Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

salute e ambiente

Documentazione

Nelle Regioni

 

Salute e rifiuti a Napoli, il sistema di sorveglianza Visari

Monitorare l’incidenza di alcune sindromi infettive acute che, per modalitÓ di contagio, sono state spesso “oggetto” di attenzione e preoccupazione da parte della popolazione: Ŕ l’obiettivo del sistema di sorveglianza Visari (VIgilanza SAnitaria RIfiuti), predisposto dall’Osservatorio Epidemiologico della Regione Campania e l’Ordine dei Medici Regionale, e in funzione da sette settimane. Su EpiCentro il commento di Donato Greco, responsabile della Task force Regione Campania: salute e rifiuti (emergenza dicembre 2010-gennaio 2011).

 

La salute nelle aree industriali della Sicilia a rischio ambientale

Realizzato all’interno del progetto Agire Por, cofinanziato dalla Commissione europea, e riferito alle aree di Augusta-Priolo (Provincia di Siracusa), Gela (Provincia di Caltanissetta) e Milazzo (Provincia di Messina), Ŕ disponibile il rapporto “Stato di salute nelle aree a rischio ambientale della Sicilia”. I dati sulla mortalitÓ sono aggiornati al 2002, quelli sui ricoveri ospedalieri al 2006. Il documento pone l’accento sull’importanza della sorveglianza epidemiologica in queste aree, per la valutazione e la tutela della salute pubblica.

 

Trattamento dei rifiuti in Campania: l’impatto sulla salute

Lo smaltimento dei rifiuti in Campania Ŕ un problema sempre attuale, con pesanti conseguenze anche di salute pubblica. Sul sito della Protezione civile, Ŕ stato pubblicata la sintesi di uno studio su mortalitÓ e malformazioni: i dati indicano una correlazione statistica tra lo smaltimento illegale dei rifiuti in Campania e un aumento degli effetti negativi sulla salute dei cittadini. Nel rapporto viene esaminata la correlazione di questi rischi con l'intensitÓ delle esposizioni legate allo smaltimento dei rifiuti. Consulta l’approfondimento, a cura della redazione di EpiCentro, e leggi il commento di Renato Pizzuti (Osservatorio epidemiologico, Regione Campania).

 

I risultati dell’indagine sanitaria sul polo chimico di Mantova

Il ministero della Salute presenta la relazione conclusiva sullo “Studio delle concentrazioni ematiche di diossine, furani e Pcb in due campioni della popolazione di Mantova”, condotto dopo una serie di segnalazioni relative a sospetti effetti dannosi sulla salute da inquinamento ambientale nell’area del polo chimico di Mantova. Lo studio, coordinato da Alberto Bertazzi della Clinica del lavoro “Luigi Devoto” dell’UniversitÓ di Milano su incarico della Asl della Provincia di Mantova, sottolinea come nel complesso non vi siano differenze di rilievo nei livelli plasmatici di diossine, furani e Pcb tra residenti vicino al petrolchimico e residenti nel centro di Mantova. Scarica il testo integrale dello studio (pdf 150 kb).

 

Sardegna, le zone pi¨ a rischio per la salute

In alcune aree della Sardegna si sta peggio che nel resto dell’Italia: Ŕ la conclusione principale del rapporto sullo stato di salute delle popolazioni residenti in aree interessate da poli industriali, minerari e militari della Regione Sardegna, ricerca voluta dall’Assessorato alla sanitÓ della Regione e pubblicata su Epidemiologia & Prevenzione. Le malattie pi¨ frequenti, in gran parte causate da inquinamento ed esposizioni professionali, sono quelle respiratorie e dell’apparato digerente e, fra gli uomini, tumori del polmone, del fegato e del sangue. Leggi il comunicato e scarica la locandina.

 

 

Sicilia, la salute della popolazione nelle aree a rischio

In Sicilia c'Ŕ allarme per i rischi per la salute della popolazione che vive nei pressi dei grandi insediamenti industriali. Le aree di Augusta-Priolo, Gela e Milazzo sono state dichiarate dalla legislazione nazionale e regionale “aree ad elevato rischio di crisi ambientale” e l'area di Biancavilla Ŕ stata inclusa tra i “siti di interesse nazionale”. L'Osservatorio epidemiologico della Regione Sicilia e il Dipartimento di epidemiologia della Asl Roma E della Regione Lazio, con il supporto del ministero della Salute, hanno curato un'indagine epidemiologica per valutare il quadro di mortalitÓ e morbositÓ nella popolazione residente. Leggi il comunicato stampa e scarica l'intero studio. Consulta anche il focus discariche e salute.