanciano-Vasto con i dati del triennio 2007-2009 che è stato inviato non solo a medici di base, ma anche al responsabile del centro antifumo, al personale del servizio di sanità pubblica, ai responsabili dei distretti, al direttore generale e a quello sanitario, all'ufficio comunicazione e al direttore del dipartimento di prevenzione.

 

In Toscana, la Asl 10 di Firenze ha elaborato una scheda aziendale (pdf 65 kb) con i dati relativi al periodo 2007-2009. La scheda regionale (pdf 105 kb), invece, per una diffusione quanto più ampia possibile, è stata inviata alla Regione, a Toscana Medica (mensile di informazione e dibattito per i medici toscani, a cura dell’Ordine dei medici e degli odontoiatri di Firenze) e a tutti i coordinatori aziendali.

 

Nelle Marche, la scheda regionale (pdf 510 kb) è stata divulgata presso i responsabili di sanità pubblica e il referente di Guadagnare salute, i componenti dello staff per il Piano regionale della prevenzione e i dipartimenti di Prevenzione delle 13 zone territoriali dell’Azienda sanitaria unica regionale (Asur). È stata inoltre avviata un’iniziativa di comunicazione che porterà alla presentazione dei dati del triennio 2007-2009 e a un successivo filo diretto con i media per simili iniziative tematiche.

 

La Basilicata propone una scheda tematica (pdf 435 kb) con i dati sul fumo relativi al triennio 2007-2009.

 

In Puglia, infine, la scheda relativa al tabagismo (pdf 140 kb) è stata caricata sul sito dell'Osservatorio epidemiologico regionale. Ne è prevista anche la pubblicazione sul Bollettino epidemiologico regionale.