Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

utili per lavorare

Euroheat: on line le previsioni delle ondate di calore a medio termine

Dall’estate del 2008, le autorità sanitarie nazionali e locali europee hanno uno strumento in più per prendere decisioni sulla prevenzione dei danni alla salute causati dalle ondate di calore: il Medium range heat information tool (strumento per le informazioni sul caldo a medio termine).

Elaborato dal progetto Euroheat, è uno strumento on line che riporta le previsioni a medio termine del rischio di ondate di calore nei vari Paesi europei.

 

Il sistema, sviluppato dal servizio meteorologico tedesco, è stato testato e valutato nel 2007, e poi lanciato nell’estate del 2008. Il suo scopo non è sostituirsi ai tradizionali Heat health watch warning systems (Hhwws): alle previsioni sul breve periodo (1-3 giorni dalla previsione), effettuate dai sistemi nazionali, infatti, aggiunge quelle sul medio termine, cioè a 3-10 giorni dalla previsione.

 

Lo strumento, accessibile a tutti, consiste in un carta geografica dell’Europa divisa in macroaree, ognuna delle quali colorata a seconda del rischio di ondate di calore nel giorno in corso. L’utente può scegliere da un menù il giorno che gli interessa, e da un altro può selezionare le previsioni relative.

 

Nella cartina, l’Italia è divisa in 11 aree regionali o sovraregionali:

  • Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta
  • Lombardia
  • Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia
  • Emilia Romagna
  • Toscana, Marche e Umbria
  • Lazio
  • Abruzzo e Molise
  • Campania
  • Puglia, Basilicata e Calabria
  • Sicilia
  • Sardegna.

Cliccando su un singolo Paese, ci si collega poi al rispettivo sistema nazionale. Per l’Italia, i bollettini della Protezione civile sulle ondate di calore.

 

Cos’è il progetto Euroheat

Le ondate di calore sono un problema sempre maggiore, sia per i cambiamenti climatici in corso, sia per la sempre più diffusa mobilità delle persone, in particolare nei Paesi europei. Per questo, nel 2004 è stato lanciato il progetto Euroheat, coordinato dall’Oms Europa e finanziato dalla Direzione generale sanità e tutela dei consumatori della Commissione europea.

 

Il primo passo affrontato dal progetto è stato definire un’ondata di calore: finora, infatti, manca una definizione ufficiale, precisa e univoca a livello internazionale. Per Euroheat, un’ondata di calore è “un periodo in cui per almeno due giorni la temperatura percepita massima e la temperatura minima si trovano al di sopra del novantesimo percentile della distribuzione mensile”.

 

Il progetto è terminato nel 2007; nel corso di questi anni, oltre ad aver realizzato lo strumento online per le previsioni delle ondate di calore, ha organizzato tre convegni (a Roma nel 2005, a Budapest nel 2006 e a Bonn nel 2007) e ha prodotto varie pubblicazioni, fra cui la guida Heat-health action plans e l’allegato con il decalogo sulla risposta alle ondate di calore (pdf 104 kb).

 

Vai alla pagina con le previsioni.

 

Scarica la guida all’uso dello strumento online di Euroheat (pdf 1,32 Mb) e il suo background scientifico (pdf 1,20 Mb).