Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Salute materno-infantile

Salute riproduttiva delle donne rifugiate: la guida dei Cdc

23 settembre 2010 - Dei i 36 milioni di rifugiati nel mondo per guerre o conflitti, circa l’80% sono donne e bambini vulnerabili agli abusi e alle pessime condizioni sanitarie che si manifestano durante le crisi. Per progettare e migliorare le indagini epidemiologiche atte a valutare la salute riproduttiva delle donne nelle aree colpite da conflitti, i Cdc americani ha sviluppato la guida “Reproductive Toolkit for Conflict-Affected Woman” (pdf 9,5 Mb).

 

I destinatari di questo nuovo strumento sono prima di tutto le organizzazioni governative e non governative interessate a fornire servizi per il miglioramento delle condizioni della salute riproduttiva delle donne colpite dai conflitti. Per essere propriamente utilizzato il toolkit richiede alcune conoscenze di base, ma è stato pensato anche per chi ha una conoscenza limitata nel campo delle rilevazioni.

 

Gli obiettivi della guida

Il toolkit dei Cdc permette di effettuare sondaggi quantitativi per valutare la salute riproduttiva delle donne comprese tra i 15 e i 49 anni di età e permette di produrre dati confrontabili tra Paesi e tra popolazioni. Lo strumento offre numerose informazioni utili come le istruzioni sul campionamento, la lista di indicatori chiave e alcuni suggerimenti sull’uso dei dati.

 

I risultati delle rilevazioni sono di fondamentale importanza perché possono guidare le agenzie sanitarie nella selezione, promozione e rafforzamento dei programmi e dei servizi più urgenti per migliorare la salute riproduttiva delle popolazioni target. Tra gli obiettivi del toolkit si distinguono:

  • l’individuazione delle necessità sanitarie prioritarie (come la salute materno-infantile e la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili)
  • la traduzione delle priorità in risposte programmatiche
  • la valutazione dei programmi, dei sistemi e delle politiche
  • la disseminazione dei risultati.

Risorse utili