Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

tetano

Aspetti epidemiologici

Nel mondo

 

6 febbraio 2014 - I dati più aggiornati sulla diffusione del tetano nel mondo sono disponibili sul sito dell’Ufficio Oms del Pacifico occidentale. Le informazioni riportate forniscono una panoramica sulla malattia, sul batterio responsabile, e due focus sulla lotta alla sua eliminazione.

 

L’obiettivo di eliminazione

Nel 1989, la World Health Assembly dell’Oms ha lanciato l’obiettivo di ridurre l’incidenza del tetano a meno di un caso per 1000 nuovi nati in ogni area di ciascun Paese. Dieci anni dopo, la Maternal and Neonatal Tetanus (Mnt) Elimination Initiative, lanciata da Unicef, Oms e United Nations Population Fund (Unfpa) ha riportato l’attenzione sulla necessità di intervenire contro il tetano e ha aggiunto l’eliminazione del tetano materno come obiettivo da conseguire dopo l’eliminazione di quello neonatale. Attualmente l’obiettivo per l’eliminazione è fissato per il 2015.

 

Progressi globali dal 1999 al 2011

Nel mondo, dal 1999 al 2011, oltre 113 milioni di donne in età fertile sono state vaccinate con due dosi di vaccino antitetanico e i dati Oms indicano che attualmente il tetano è stato eliminato in 25 Paesi (a cui si aggiunge l’Etiopia, tranne la Regione Somali), in 15 dei 33 Stati e Territori dell’India e in 29 su 34 Provincie dell’Indonesia.

 

L’Oms stima inoltre che nel 2008 siano stati 50 mila i decessi neonatali causati dal tetano, con una riduzione del 92% rispetto alla fine degli anni Ottanta.