Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

utili per lavorare

Archivio 2011

(7 dicembre 2011) Catalogo delle newsletter italiane su tematiche sociali

Oltre 200 newsletter divise per argomento e tipologia: è la nuova banca dati creata dal sito del Comune di Bologna e consultabile on line. Il servizio vuole dare luce a siti internet, associazioni, centri di documentazione, istituzioni e movimenti che curano dei notiziari informativi on line, inviati gratuitamente alle persone che si registrano al servizio. Per maggiori informazioni consulta l’elenco (pdf 81 kb) e visita le pagine nel sito del Comune di Bologna.

 

(17 novembre 2011) Whip-Salute: monitoraggio della salute dei lavoratori italiani

Studiare gli effetti sulla salute causati dai cambiamenti e dalle trasformazioni che avvengono nell’ambito lavorativo, come la precarizzazione, l’aumento dei lavoratori stranieri, l’invecchiamento della forza lavoro, l’aumento delle piccole imprese, la terziarizzazione e l’outsourcing. È l’obiettivo di Whip-Salute il sistema di sorveglianza longitudinale basato sul record linkage dei flussi correnti di dati provenienti dagli archivi amministrativi dell’Inps, dell’Inail e del ministero della Salute. Leggi l’approfondimento.

 

(10 novembre 2011) IQhiv: qualità nei programmi di prevenzione contro l’Hiv

Identificare, adattare e diffondere strumenti utili al miglioramento della qualità nelle pratiche di prevenzione del virus Hiv. È l’obiettivo principale di IQhiv, il progetto europeo focalizzato sull’importanza che la prevenzione riveste nella lotta all’Hiv, problema questo da combattere attraverso il miglioramento della qualità dei programmi esistenti. Per maggiori informazioni visita il sito del progetto.

 

(10 novembre 2011) Strumenti per l’accesso a dati e indicatori di salute

Il catalogo, pubblicato a ottobre 2011 a cura del Dors e del Servizio sovrazonale di epidemiologia della Asl TO3, contiene i principali strumenti di consultazione, estrazione e impiego degli indici di salute utili alla redazione di rapporti e relazioni sanitarie, a livello regionale e sub regionale. Si tratta di un aggiornamento del catalogo “Strumenti per l’accesso a indicatori utili per la costruzione di profili di salute”, pubblicato nel 2007.

 

(27 ottobre 2011) Dal Lazio un portale sulle malattie rare

Il sito “Malattie rare Lazio” raccoglie informazioni sulle malattie rare e focalizza l’attenzione sui centri laziali accreditati per la diagnosi e le terapie più adeguate per queste patologie. Nelle sezioni dedicate alla “ricerca”, all’”esenzione” e agli “sportelli Asl” è possibile ottenere informazioni sui centri più indicati per ciascuna malattia rara, sul certificato di malattia rara e sugli sportelli Asl a cui è necessario rivolgersi. Per maggiori informazioni leggi l’approfondimento a cura della redazione di EpiCentro.

 

(27 ottobre 2011) Ecdc: gestione della comunicazione pubblica della salute

Fornire una panoramica sulla gestione dell’immagine pubblica dalle organizzazioni di sanità pubblica coinvolte nel controllo delle malattie infettive e degli studi focalizzati sul comportamento della popolazione adulta sia dal punto di vista del consumatore, sia dal punto di vista del professionista sanitario. Sono i due obiettivi delle pubblicazioni Ecdc “A literature review of trust and reputation management in communicable disease public health” e “Literature review on health information-seeking behaviour on the web: a health consumer and health professional perspective”. I volumi, che rappresentano uno strumento di lavoro rivolto a chi è impegnato nella comunicazione della salute, forniscono lo stato dell’arte sulle difficoltà da superare e forniscono indicazioni utili a migliorare la comunicazione del settore sanitario. Per maggiori informazioni leggi l’approfondimento a cura della redazione di EpiCentro.

 

(27 ottobre 2011) Modena in salute, una newsletter che integra i dati di sorveglianza

Il dipartimento di sanità pubblica dell’Ausl di Modena ha avviato la produzione di newsletter informative rivolte agli operatori sanitari che fanno il punto sulla salute della popolazione, raccogliendo i dati disponibili da diverse fonti informative. La prima newsletter ha cosi descritto l’abitudine al fumo della popolazione dell’Ausl di Modena attingendo dall’atlante di mortalità regionale, dalla sorveglianza Passi, dal sistema Passi d’argento e dall’Hbsc. Il secondo numero tratta del sovrappeso e obesità integrando i dati di 4 sorveglianze di popolazione e dell’Osservatorio epidemiologico cardiovascolare. Si può accedere e iscriversi alla newsletter collegandosi alla sito della Ausl di Modena.

 

(22 settembre 2011) I risultati preliminari del progetto Echim

Le differenze socio-economiche tra individui, dettate da un mix di istruzione, occupazione e reddito, sono spesso associate ad alcune malattie e a diversi fattori di rischio per la salute. In particolare, un ruolo chiave è rappresentato dai livelli di istruzione. Infatti molti dei pazienti affetti da diabete, asma e bronco-pneumopatia cronica ostruttiva (Copd), degli obesi e delle persone che più esposte agli incidenti domestici, a scuola e durante le attività ricreative, presentano un basso livello di istruzione. Allo stesso modo gli anziani con un basso livello d’istruzione tendono a non sottoporsi alla vaccinazione antinfluenzale, mentre al contrario, la maggioranza delle donne che si sono sottoposte allo screening per il tumore al seno e al collo dell’utero, possiedono un alto livello di istruzione. Sono alcuni dei risultati preliminari del progetto pilota Echim (European Community Health Indicators Monitoring) che saranno illustrati durante l’incontro “Echim core group meeting” (pdf 1,4 Mb), in programma per il 22-23 settembre 2011. Per maggiori informazioni consulta l’approfondimento sul progetto Echim a cura della redazione di EpiCentro e l’approfondimento sui risultati preliminari a cura di Emanuele Scafato e Silvia Ghirini (Cnesps-Iss).

 

(15 settembre 2011) Dall’Ecdc una guida sulla valutazione rapida del rischio

Disponibile on line, sul sito degli Ecdc, il documento “Operational guidance on rapid risk assessment methodology” (pdf 1,4 Mb): uno strumento, rivolto agli operatori impegnati nella gestione di eventi di sanità pubblica, che descrive una metodologia di valutazione rapida dei rischi sulla salute nelle fasi iniziali di un evento. La peculiarità di questa guida è la possibilità di applicare il protocollo in numerose situazioni sia a livello nazionale, sia europeo. Come dimostrazione, nel testo vengono analizzati 4 casi studio: un focolaio di antrace in Scozia, un’epidemia di morbillo in Bulgaria, una di listeriosi e una di chikungunya in Italia. Leggi la presentazione sul sito dell’Ecdc e il documento completo “Operational guidance on rapid risk assessment methodology” (pdf 1,4 Mb).

 

(8 settembre 2011) Tossicità da sostanze chimiche: le banche dati Iss

Un archivio di informazioni dedicato agli operatori e pensato come strumento di supporto alle decisioni di esperti: sono le basi di dati Isstox curate dall’Istituto superiore di sanità e recentemente ampliate dal dipartimento Ambiente e connessa prevenzione primaria. I database contengono risultati sperimentali relativi a vari tipi di tossicità da sostanze chimiche e sono organizzate in tre sezioni separate, ognuna relativa a uno specifico effetto tossicologico: Isscan (sui cancerogeni chimici), Issmic (sui mutageni in vivo) Isssty (sui mutageni in vitro). La struttura chimica è codificata in modo tale da poter essere usata per studi teorici sulle relazioni tra struttura chimica e attività biologica. Inoltre, l’uso di dati sperimentali per questi studi permette di sfruttarne il valore informativo (per esempio per predizioni di tossicità), in prospettiva anche di diminuire l’impiego della sperimentazione animale. Per maggiori informazioni visita le pagine dedicate sul sito dell’Iss.

 

(14 luglio 2011) Oecd Health Data 2011

Una raccolta ricca di dati e statistiche comparabili sulla salute e sui sistemi sanitari dei Paesi Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico – Organization for economic co-operation and development, Oecd). È il tool Oecd Health Data 2011, una risorsa utile per gli operatori sanitari, i ricercatori e i decisori. I dati sono consultabili direttamente sul database Oecd.Stat. Gli abbonati possono anche accedere direttamente alla pubblicazione on line tramite iLibrary, la biblioteca virtuale del sito dell’Ocse.

 

(26 maggio 2011) Nopa: un database su alimentazione, attività fisica e obesità

L’Ufficio europeo dell’Oms, in collaborazione con i ministeri della Salute dei singoli Paesi e la Commissione europea, ha realizzato la mappatura delle politiche statali e regionali intraprese per contrastare l’insorgenza dell’obesità e promuovere attività fisica e corretta alimentazione. I risultati dell’indagine sono disponibili all’interno dello “Who European database on nutrition, obesity and physical activity” (Nopa), una banca dati contenente i risultati delle indagini di sorveglianza tra la popolazione, le politiche adottate dai singoli Paesi, e un profilo generale sulla Regione europea dell’Oms.

 

(10 marzo 2011) Efsa: un database europeo sui consumi alimentari

L’Efsa Concise European Food Consumption Database, voluto dal comitato scientifico dell’Efsa è il primo database europeo contenente informazioni sulla dieta e sui livelli di sostanze chimiche a cui è esposta la popolazione europea residente in 19 Paesi membri. Nel database le statistiche dei consumi alimentari sono classificate con il metodo “FoodEx” e sono suddivise in esposizione cronica e acuta. Nella banca dati le indagini sulle abitudini alimentari e i dati sui consumi di alimenti per ciascun Paese sono suddivisi per categoria: età, gruppo di alimenti e tipo di consumo. Questa suddivisione consente di disporre di calcoli su misura per ciascuna categoria di consumatori. Le statistiche sui consumi alimentari sono riportate in grammi al giorno e anche in grammi al giorno per chilogrammo di peso corporeo. Il Concise European Food Consumption Database fa riferimento all’unità “Datex” dell’Efsa, che opera in rete con gli Stati membri dell’Ue per raccogliere, confrontare e analizzare i dati sui consumi alimentari necessari per le valutazioni di esposizione.

 

(3 febbraio 2011) Ars alimentaria: identitá, qualitá e sicurezza degli alimenti italiani

Ars alimentaria è un portale web a disposizione di produttori e consumatori che raccoglie la documentazione sulle attività di monitoraggio e sorveglianza dei processi alimentari. Gli Istituti zooprofilattici sperimentali italiani, le aziende di trasformazione, gli operatori economici e gli organismi di vigilanza, rappresentano il punto di riferimento del sito e contribuiscono a garantire la qualità delle informazioni fornite. Leggi l’approfondimento.

 

(27 gennaio 2011) Istat: noi Italia, 100 statistiche per capire il nostro Paese

Fornire un quadro d’insieme dei diversi aspetti economici, sociali, demografici e ambientali del nostro Paese attraverso la consultazione di indicatori, aggiornati e puntuali: è lo scopo principale di “Noi Italia. 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo”, pubblicazione interattiva a cura dell’Istat. Questo strumento raccoglie indicatori organizzati in 120 schede distribuite in 19 argomenti principali e offre una visione d’insieme del nostro Paese, delle differenze regionali e della sua collocazione nel contesto europeo. La consultazione può avvenire in modo interattivo e ragionato, per settori e per singole schede. Consulta “Noi Italia 2011”. Leggi l’approfondimento.