Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Alimentazione e salute

Archivio 2007

(15 novembre 2007) “Cibo spazzatura”: progressi nelle scuole americane

La terza edizione dello School Health Policies and Programs Study, relativo al 2006, mostra notevoli miglioramenti nelle scuole statunitensi dal punto di vista dell’alimentazione: diminuisce la presenza dei cosiddetti cibi spazzatura nei distributori automatici e negli spacci, mentre aumenta l’offerta di cibi sani nei menù. Gli aspetti da migliorare riguardano principalmente la presenza di snack salati e bevande gassate. L’approfondimento è a cura della redazione di EpiCentro.

 

(12 luglio 2007) Dal Codex Alimentarius, nuovi standard per la sicurezza dei cibi

Il 9 luglio 2007 si è conclusa l’ultima sessione della commissione sul Codex Alimentarius, che ha visto una partecipazione da record: ben 133 Paesi, la più alta mai registrata. Tra i nuovi standard di sicurezza adottati o rivisti, particolarmente importanti quelli relativi alla catena di produzione del vino, al latte in polvere per bambini e alle uova e suoi derivati. Leggi la traduzione del comunicato congiunto Fao-Oms, a cura della redazione di EpiCentro.

(5 aprile 2007) Salmonella: l’Efsa pubblica un’indagine sugli allevamenti della Ue
L’Efsa ha pubblicato un’indagine sui livelli di salmonella rilevati negli allevamenti di polli destinati alla produzione di carne nel 2005 e 2006. Nei Paesi dell’Unione europea, la salmonella è stata riscontrata in quasi 1 allevamento su 4 (23,7%). Il tasso di rilevamento, molto diverso da Stato a Stato, varia tra lo 0% (Svezia) e il 68,2% (Ungheria) degli allevamenti nazionali. Salmonella enteritidis e Salmonella typhimurium, i due tipi più frequenti nei casi umani osservati, sono stati individuati nel 40% circa degli allevamenti risultati positivi ai test. In risposta all’indagine, la Commissione europea fisserà un obiettivo di riduzione valido in tutta l’Unione europea per questi due tipi di salmonella per un periodo transitorio di tre anni. Sono raccomandate, inoltre, azioni a livello nazionale e campagne informative e di prevenzione. Leggi l’approfondimento su EpiCentro.

 

(22 marzo 2007) Sicurezza alimentare: relazione 2006 sul sistema di allerta comunitario

È on line sul sito del ministero della Salute la relazione del sistema di allerta comunitario sulla sicurezza alimentare, relativo al 2006. Complessivamente, sono state 2874 le notifiche arrivate al sistema di allerta sia dalla Commissione europea, sia da parte degli uffici periferici e degli assessorati alla sanità. Tra le notifiche complessive (2874), l’Italia ne ha effettuate 554 (pari 19,3%), risultando così il primo Paese membro nel numero di segnalazioni inviate. Di varia natura le irregolarità riscontrate: nell’ambito delle classi di alimenti analizzati (di origine animale o vegetale), sono sia di tipo igienico-sanitario (contaminanti microbiologici, residui di antiparassitari, metalli pesanti, micotossine, stato di conservazione, additivi e coloranti) sia di tipo formale-merceologico (etichettatura non conforme dal punto di vista sanitario, frodi). Leggi l’approfondimento, a cura della redazione di EpiCentro.