Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

listeria

Aspetti epidemiologici

11 febbraio 2016 - La listeriosi è definita dall’Oms una malattia relativamente rara ma preoccupante perché notoriamente associata a un elevato tasso di mortalità soprattutto in soggetti vulnerabili come anziani e pazienti immunocompromessi. Secondo i dati pubblicati nel rapport Oms “Who estimates of the global burden of foodborne diseases. Foodborne diseases burden epidemiology reference group 2007-2015”, l’infezione è responsabile, globalmente, di circa 14.000 casi di malattia e 3000 decessi l’anno.

 

Secondo i dati pubblicati a dicembre 2015 da Efsa ed Ecdc nello scientific report “The European Union summary report on trends and sources of zoones, zoonotic agents and food-borne outbreaks in 2014” (pdf 8,2 Mb), nel 2014 27 Paesi europei hanno riportato 2161 casi confermati, con un tasso di notifica di 0,5 casi per 100 mila abitanti (con un incremento del 30% rispetto al 2013). Inoltre, 17 Paesi hanno riportato 210 decessi, il valore più elevato registrato dal 2009.

 

Nel grafico i dati del ministero della Salute: per l’Italia, l’ultimo aggiornamento disponibile è il 2013 e per le singole Regioni il 2009.

 

Casi di listeriosi per Regione

(Fonte ministero della Salute/Ecdc-Efsa)

 

 

 

Fonte: ministero della Salute (1999-2009), Ecdc-Efsa "The European Union summary report on trends and sources of zoonoses, zoonotic agents and food-borne outbreaks in 2014" pdf 7,2 Mb (2010-2013)