Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Tubercolosi

Global tubercolosis control 2011

20 ottobre 2011 - Con 8,8 milioni di casi segnalati, i dati del 2010 confermano la riduzione dell’incidenza di casi di tubercolosi registrata a partire dal 2002. Su scala nazionale, tra il 1990 e il 2010, il risultato migliore Ŕ stato osservato in Cina dove il tasso di incidenza Ŕ calato mediamente del 3,4% per anno e il tasso di mortalitÓ Ŕ diminuito di circa l’80%. Sono alcuni dei dati contenuti nel rapporto Oms “Global tubercolosis control 2011” (pdf 4,1 Mb), pubblicato a ottobre 2011. Si tratta del settimo rapporto sulla tubercolosi pubblicato a partire dal 1997 e fornisce una panoramica sull’epidemiologia di questa patologia documentando i progressi compiuti nell’ambito della prevenzione in 198 Paesi, che rappresentano il 99% dei casi globali di tubercolosi.

 

I dati sull’incidenza relativi al 2010 mettono in evidenza che circa una percentuale intorno al 13% Ŕ stata registrata tra gli Hiv positivi, che India e Cina rappresentano il 40% dei casi di Tbc totali e che 3,2 milioni di casi erano di sesso femminile.

 

Gli obiettivi di sviluppo del millennio

Il report evidenzia i progressi compiuti nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo del millennio (millennium goal) sulla tubercolosi: i dati provenienti dalle sei Regioni Oms indicano buoni risultati sulla riduzione della mortalitÓ per 5 Regioni su 6 (ad eccezione della Regione africana) e mostrano che la Regione delle Americhe ha giÓ raggiunto l’obiettivo sulla riduzione della prevalenza.  

 

Per maggiori informazioni scarica il documento “Global tubercolosis control 2011” (pdf 4,1 Mb) e consulta il sito Oms.