Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Salute materno-infantile

Save the Children: rapporto 2009 sulle condizioni delle madri nel mondo

10 settembre 2009 - Ogni anno sono 75 milioni i bambini che in tutto il mondo non finiscono la scuola primaria. Gli anni della prima infanzia, quelli che vanno dalla nascita fino ai 5 anni, sono quelli più critici per la crescita dell’organismo e per lo sviluppo delle capacità di apprendimento dei bambini. Si tratta di un periodo cruciale per lo sviluppo che si ripercuote anche sull’adolescenza e sulla vita adulta. Se i bambini ricevono cure sanitarie adeguate nei primi anni di vita e hanno l’opportunità di studiare fin da piccoli, hanno maggiori probabilità di crescere in salute, di avere buoni risultati a scuola e di raggiungere il loro massimo potenziale tanto sanitario, quanto produttivo.

 

Per commemorare il giorno della mamma, l’organizzazione Save the Children ha pubblicato il suo decimo rapporto State of the World’s Mothers 2009 (pdf 3,7 Mb), focalizzandosi sull’importanza dell’educazione durante la prima infanzia. Il documento sottolinea come gli interventi a sostegno dei bambini più piccoli rappresentino un investimento per la prosperità economica, per lo sviluppo sociale e per la sopravvivenza e il benessere dei bambini e delle loro famiglie. Il rapporto dimostra come questo tipo di investimenti ripaghino sul lungo termine e mette in luce alcuni strumenti e alcune risorse efficaci per la tutela della salute e per l’istruzione dei bambini.

 

Punti chiave

Il rapporto State of the World’s Mothers 2009 ha individuato cinque punti chiave:

  1. la cura dei bambini durante la prima infanzia e durante lo sviluppo è un investimento per il benessere nazionale e per la futura prosperità economica
  2. negli Stati Uniti il numero di bambini che rischiano di non andare a scuola perché non ricevono l’attenzione e il supporto necessari è allarmante
  3. rispetto ad altri Paesi industrializzati, gli Stati Uniti stanno perdendo terreno in merito al livello di educazione
  4. nei Paesi in via di sviluppo, quasi il 40% di tutti i bambini sotto i 5 anni non raggiunge il suo massimo potenziale cognitivo a causa della povertà, delle scarse condizioni di salute, della mancanza di cure e di una cattiva alimentazione
  5. il futuro dell’umanità dipende da come le madri di oggi saranno in grado di crescere la prossima generazione.

Raccomandazioni

Gli esperti di sviluppo infantile concordano nell’affermare che è importantissimo investire nei primi cinque anni di vita dei bambini, ma i casi in cui i politici sono intervenuti a questo proposito, dando sostegno alle madri e ai bambini più piccoli, sono pochi. Per questo Save the Children ha sviluppato le seguenti raccomandazioni:

  • investire in migliori cure sanitarie per le madri e per i bambini più piccoli
  • educare e fornire informazioni per aiutare i nuovi genitori a dare ai propri figli le migliori possibilità
  • migliorare l’educazione e il supporto destinati agli operatori sanitari dell’infanzia e agli insegnanti dell’età prescolare
  • allargare le occasioni di apprendimento per i bambini colpiti da Aids, da conflitti e da disastri naturali
  • aumentare il supporto dei Governi per promuovere lo sviluppo di soluzioni per la prima infanzia negli Usa e nel resto del mondo.