Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

poliomielite

Oms: casi di poliomielite in Nigeria e in Africa occidentale

Dal 2003 al 2007 in alcune aree dell’Africa si è verificata un’epidemia di poliomielite da virus di tipo 1 che ha causato nuovi focolai in 20 Paesi polio-free, coinvolgendo diverse regioni: dall’Africa occidentale al Corno d’Africa, fino all’Indonesia e allo Yemen. Nei 20 Paesi coinvolti, i casi sono stati 1517 e i costi degli interventi predisposti per rispondere all’emergenza hanno superato i 500 milioni di dollari.

 

Nel corso del 2008, il nord della Nigeria è stato colpito da un’epidemia di poliomielite da virus selvaggio di tipo 1, che si è diffusa oltre i confini nazionali nei vicini Paesi dell’Africa occidentale. Fino all’aprile del 2008, casi di poliomielite geneticamente riconducibili ai virus identificati nella Nigeria settentrionale sono stati riscontrati in Benin, Burkina Faso, Ghana, Niger, Mali e Togo. Nel 2008 in Nigeria si è registrato l’80% dei casi di poliomielite da virus di tipo 1 nel mondo. Alla diffusione del virus della polio di tipo 1 si è aggiunta poi, sempre con provenienza dal nord della Nigeria, la diffusione del virus selvaggio di tipo 3 in Ciad e Niger.

 

Il rischio di ulteriori importazioni del virus in questi Paesi dipende solo dalla qualità degli interventi messi in atto da parte della Nigeria e degli stessi Paesi re-infettati per fronteggiare l’epidemia.

 

Nella seconda metà del 2008, la Nigeria ha portato avanti una campagna su larga scala d’emergenza per l’immunizzazione dalla poliomielite. Infatti in luglio, agosto e novembre, è stato introdotto nella campagna di vaccinazione contro il morbillo anche il vaccino antipolio orale. Ulteriori iniziative di vaccinazione sul territorio nazionale sono in calendario per gennaio e febbraio 2009.

 

Inoltre, per ridurre al minimo il rischio di diffusione del virus dal Ghana verso la Costa d’Avorio, il Ghana stesso ha condotto una campagna di immunizzazione su larga scala in ottobre, novembre e dicembre 2008. Al momento è in corso di valutazione la fattibilità di una campagna preventiva in Costa d’Avorio. Altre campagne preventive in Africa occidentale sono state portate avanti o sono in programmazione in Benin, Burkina Faso, Mali, Niger e Togo.

 

Visti i rischi, è importante che i Paesi dell’Africa occidentale rafforzino la sorveglianza per le paralisi flaccide acute, così da individuare immediatamente ogni nuovo focolaio e da rendere più facili gli interventi per contenere la malattia. Questi Paesi dovrebbero, inoltre, continuare a promuovere l’immunizzazione contro la poliomielite, in modo da minimizzare le conseguenze di eventuali nuove importazioni dei virus della poliomielite.

 

Leggi il comunicato originale dell’Oms.

 

(revisione a cura di Caterina Rizzo - Epidemiologia delle malattie infettive, Cnesps - Iss)