Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Tubercolosi

L’importanza della diagnosi precoce nei casi di tubercolosi

Antonietta Filia - reparto Epidemiologia delle malattie infettive, Cnesps – Iss

 

24 marzo 2011 - Alla fine di gennaio 2011 si è verificato in Italia un nuovo episodio di trasmissione di tubercolosi (Tbc) in ambito scolastico. Si tratta di un focolaio che ha coinvolto tre scuole medie inferiori in provincia di Cuneo, con 33 bambini infettati. Il focolaio è descritto nel documento “Focolaio di Tubercolosi nella Provincia di Cuneo” (pdf 165 kb) scritto da Domenico Montù, coordinatore del reparto Vaccinazioni e Malattie infettive della Asl Cuneo 1.

 

Come nel focolaio descritto recentemente su Emerging Infectious Diseases, il ritardo con cui si è giunti alla diagnosi di tubercolosi nel caso indice (in questo caso un’insegnante) ha giocato un ruolo importante nella trasmissione dell’infezione nelle scuole. L’insegnante, infatti, ha lamentato per quasi tre mesi sintomatologia respiratoria e sistemica ma ha continuato a lavorare regolarmente.

 

Il ritardo nella diagnosi nel caso indice è un problema ricorrente nei focolai scolastici di Tbc recentemente riportati in Paesi a bassa incidenza della malattia e può essere dovuto sia al paziente che ritarda a presentarsi dal medico sia al medico che non riesce a fare una diagnosi tempestiva o che fa una diagnosi sbagliata. Quando diminuisce l’incidenza di una malattia, infatti, anche l’attenzione al problema, il grado di sospetto diagnostico e le competenze specialistiche divengono meno diffuse. È necessario quindi, aumentare l’attenzione al problema a tutti i livelli, e considerare maggiormente la Tbc durante la diagnosi differenziale di pazienti con sintomi polmonari e sistemici tipici, soprattutto in presenza di determinati fattori di rischio.

 

Nei Paesi a bassa incidenza il controllo della malattia tubercolare avviene  principalmente attraverso la prevenzione della trasmissione dell’infezione da parte dei soggetti contagiosi e la prevenzione della progressione dell’infezione tubercolare latente a Tbc attiva. Per questo è fondamentale la diagnosi tempestiva e il trattamento dei casi di Tbc attiva, la ricerca dei contatti, e un adeguato follow-up dei pazienti trattati (per Tbc attiva e latente) per assicurare che il trattamento venga effettivamente completato.

 

Risorse utili