Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Salute materno-infantile

Archivio 2005

(15 dicembre 2005) Il ricorso all’Ivg tra le donne straniere

L’Istituto superiore di sanità (Iss) nel 2004 ha condotto un’indagine multicentrica sul ricorso all’Ivg tra le donne immigrate, coordinata dal reparto Salute della donna e dell’età evolutiva dell’Iss (dal 1980 responsabile del sistema di sorveglianza epidemiologica delle Ivg) e in collaborazione con l’Agenzia di sanità pubblica della Regione Lazio. Gli obiettivi principali dell'indagine sono stati approfondire le conoscenze sulle scelte riproduttive nella popolazione immigrata, individuare eventuali fattori di rischio e le motivazioni del ricorso all’Ivg, evidenziare le differenze tra i gruppi etnici, valutare l'accesso ai servizi e le difficoltà più frequentemente incontrate dalle donne immigrate e fornire agli operatori proposte per migliorare l'organizzazione dei servizi e per la prevenzione dell'Ivg.

Consulta i dati e le presentazioni del convegno che si è tenuto all’Iss il 15 dicembre 2005.

(7 dicembre 2005) Consultori e Ivg: il rapporto Istisan del 1991
Prosegue in Italia il dibattito su consultori e interruzione volontaria di gravidanza: l'Iss ripropone in versione elettronica il rapporto Istisan del 1991 "Epidemiologia dell'aborto e possibilità di prevenzione", un'indagine conoscitiva sull'applicazione delle leggi su Ivg e consultori commissionata nel 1989 dalla Camera. Un documento ancora attuale, soprattutto per l'interpretazione dell'evoluzione del fenomeno e le proposte di prevenzione e razionalizzazione dei servizi.

(7 dicembre 2005) Interruzioni volontarie di gravidanza e consultori: la situazione in Italia

Mentre va avanti la discussione sul ruolo e la funzione dei consultori familiari in Italia, Michele Grandolfo e Angela Spinelli in un articolo che uscirà sul primo volume del 2006 di Ostetricia e ginecologia (che pubblichiamo in anteprima per gentile concessione dell'editore Verduci) presentano il quadro epidemiologico nazionale aggiornato sull'interruzione volontaria di gravidanza. Il sito del ministero della Salute ospita tutte le relazioni, dal 1998 a oggi, sullo stato di attuazione della legge sulle norme per la tutela sociale della maternità e sull'interruzione volontaria di gravidanza, con i dati definitivi del 2003 e quelli preliminari del 2004.

 

(24 novembre 2005) Dibattito su ruolo e funzioni dei consultori

Prosegue il dibattito sul ruolo e la funzione dei consultori familiari in Italia: sul sito della Camera dei deputati è disponibile il testo della relazione sullo stato di attuazione della legge sulle norme per la tutela sociale della maternità e sull'interruzione volontaria di gravidanza, con i dati definitivi del 2003 e quelli preliminari del 2004. Leggi su EpiCentro anche l'argomento di salute dedicato ai consultori.

 

(27 ottobre 2005) Le nascite nel Lazio: rapporto 2003
Dalla metà degli anni Novanta la natalità nel Lazio è in leggera ripresa, anche grazie a un aumento dell’immigrazione. Nascono ogni anno 50 mila bambini e i miglioramenti dell’assistenza hanno portato a una forte diminuzione della morbosità e mortalità materna e infantile. Permangono ancora, però, disuguaglianze associate a condizioni socioeconomiche più disagiate, e continua ad aumentare il ricorso al taglio cesareo, nonostante l’impegno da parte della Regione di attuare iniziative per un suo uso appropriato. Scarica il rapporto 2003 sulle nascite nel Lazio, leggi la presentazione di Angela Spinelli e Domenico Di Lallo e consulta su EpiCentro l’argomento di salute sul percorso nascita.


(29 settembre 2005) Allatamento al seno: la settimana si chiude in bellezza
Nella giornata conclusiva della settimana dell’allattamento al seno, SaPeRiDoc pubblica una serie di strumenti di lavoro pensati per aiutare medici, ostetriche e tutte le figure professionali coinvolte nella promozione dell’allattamento al seno a sostenere le famiglie qualora insorgano dubbi, difficoltà e perplessità. Il materiale comprende un manuale, un software da scaricare e installare sul proprio computer per definire un piano di implementazione locale e una serie di questionari e programmi per effettuare indagini locali. I dettagli sulle iniziative della settimana sul grandetema salute materno infantile.

(22 settembre 2005) 1-7 ottobre, Settimana dell’allattamento al seno in Italia: non solo latte
Focalizzare l’attenzione sul valore dell’allattamento al seno prolungato oltre i 2 anni, aumentare la consapevolezza su rischi e costi dell’introduzione nella dieta di altri cibi e bevande prima dei 6 mesi di vita e rafforzare così il sostegno per l’allattamento esclusivo al seno nei neonati. Sono questi gli obiettivi della Settimana dell’allattamento materno, in programma in Italia dal 1 al 7 ottobre. Un’occasione utile anche per aggiornare le conoscenze, scambiare idee e rendere l’alimentazione complementare più semplice e salutare.
Consulta su EpiCentro le iniziative e i link utili.

(21 luglio 2005) Il ruolo strategico dei consultori familiari
Istituiti trent’anni fa, oggi i consultori familiari hanno un ruolo decisivo nella promozione e nella tutela della salute della donna e dell’età evolutiva. Ma le persone che ne avrebbero più bisogno spesso non sono coinvolte per la mancanza di offerta attiva. Diventa allora importante ripensare ai consultori come strutture caratterizzate da un approccio integrato, secondo un modello sociale di salute. EpiCentro apre un nuovo focus dedicato ai consultori familiari con l’intervento di Michele Grandolfo.

(9 giugno 2005) Oms: due milioni di bambini muoiono ogni anno per complicanze alla nascita
Sono 904 400 i neonati che ogni anno perdono la vita a causa di complicanze alla nascita, e oltre un milione quelli che muoiono durante il parto. I dati dello studio Oms indicano che le morti intra partum rappresentano la causa principale di decesso nei neonati, con il 27% del totale.

(7 aprile 2005) Giornata mondiale della salute
L’obiettivo della Giornata mondiale della salute, celebrato annualmente a partire dal 1950, è incrementare la consapevolezza mondiale su uno specifico argomento di sanità, allo scopo di fare luce su un’area prioritaria di interesse per l’Oms. Il tema del 2005 è la salute materno-infantile. Occorre lavorare ancora molto per modificare la realtà odierna: ogni anno, infatti, mezzo milione di donne muoiono durante la gravidanza e il parto, e quasi 11 milioni di bambini non superano i 5 anni di vita. In occasione della Giornata mondiale della salute, l’Oms pubblica il World Health Report 2005, dedicato quest’anno alla salute materno-infantile.
Leggi il comunicato (tradotto da EpiCentro) e consulta l’intero rapporto.
Consulta anche l’articolo pubblicato su Lancet il 26 marzo 2005 sulle cause di morte nell’infanzia, sintetizzato e tradotto in italiano dalla redazione di EpiCentro.