Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

diabete

Giornata mondiale del diabete 2011

10 novembre 2011 – Circa 346 milioni di persone nel mondo sono affette da diabete e più dell’80% dei decessi correlati a questa patologia avviene in Paesi a basso e medio reddito. Si tratta di alcuni dei dati forniti dall’Organizzazione mondiale della sanità e destinati a raddoppiare, entro il 2030, in assenza di interventi efficaci. Per aumentare la consapevolezza globale sul diabete, il 14 novembre di ogni anno si celebra in tutto il mondo il World Diabetes Day, iniziativa promossa da Oms e International Diabetes Federation.

 

Il diabete in Italia

I dati riportati nell’annuario statistico Istat 2010 indicano che è diabetico il 4,9% degli italiani (5,2% delle donne e 4,5 % degli uomini), pari a circa 2.960.000 persone.

 

Secondo i dati 2010 della sorveglianza Passi, il 5% degli intervistati nel pool di Asl partecipanti ha ricevuto una diagnosi di diabete. Emerge un gradiente Nord-Sud: nella P.A. di Bolzano si registra il valore più basso (2%), mentre in Basilicata quello più alto (8%). Inoltre, considerando solo le Asl che hanno partecipato alla sorveglianza per l’intero periodo 2007-2010, la prevalenza di diabete riferito non mostra variazioni statisticamente significative negli anni. Per quanto riguarda i fattori di rischio associati al diabete, il 55% dei malati ha ricevuto una diagnosi di ipertensione, il 45% di ipercolesterolemia, il 75% è in eccesso ponderale (IMC≥25), il 39% è sedentario e il 22% fumatore.

 

Un’analisi specifica dei dati Passi dedicata alla relazione tra diabete e disuguaglianze, indica che nel triennio 2007-2009, il 6,9% degli intervistati (età compresa tra i 35 e i 69 anni) ha dichiarato di aver avuto, da parte di un medico, la diagnosi di diabete mellito (tipo 1 o tipo 2). La prevalenza riferita di diabete è maggiore negli uomini e, in entrambi i generi, è più alta tra le persone di 50-69 anni, tra quelle con un basso livello d’istruzione e con molte difficoltà economiche. È presente inoltre un evidente gradiente Nord-Sud sia negli uomini sia nelle donne. Per ulteriori dettagli scarica la scheda Passi dedicata a “Diabete e disuguaglianze” (pdf 99 kb).

 

L’edizione 2011

Con oltre 160 Paesi coinvolti, la campagna è dedicata, per il periodo 2009-2013, all’educazione e alla prevenzione del diabete e ha come slogan “Let's take control of diabetes. Now” (Prendiamo il controllo sul diabete. Ora).

 

In Italia, l’iniziativa è coordinata dall’associazione Diabete Italia, insieme alle associazioni di pazienti e con la partecipazione volontaria di medici, infermieri e altri operatori sanitari. La Giornata si articola in appuntamenti di rilievo regionale o nazionale e centinaia di eventi a livello locale: “glicemie in piazza”, incontri di informazione, passeggiate, dibattiti.

 

Risorse utili