Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

pediculosi

Aspetti epidemiologici

Solo il pidocchio del corpo (Pediculus humanus corporis) è potenziale vettore di microorganismi patogeni per l'uomo. In particolare è in grado di trasmettere tre infezioni di cui sono agenti eziologici rickettsie o spirochete: tifo esantematico, febbre ricorrente e febbre delle trincee. Il tifo esantematico è una malattia infettiva acuta che nel passato ha causato gravi epidemie anche nel nostro Paese. L'agente eziologico è la Rickettsia prowazekii, che si moltiplica nell'intestino dell'insetto e poi passa nelle feci. Gli escrementi del pidocchio vanno a contaminare le piccole lacerazioni causate con le unghie nell'atto del grattarsi. Attualmente la malattia è endemica solo in Africa e Sudamerica, ma è presente sporadicamente anche in Europa. La febbre ricorrente è una malattia tropicale, quasi esclusivamente africana, causata da una spirocheta, la Borrelia recurrentis. Il meccanismo di trasmissione è contaminativo, come per il tifo esantematico. La febbre delle trincee, un tempo malattia diffusa, è oggi divenuta rarissima. Agente eziologico è una rickettsia, Rochalimaea quintana. Il meccanismo di trasmissione è contaminativo.

 

L'uomo è l'unico serbatoio di queste malattie: l'importanza del pidocchio del corpo come vettore dipende quindi dall'esistenza di un focolaio di malattia nell'area e nella comunità umana dove l'insetto è presente.

 

Focolai di pediculosi per Regione

(Fonte ministero della Salute)

 

 

Numero di casi per focolaio in Italia

(Fonte ministero della Salute)

 

 

 



 

trova dati

 

TOP