Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

utili per lavorare

Salute: molto dipende da cultura e istruzione

Emanuele Scafato e Silvia Ghirini - Salute della popolazione e suoi determinanti, Cnesps-Iss

 

22 settembre 2011 - Le differenze socio-economiche tra individui, dettate da un mix di istruzione, occupazione e reddito, sono spesso associate ad alcune malattie e a diversi fattori di rischio per la salute. In particolare, un ruolo chiave è rappresentato dai livelli di istruzione. Infatti molti dei pazienti affetti da diabete, asma e bronco-pneumopatia cronica ostruttiva (Copd), degli obesi e delle persone che più esposte agli incidenti domestici, a scuola e durante le attività ricreative, presentano un basso livello di istruzione. Allo stesso modo gli anziani con un basso livello d’istruzione tendono a non sottoporsi alla vaccinazione antinfluenzale, mentre al contrario, la maggioranza delle donne che si sono sottoposte allo screening per il tumore al seno e al collo dell’utero, possiedono un alto livello di istruzione.

 

Sono questi alcuni dei risultati preliminari del progetto pilota Echim (European Community Health Indicators Monitoring) che saranno illustrati nel corso dell’incontro “Echim core group meeting” (pdf 1,4 Mb).

 

L’Echim, European community health indicators and monitoring, attraverso una rete di referenti in oltre 30 Paesi europei, ha lo scopo di consolidare ed estendere gli indicatori Echi attraverso un sistema europeo sostenibile di informazioni sanitarie. Il suo obiettivo principale è aiutare gli Stati membri nell’implementazione, nella raccolta e nella disseminazione dei dati sanitari comparabili, basati sulla short-list Echim di 88 indicatori chiave sulla salute. In particolare, l’Echim core group è costituito dagli esperti di 35 Stati Membri, facilita la collaborazione tra l’Unione europea (Dg Sanco), l’Eurostat e l’Ufficio regionale dell’Oms Europa.

 

In Italia è operativo il National implemantation team (Nit), una struttura composta da esperti dell’Istituto superiore di sanità, dell’Istat e del ministero della Salute che ha prodotto un’analisi preliminare della disponibilità di dati necessari per il calcolo degli indicatori della short-list.

 

Risorse utili