Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

attività fisica

Archivio 2016

22/12/2016 - Janpa, il nuovo numero della newsletter

È on line la terza newsletter di Janpa (Joint Action on Nutrition and Physical Activity), la Joint Action europea sulla nutrizione e l’attività fisica. Tra le news, i risultati dell’indagine effettuata tra gli stakeholder per esplorare la loro percezione sugli elementi facilitatori, o di contrasto, alla prevenzione dell’obesità infantile e capire la loro attitudine al tema. Per maggiori informazioni leggi la Newsletter 3-2016, visita il sito web ufficiale di Janpa e iscriviti alla mailing list di Janpa.

 

28/7/2016 - Attività fisica: la nuova serie di The Lancet

Un’ora di camminata veloce o di pedalata può bastare per annullare gli effetti negativi legati a 8 ore al giorno di sedentarietà. È uno degli aspetti che emergono dalla nuova The Lancet Series, presentata a luglio 2016 “Physical Activity 2016: Progress and Challenges”. La Serie fornisce una panoramica sugli effetti negativi dell’inattività fisica sulla salute, le ripercussioni sull’economia, l’importanza delle politiche nazionali di contrasto alla sedentarietà e alcuni esempi virtuosi. Per maggiori informazioni leggi l’approfondimento.

 

7/7/2016 - Attività fisica in Umbria: on line il nuovo bollettino epidemiologico

È on line il nuovo numero del “Bollettino aziendale di epidemiologia sorveglianza e promozione della salute” della Uls Umbria 2. Il numero fornisce una panoramica sull’attività fisica e i suoi benefici per la salute, illustra i dati raccolti dalle sorveglianze di popolazione (OKkio alla Salute, Hbsc, Passi, Passi d’Argento) e presenta i progetti inseriti nel Piano regionale della prevenzione 2014-2018. Tra questi uno è mirato a migliorare lo stile di vita dei bambini umbri, uno alla promozione dell’attività fisica tra la popolazione adulta e uno è specifico per gli anziani. Per maggiori informazioni scarica il documento completo (pdf 1,8 Mb).

 

(7 aprile 2016) Giornata mondiale per l’attività fisica 2016

Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nel mondo 1 adulto su 4 non è sufficientemente attivo e l’80% degli adolescenti non raggiunge i livelli raccomandati di attività fisica. Inoltre, sottolinea l’Oms, solo il 56% degli Stati membri ha avviato politiche nazionali di intervento per la promozione dell’attività fisica. Dati che fanno riflettere, anche alla luce della Giornata mondiale per l’attività fisica, celebrata come ogni anno il 6 aprile. L’iniziativa, sostenuta dalle Nazioni Unite e promossa dall’Organizzazione brasiliana Agita Sao Paulo della rete AgitaMundo, si concentra quest’anno sullo slogan “Active Child: Healthy Adult!” (Bambino attivo: adulto in salute), per sottolineare l’importanza di tenersi attivi ad ogni età della vita. Leggi l’approfondimento a cura di Angela Spinelli, Paola Nardone (reparto di salute della donna e dell'età evolutiva, Cnesps-Iss).

 

 


 

trova dati