Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

utili per lavorare

Software per l'archiviazione e il controllo di qualità dei preparati citologici relativi al Pap test

È stato messo a punto dal Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute (Cnesps) e dal servizio informatico dell'Istituto superiore di sanità, in collaborazione con un'azienda informatica il software informatico “Conquistador” (Continuous Quality Improvement by Statistical Analysis for Diagnostic Objective Report). L'obiettivo è agevolare i controlli di qualità intra e inter laboratorio. Il software comprende infatti due procedure, una intralaboratorio, destinata ai singoli laboratori, e una interlaboratorio destinata a programmi di confronto tra laboratori.

 

La prima procedura consente al singolo laboratorio di creare una lista continuamente aggiornata di citologi e citopatologi, di archiviare i dati di base dei preparati citologici cervicali, di ricercare, visualizzare e stampare le diagnosi. Per quanto riguarda, invece, la procedura di controllo di qualità intralaboratorio, questa consente di calcolare i più comuni indici di riproducibilità (tra cui il kappa e il kappa pesato) e di accuratezza (sensibilità e specificità rispetto alle eventuali diagnosi di riferimento). Consente anche di accertare le distribuzioni statistiche delle diagnosi per l'intero laboratorio e per singoli lettori. La seconda procedura calcola gli stessi indici relativamente a diagnosi degli stessi preparati, formulate da diversi laboratori.

 

Il sistema è realizzato in ambiente Microsoft e può operare con i sistemi Windows 98 e successivi. L'operatività può essere sia su singolo pc (modalità workstation), sia in ambiente client server.

 

I risultati dell'applicazione del software sono stati pubblicati nel lavoro “Validation of new statistical software for intra- and inter-laboratory quality control in clinical cytology”. Acta Cytologica (2005, volume 49, numero 4, p. 398).

 

Alcune copie gratuite del software (con il relativo manuale informativo) sono a disposizione di chi desiderasse testarlo e utilizzarlo a scopo di formazione, per la attività di C.Q. e di ricerca.