Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Malattie croniche

Le malattie croniche, un’epidemia dimenticata

Richard Horton, commento pubblicato su Lancet on line il 5 ottobre 2005

 

La riduzione dell’impatto delle malattie croniche sulla salute pubblica non rientra tra gli obiettivi di sviluppo del millennio fissati dall’Onu. Mentre i riflettori della politica hanno deciso di puntare su alcune malattie in particolare (Aids, malaria o tubercolosi per esempio), altre condizioni patologiche, anche molto più diffuse e comuni, sono relegate all’ombra dei principali piani di azione sanitari mondiali. E quelle croniche rientrano proprio tra le malattie dimenticate.

 

Le malattie croniche rappresentano un’ampia fetta di tutte le patologie umane: comprendono quelle cardiovascolari (responsabili del 30% del totale dei decessi nel 2005), il cancro (13%), i disturbi respiratori (7%) e il diabete (2%).

 

Sono due i fattori di rischio principali per queste patologie: il fumo e l’obesità. Non si tratta di due fattori a esclusivo appannaggio dei Paesi ricchi, però. Anzi, le malattie croniche stanno diventando un problema sempre più grave nelle popolazioni a basso reddito. Il problema è che la ricerca e gli studi su queste patologie nei Paesi poveri è ancora allo stadio embrionale. I pochi risultati a disposizione mostrano comunque come sia cruciale intervenire presto, all’inizio dell’epidemia.

 

Abbiamo quindi un’opportunità che non possiamo perdere: possiamo agire ora per prevenire milioni di morti tra qualche anno. Ma abbiamo veramente la perspicacia e la risolutezza per farlo? Esiste un gap di conoscenze ancora da colmare nel dibattito mondiale sulle malattie. Un gap che gli operatori sanitari e i politici non possono più ignorare. L’obiettivo di ridurre ogni anno del 2% la mortalità per patologie croniche (per prevenire 36 milioni di morti entro il 2015) merita di essere aggiunto agli attuali otto obiettivi di sviluppo del millennio.

Senza un’azione politica coordinata e concertata, però, le vittorie ottenute finora nel contrasto alle malattie infettive rischiano di essere spazzate via da un’ondata di nuove patologie. Serve allora un forte impegno internazionale per impedire che questo avvenga.