Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

utili per lavorare

Archivio 2012

(6 dicembre 2012) Progetto Mattone internazionale: la newsletter di novembre

All’interno della newsletter n. 20 (novembre 2012) Mattone news (pdf 1,5 Mb): la nomina del nuovo commissario per la salute dell’Unione europea, Tonio Borg (ministro degli Esteri e vice primo ministro di Malta), e le novità sulla Fad del Progetto Mattone internazionale. È infatti on line il corso “Scrivere un progetto nell’ambito del VII Programma Quadro”. Per maggiori informazioni consulta la newsletter (pdf 1,5 Mb) e visita il sito del Progetto Mattone internazionale.

 

(8 novembre 2012) Progetto Mattone internazionale: la newsletter di ottobre

Disponibile on line la newsletter di ottobre Mattone news (pdf 1,3 Mb) del progetto Mattone internazionale, un servizio di informazione sulla salute e la progettazione socio sanitaria a livello nazionale e internazionale. In primo piano l’evento “Ruolo delle Regioni nel futuro del partenariato europeo per l’invecchiamento sano e attivo” (Roma, 30 novembre 2012) e la segnalazione della disponibilità di due nuovi corsi Fad del Progetto: “Corso di Progettazione Pro-gress” e “Corso di Progettazione Salute Pubblica”.

 

(4 ottobre 2012) Progetto Mattone internazionale: la newsletter di settembre

On line il n.18 (settembre 2012) di Mattone news (pdf 1,2 Mb), la newsletter del progetto Mattone internazionale, un servizio di informazione sul tema salute e progettazione socio sanitaria a livello nazionale e internazionale. In primo piano: Evento sull’internazionalizzazione dei sistemi sanitari regionali e World Sepsis Day 2012.

 

(4 ottobre 2012) Multiple births cohort study (Mubicos)

Il Registro nazionale gemelli (Rng) ha avviato, nel 2009, uno studio longitudinale sui gemelli con l’obiettivo di creare un coorte da seguire nel tempo per stimare l’ereditabilità di alcune caratteristiche, come l’accrescimento, lo sviluppo neurologico e psicomotorio. Questo studio, che in Italia viene realizzato in collaborazione con alcuni centri nascita, è stato inserito nella rete di coorti di nascita europee. Per maggiori informazioni leggi l’approfondimento e l’articolo “La ricerca scientifica attraverso l’uso del web: l’esperienza del Registro nazionale gemelli” pubblicato sul Notiziario dell’Istituto superiore di sanità volume 25 – luglio agosto 2012 (pdf 3,8 Mb).

 

(20 settembre 2012) Advanced School of Prevention and Health Promotion

Una scuola avanzata per la formazione di professionisti della prevenzione e della promozione della salute. È l’Advanced School of Prevention and Health Promotion (Aspp), progetto promosso dal Centro d’eccellenza interfacoltà di servizi per il management sanitario (Ceims) dell’Università degli Studi del Piemonte Orientale “A. Avogadro” (ateneo capofila), in partenariato con l’Università Cattolica del Sacro Cuore e l’Università degli Studi di Milano Bicocca. La Formazione avanzata alla prevenzione comprende: master in scienze della prevenzione; corso di perfezionamento in politiche e interventi per la prevenzione e la promozione della salute; corso Aspp integrato. Le iscrizioni ai corsi sono aperte fino al 5 ottobre 2012. Per tutti i dettagli visita il sito dedicato.

 

(13 settembre 2012) Progetto Mattone internazionale

Portare la sanità delle Regioni in Europa e l’Europa nei Sistemi sanitari delle Regioni italiane: è l’obiettivo del progetto Mattoni internazionale, ideato dal ministero della Salute e affidato alle Regioni Veneto e Toscana. Il progetto mira alla realizzazione di attività formative e informative per le strutture ministeriali competenti, le Regioni, le Aziende sanitarie, le aziende ospedaliere e i professionisti del settore. Per maggiori informazioni leggi il commento di Silvia Declich e Maria Grazia Dente (Cnesps, Iss).

 

(13 settembre 2012) Uno strumento dall’Europa per la sicurezza di bambini e ragazzi

Il Child Safety Report Card 2012: Europe Summary for 31 countries (pdf 9 Mb) è il terzo strumento predisposto dal progetto Tactics contro i traumi e gli infortuni e per la promozione della sicurezza in età infantile in Europa. L'iniziativa è guidata da l'Alleanza europea per la sicurezza del bambino EuroSafe, con il co-finanziamento e il partenariato della Commissione europea e di 31 Paesi, tra cui l’Italia. Il report 2012 rivede e amplia il set di indicatori d’azione del piano di sicurezza vigente e raccoglie nuovi dati per Paese per il monitoraggio e la valutazione dei progressi in fatto di sicurezza dell’infanzia. Lo strumento si dota di una Child safety report card e di un Child safety profile per ogni Paese partecipante. Le Child safety report cards riassumono le prestazioni e il livello di sicurezza fornito a bambini e adolescenti in ogni Paese partner a luglio 2011 attraverso la valutazione dei dati nazionali sugli infortuni non intenzionali. I Child safety profiles, invece, forniscono un insieme di misure standard dell’impatto complessivo degli infortuni infantili divisi per tipologia (sicurezza di passeggeri, pedoni, motociclisti e ciclisti, prevenzione da annegamento, cadute, bruciature, avvelenamento e soffocamento), le informazioni sui determinanti socio-demografici e la disponibilità e l'accessibilità ad attrezzature sicure per i bambini. I materiali sono disponibili in formato pdf sulla pagina del sito di European Child Safety Alliance.

 

(26 luglio 2012) Health for All Italia: il nuovo aggiornamento

Il database, aggiornato a giugno 2012, contiene alcune variazioni rispetto alla versione precedente. È quindi necessario re-installarlo seguendo le istruzioni presenti nel sito Istat. Nella nuova versione è disponibile un aggiornamento delle serie storiche presenti nelle seguenti sezioni: popolazione residente, permessi di soggiorno, stranieri residenti, fecondità, mortalità generale, infantile e neonatale, natimortalità, istruzione, forze di lavoro e occupazione, ambiente, mortalità per causa, coperture vaccinali, Aids, ospedalizzazione dei pazienti affetti da disturbi psichici, attività nel settore dell’alcoldipendenza, speranza di vita, assistenza sanitaria di base, assistenza sanitaria territoriale, attività ospedaliera in generale, risorse finanziarie, risorse umane e risorse tecniche. Inoltre la sezione 3 del gruppo 8 “assistenza socio-sanitaria residenziale” è stata completamente sostituita dalla sezione denominata “assistenza residenziale socio-assistenziale e socio-sanitaria”. Per maggiori informazioni consulta il sito Istat.

 

(19 luglio 2012) Alcol e tumori: disponibile un nuovo portale web di informazione

Secondo l'International Agency for Research on Cancer (Iarc) dell’Oms, in Europa, il 10% dell’incidenza totale dei tumori negli uomini e il 3% nelle donne può essere attribuito al consumo di alcool. Per questo motivo, a luglio 2012 nasce Alcohol and Cancer, il sito web dell’Association of European Cancer Leagues (Ecl) e della European Alcohol Policy Alliance (Eurocare). Il sito fornisce informazioni sugli effetti negativi dell’etanolo, elenca i meccanismi biologici che possono determinare l’insorgere dei tumori e specifica quali sono le neoplasie possibili e più frequenti (cancro alle vie aerodigestive superiori, al fegato, all’intestino, al colon-retto e al seno). La pagina sui rischi si sofferma sugli effetti combinati di uso di alcol e tabagismo e considera le bevande alcoliche dal punto di vista nutrizionale. Infine, la sezione dedicata ai consigli, contiene il riferimento al Codice europeo del partenariato Ecl contro il cancro, con l’elenco delle leghe nazionali da contattare in caso di bisogno. Per maggiori informazioni visita il sito Alcohol and Cancer.

 

(5 luglio 2012) Oecd Health Data 2016

Una raccolta ricca di dati e statistiche comparabili sulla salute e sui sistemi sanitari dei Paesi appartenenti all’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico – Organization for economic co-operation and development, Oecd). È il tool Oecd Health Data 2016, pubblicato a giugno 2012, una risorsa utile per gli operatori sanitari, i ricercatori e i decisori. Il 70% dei contenuti sono liberamente accessibili sul database Oecd.Stat. Gli abbonati possono anche accedere direttamente alla pubblicazione on line tramite iLibrary, la biblioteca virtuale del sito dell’Ocse. Consulta anche i dati richiesti più frequentemente, i rapporti sui 34 Paesi Ocse e la lista di indicatori dell’Oecd Health Data 2012, disponibile in inglese, francese, tedesco, italiano, giapponese, russo e spagnolo.

 

(29 marzo 2012) Oms: un toolkit per la corretta gestione delle emergenze sanitarie

Valutare i sistemi sanitari nazionali, la loro capacità di rispondere a situazioni di emergenza e individuare le lacune su cui intervenire: è questo lo scopo principale del documento dell’Oms Europa “Strengthening health-system emergency preparedness. Toolkit for assessing health-system capacity for crisis management”. Il toolkit è composto da due parti, la prima è il manuale utente e la seconda contiene i criteri di valutazione. Si tratta di uno strumento standardizzato, testato a partire dal 2007, che fornisce indicazioni ai ministeri della Salute per registrare e classificare le informazioni sulla capacità gestionale in presenza di situazioni di crisi, definire gli incarichi del personale e le modalità di lavoro migliori per operare in sinergia, individuare eventuali lacune e monitorare i progressi compiuti.

 

(22 marzo 2012) Attenzione all’equità delle proposte progettuali

Come orientare alla promozione di equità i progetti di prevenzione? Uno strumento proposto da Giuseppe Costa, Elena Gelormino, Michele Marra (Servizio di Epidemiologia sociale – Asl To3) cerca di sviluppare una specifica attenzione alle differenze esistenti nei profili di salute di diversi sottogruppi di popolazione e “rileggere” nell’ottica della lotta alle disuguaglianze i progetti proposti anche in altre aree e ambiti. Attraverso l’applicazione sistematica di una griglia di domande orientate all’equità, si può leggere e interpretare i vari e possibili effetti sulle disuguaglianze di salute di un determinato progetto. La pubblicazione, elaborata in occasione del progetto Ccm 2004 “Documentazione scientifica e indicatori di equità sociale”, viene qui presentata come un esercizio da applicare al bando Ccm 2012. Scarica il documento completo (pdf 122 kb).

 

(1 marzo 2012) Ecdc: toolkit per la gestione dei focolai di malattie trasmesse da acqua e cibo

Dotare gli operatori sanitari europei di strumenti utili per la gestione, nazionale e internazionale, dei focolai di malattie trasmesse da acqua e alimenti. È questo lo scopo del “Toolkit for investigation and response to food and waterborne disease outbreaks with an Eu dimension” dell’Ecdc. Si tratta di un pacchetto operativo caratterizzato da due parti principali: documenti, line guida e testi utili nella conduzione delle indagini sui focolai internazionali e lo sviluppo di un software disponibile dai prossimi anni. Per maggiori informazioni consulta il sito Ecdc e leggi l’approfondimento.

 

(16 febbraio 2012) European Health for All database: il nuovo aggiornamento

Nuovo aggiornamento per la banca dati europea “Health for all” (Hfa-db). Con oltre 600 indicatori, il database fornisce un accesso facile e veloce, in forma di grafici o tabelle, a un ampio ventaglio di statistiche sulla salute dei 53 Paesi membri della Regione europea dell’Oms. Il programma è utilizzabile direttamente on line, ma è anche possibile scaricarlo e utilizzarlo off line. Leggi su EpiCentro la descrizione e le istruzioni per l’uso (in italiano).

 

(9 febbraio 2012) Mortalità nella Regione europa dell'Oms: aggiornata la banca dati

La descrizione della mortalità per causa rappresenta un elemento di grande importanza per la conoscenza della stato di salute delle popolazioni. In questa prospettiva si colloca molto positivamente l’aggiornamento che l’Oms Europa ha recentemente effettuato della Banca dati europea di mortalità (European Detailed Mortality Data Base – DMDB), giustamente definita “dettagliata” (Detailed) in quanto è possibile interrogarla per  tutte le cause definite dai primi tre caratteri delle due ultime ICD (9 e 10) e non soltanto per una short list, formata da una selezione di 67 cause come era stato fatto in precedenza. I Paesi per i quali vengono forniti i dati sono quelli relativi alla Regione europea dell’Oms, per un totale di 53 Stati. I dati sono ottenibili in modo user-friendly, sia in forma di tabelle sia di record che è poi possibile manipolare. Leggi la riflessione di Susanna Conti (Direttora dell’Ufficio di Statistica, Iss) e la pagina dedicata a DMDB su EpiCentro.

 

(9 febbraio 2012) “Mobilità attiva” e risparmio economico: ecco Heat, il tool Oms

È possibile associare un valore economico ai benefici sulla salute che derivano dalla “mobilità attiva” (quel tipo di mobilità che vede le persone prendere parte attivamente al proprio spostamento, per esempio camminando o pedalando)? E perché è utile farlo? Sul sito di Azioni, Sonja Kahlmeier (Università di Zurigo) presenta lo strumento Oms Heat (Health economic assessment tools) dedicato al camminare e all'andare in bicicletta. Heat utilizza parametri di base che si possono in parte adattare a situazioni distinte all’interno di un contesto specifico. La domanda a cui risponde è: se x persone camminano o percorrono in bici una distanza y su più giorni, qual è il valore economico prodotto dai miglioramenti osservati nel tasso di mortalità? Come descritto nel manuale “Health economic assessment tools (Heat) for walking and for cycling. Methodology and user guide. Economic assessment of transport infrastructure and polizie” (pdf 2,3 Mb), pubblicato a fine 2011 dall’Oms Europa, il tool è pensato per un’ampia gamma di professionisti, oltre a quelli della sanità, sia a livello nazionale che locale: decisori nel settore dei trasporti, ingegneri del traffico, gruppi di interesse, economisti della salute, esperti di attività fisica e di promozione della salute.