Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

brucellosi

Documentazione

In Europa

 

Relazione annuale sulle zoonosi e sulle epidemie di origine alimentare nell’Ue per il 2014

Documento Efsa-Ecdc pubblicato a dicembre 2015. La relazione riferisce anche che nel 2014 nell’Ue, sono stati segnalate oltre 5151 epidemie di origine alimentare. La maggior parte dei focolai di tossinfezione alimentare sono stati causati da Salmonella, seguita da virus, tossine batteriche e Campylobacter, mentre nel 29,1% di tutte le manifestazioni l'agente eziologico era sconosciuta.

 

European Union Summary Report on Trends and Sources of Zoonoses, Zoonotic Agents and Food-borne Outbreaks in 2011 (pdf 11,4 Mb)

Rapporto annuale pubblicato ad aprile 2013 da Efsa ed Ecdc sulle zoonosi e focolai di tossinfezione a trasmissione alimentare nell’Ue. La pubblicazione presenta i dati relativi al 2011 su Salmonella, Campylobacter, Listeria monocytogenes, Escherichia coli produttore di verocitotossina, Mycobacterium bovis, Brucella, Trichinellae Echinococcus da animali, alimenti e mangimi. Leggi il commento a cura di Caterina Graziani, Luca Busani, Gaia Scavia (Dipartimento di Sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare, reparto di Epidemiologia veterinaria e analisi del rischio, Iss).

 

Report Efsa-Ecdc 2008 sulle zoonosi

Relazione annuale sulle zoonosi in Europa, a cura dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) in collaborazione con il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). La relazione mostra che il numero dei casi umani delle tre infezioni zoonotiche segnalate con maggiore frequenza nel 2008 è stato inferiore al 2007.

 

Report Efsa-Ecdc 2007 sulle zoonosi

Relazione annuale sulle zoonosi in Europa, a cura dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) in collaborazione con il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). Leggi la traduzione in italiano del comunicato, a cura della redazione di EpiCentro.