Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Fumo

“Sigarette spezzate”: la campagna 2009-2010 di Ferrara

4 marzo 2010 - “Sigarette Spezzate” è il nome della seconda campagna provinciale di comunicazione sociale contro il fumo di tabacco organizzata dall’Unità operativa Piani per la promozione della salute di Ferrara. L’iniziativa fa seguito alla campagna del 2007 “Le sfumature del fumo”, grazie alla quale nel periodo 2007/2008 è stato registrato un incremento del 17% di nuovi utenti nei Centri antifumo della Provincia.

 

Tenere alta l’attenzione sugli effetti negativi del fumo per la salute, promuovere la conoscenza dei 5 Centri antifumo della Provincia e suggerire motivazioni positive per smettere di fumare sono gli obiettivi della campagna 2009-2010, rivolta in particolare a genitori (pdf 150 kb) e coppie (pdf 123 kb).

 

Impressionare, non minacciare

L’intento dei promotori della campagna non è puntare su messaggi prescrittivi, né su quelli centrati sul pericolo (per evitare il rischio di rigetto del messaggio stesso da parte dei fruitori), quanto piuttosto di lasciare ampio spazio alla libera riflessione del destinatario della comunicazione. La scelta del messaggio e la tecnica per costruirlo si rifanno al marketing sociale, secondo cui si può instaurare un dialogo col pubblico facendo emergere aspetti non tragici e apparentemente marginali legati al fumo. I danni all’estetica o alla funzionalità sessuale, infatti, hanno più probabilità di attirare l’attenzione e di non essere rifiutati dai destinatari.

 

Far leva sulle motivazioni positive di un fumatore significa porre l’accento sul mantenimento di determinati vantaggi che il fumatore possiede e che, si presume, non voglia perdere. Per questo, la campagna suggerisce le motivazioni legate al vantaggio di continuare ad avere una vita sessuale soddisfacente e al desiderio dei genitori di vivere a lungo in salute con i figli.

 

Gli strumenti di lavoro

I soggetti della campagna 2009-2010 ripropongono in positivo le tematiche descritte nel 2007. Ciò non solo rafforza i messaggi veicolati, ma dà ai destinatari anche il senso di un progetto articolato e non di una operazione estemporanea. Diversi gli strumenti a disposizione dell’iniziativa:

  • manifesti 6x3 metri (a Ferrara)
  • riproduzioni dei due manifesti (blu per i genitori e rosa per le coppie) per il retro degli autobus, il cui percorso copre sia il centro che la periferia (a Ferrara)
  • manifesti 70x100 cm in tutta la Provincia
  • locandina con le due immagini nei luoghi frequentati dal pubblico
  • immagini commentate e riportate a tutta pagina sui giornali locali.

Il calendario delle attività si è così articolato: nei mesi di ottobre e novembre 2009 l’affissione dei due manifesti in città e sul retro degli autobus di Ferrara; a fine novembre 2009, la diffusione di locandine nei luoghi frequentati dal pubblico (ambulatori medici e pediatrici, municipi, biblioteche, farmacie, ospedali e Cup del territorio) e infine, a dicembre 2009, l’uscita di spot a cura di Telestense.

 

Il progetto prevede, infine, una valutazione dell’efficacia della campagna a livello quantitativo e qualitativo. La prima tipologia di dati verrà raccolta attraverso il questionario d’accesso ai Centri antifumo, al quale vengono sottoposti i nuovi utenti del servizio, mentre per le informazioni di tipo qualitativo saranno presi in considerazione gli articoli apparsi su giornali e riviste sia cartacee, sia on line.

 

Scarica i manifesti blu (rivolto ai genitori, pdf 150 kb) e rosa (rivolto alle coppie, pdf 123 kb).