Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

malaria

Archivio 2013-2015

(22 ottobre 2015) L’Oms aggiorna le fact sheet sulla malaria

Nel mondo, oltre 3 miliardi di persone sono a rischio di contrarre la malaria. Si tratta comunque di una malattia prevenibile e curabile la cui incidenza è diminuita del 37% tra il 2010 e il 2015 (nello stesso periodo la sua mortalità è diminuita del 60% tra la popolazione generale e del 65% tra i bambini sotto i 5 anni). La Regione più colpita al mondo è quella Sub-Sahariana dove, nel 2015, sono stati registrati l’89% dei casi totali e il 91% dei decessi. Sono alcune delle informazioni disponibili nelle fact sheet Oms, aggiornate a ottobre 2015, in cui viene fornita una panoramica sulla malattia (sintomi, prevenzione, trasmissione, ecc), sui fenomeni di resistenza agli insetticidi e ai farmaci antimalarici e sul Who Global Technical Strategy for Malaria 2016-2030, adottato dall’Oms a maggio 2015.

 

(22 ottobre 2015) Zanzare, zecche e flebotomi: aggiornate le mappe di distribuzione Ecdc

Sul sito dell’Ecdc sono disponibili per la consultazione da parte di professionisti del settore e per i cittadini le mappe relative alla distribuzione di zanzare, zecche e flebotomi in Europa e in alcuni Paesi confinanti, aggiornate a ottobre 2015. L’obiettivo è fornire informazioni aggiornate sulla diffusione di questi vettori mostrando anche il livello di distribuzione regionale. Nello specifico, tra le novità riguardanti il nostro Paese c’è l’identificazione di Aedes koreicus (la zanzara coreana) in alcune aree del nord Italia. Per maggiori informazioni leggi la notizia e consulta la pagina del sito Ecdc dedicata alle Vector Maps.

 

(30 luglio 2015) L’Ema da parere positivo al primo vaccino antimalaria da utilizzare, al di fuori dell’Unione europea, in combinazione con le altre misure di prevenzione

L’Agenzia europea del farmaco (European Medicines Agency, Ema) ha espresso parere positivo sul Mosquirix, il primo vaccino contro Plasmodium falciparum. Il vaccino è stato costruito con tecniche di ingegneria genetica utilizzando proteine del virus dell’epatite B ed induce protezione anche contro HBV. La valutazione Ema è stata formulata per l’utilizzo del vaccino al di fuori dell’Unione europea, in zone endemiche per la malaria, per l’immunizzazione di bambini di età compresa tra le 6 settimane e i 17 mesi. Leggi l’approfondimento.

 

(23 aprile 2015) Giornata mondiale contro la malaria 2015

La Giornata, istituita nel 2007 dall’Oms, quest’anno ha come slogan “Investi nel futuro: sconfiggi la malaria” (Invest in the future: defeat malaria) che riflette l’obiettivo della strategia che verrà presentata alla World Health Assembly a maggio di quest’anno. Lo scopo di questa nuova proposta è riuscire a ridurre i casi di malaria e i decessi del 90% entro il 2030. Sebbene molto ridimensionato rispetto a quelli dei piani strategici precedenti, questo obbiettivo appare essere più concreto e realistico, anche se forse ancora un poco troppo ambizioso. Infatti, nonostante gli sforzi compiuti in questi anni, la malaria continua ad avere un impatto devastante sulla salute e sulle capacità di sostentamento delle popolazioni in tutte le aree d’endemia, ma soprattutto nel continente africano dove è responsabile della gran parte dei quasi 600.000 decessi per malaria riportati nel mondo (2014), l’80% dei quali in bambini sotto i 5 anni di età. Per maggiori informazioni visita il sito dell’Oms e le pagine del sito Rollbackmalaria dedicate alla Giornata 2015.

 

(16 aprile 2015) L’Oms aggiorna le fact sheet sulla malaria

Nel 2013, la malaria è stata responsabile del decesso di circa 584 mila persone, soprattutto tra i bambini africani: è il dato principale che emerge dalla pagina del sito Oms dedicata alle fact sheet sull’argomento, pubblicate ad aprile 2015. Tra le informazioni le modalità di trasmissione, i sintomi dell’infezione, le categorie a rischio e i problemi di resistenza per i farmaci antimalarici. Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

 

(13 novembre 2014) Ecdc Annual Epidemiological Report 2014 - Malattie infettive emergenti e malattie trasmesse da vettore

In Europa, nel 2012, il tasso di casi confermati di malaria si colloca intorno a 1 per 100.000 abitanti, sostanzialmente stabile nell’ultimo quinquennio con una lieve riduzione rispetto ai 2 anni precedenti. Il 99% dei casi è di importazione e si è verificato in Paesi con consolidati legami con le aree endemiche. Resta comunque il rischio di una trasmissione locale (nel 2012 si è verificato in Francia un caso di trasmissione tramite trasfusione e nel periodo settembre-novembre 2013 sono stati segnalati 3 casi autoctoni in Grecia) che giustifica l’attenta attività di sorveglianza, preparazione e prevenzione e che deve, in particolare, prevedere un miglioramento delle possibilità di accesso all’assistenza sanitaria per alcuni gruppi di migranti provenienti da zone ad alto rischio. Sono alcuni dei dati pubblicati sull’“Annual epidemiological report 2014 – Emerging and vector-borne diseases”, prima pubblicazione dell’Annual epidemiological report di quest’anno, dedicata alle malattie infettive emergenti e quelle trasmesse da vettore. Per maggiori informazioni leggi l’approfondimento.

 

(9 aprile 2014) Giornata mondiale della salute 2014

Il 7 aprile, in occasione dell’anniversario della fondazione dell’Organizzazione mondiale della salute (Oms), ricorre la Giornata mondiale della salute. Il tema di quest’anno sono le malattie trasmesse dai vettori. Nel 2012 le malattie trasmesse da vettori hanno rappresentato complessivamente il 17% del carico globale stimato di tutte le malattie infettive, essendo responsabili di oltre un milione di decessi, la gran parte dei quali, dovuti alla malaria che risulta la più mortifera tra le malattie infettive. La dengue è risultata invece la più diffusa, rappresentando una minaccia per oltre 2,5 miliardi di persone in 100 Paesi e registrando un incremento del numero di casi di circa 30 volte nel corso degli ultimi 50 anni. Leggi l’approfondimento.

 

(24 gennaio 2013) World malaria report 2012

Lo scorso dicembre, come tutti gli anni, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha fatto il punto sulla situazione della malaria nel mondo, pubblicando il “World Malaria Report 2012” che raccoglie i dati epidemiologici, relativi al 2011, da 103 Paesi in cui la malaria è ancora endemica, aggiornando così quelli del rapporto 2011 (dati 2010). Roberto Romi (Mipi), commenta i dati e fa il punto sulla situazione. Per maggiori informazioni scarica il documento completo e leggi l’approfondimento.

 


 

trova dati