Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

indicatori di salute

Indicatori di salute per valutare l’efficacia e appropriatezza delle cure perinatali

Renato Pizzuti, Osservatorio Epidemiologico, Regione Campania


ABSTRACT

Il miglioramento delle cure perinatali, negli ultimi due decenni, ha indotto una rilevante riduzione della morbilità e della mortalità infantile, soprattutto per quanto riguarda il periodo neonatale. Tuttavia, la situazione sociale ed economica nonché le caratteristiche dell’assistenza sanitaria sono molto disomogenee nelle varie regioni italiane, per cui persistono significative differenze nella disponibilità e nella effettiva utilizzazione dei servizi di prevenzione e nella qualità dell’assistenza perinatale. Da ciò la necessità di identificare un set di semplici indicatori che, come confermato da numerosi studi epidemiologici, possono evidenziare differenze molto marcate tra le regioni e possono essere utili per programmare interventi di miglioramento dell’assistenza materno-infantile. Le regioni che mostrano esiti neonatali peggiori sono caratterizzate, infatti, da un‘elevata incidenza di ritardo di accrescimento intrauterino e da una mortalità molto elevata per i nati di peso più basso. Nelle stesse regioni si evidenzia una carente regionalizzazione delle cure perinatali che provoca, in assenza di adeguati protocolli operativi, la medicalizzazione dell’evento parto attraverso un esagerato uso del parto cesareo. Il contenuto di questa relazione, pur non pretendendo di risultare esaustivo sull’informazione esistente in materia, riporta i risultati del lavoro condotto dall’Unità Operativa dell’Osservatorio Epidemiologico della Campania relativamente al tema sviluppato.

 

trova dati