Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

parotite

Ultimi aggiornamenti

1/2/2018 - Annual Epidemiological Report 2017

Come ogni anno il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) pubblica l’Annual Epidemiological Report (Aer) basato sui rapporti di sorveglianza (Disease surveillance reports) delle singole patologie e dei gruppi di malattie infettive. Ognuno di questi rapporti presenta una panoramica dei dati raccolti nel 2015 dal sistema di sorveglianza Tessy sulla situazione epidemiologica di una specifica patologia nei Paesi membri dell’Unione europea (Ue) e in quelli dello Spazio economico europeo (See). Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

 

(8 settembre 2011) Focolai di parotite nella Federazione di Bosnia ed Erzegovina

Oltre 5200 casi registrati, con un incidenza di 225,8 per 100 mila abitanti: un articolo, pubblicato a settembre 2011 su Eurosurveillance (volume 16, numero 36), descrive un’epidemia registrata nel distretto della Bosnia-Erzsegovina tra dicembre 2010 e la fine di luglio 2011. La maggior parte dei casi (43%) ha riguardato ragazzi tra i 15 e i 19 anni di età e di sesso maschile (62%). Nel 70% dei sieri analizzati sono stati trovati anticorpi specifici IgM per la parotite e nel 41% dei pazienti ospedalizzati sono state riportate complicazioni. Il focolaio ha colpito principalmente soggetti non vaccinati o che non conoscevano il proprio stato vaccinale. Gli autori ipotizzano che il fallimento delle politiche vaccinali durante la guerra e il periodo post-bellico (1992-1998) sia la principale causa dell’epidemia di parotite verificatasi nella prima metà del 2011 nel distretto della Bosnia-Erzsegovina, in quanto la maggior parte dei casi si è concentrata nelle aree più colpite dalla guerra. Leggi su Eurosurveillance l’articolo originale: “Ongoing large mumps outbreak in the Federation of Bosnia and Herzegovina, Bosnia and Herzegovina, December 2010 to July 2011”.