Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Salute mentale

Iniziative e progetti

Nel mondo

 

Giornata mondiale della salute mentale 2016

La depressione è un disturbo mentale che può colpire a tutte le età e in ogni parte del mondo. Per questo motivo, in occasione del World Mental Health Day (10 ottobre), l’Oms ha lanciato la campagna “Depression: let’s talk”, che precede il tema della Giornata mondiale della salute 2017 (7 aprile), anch’essa dedicata a questo tema. La depressione può essere evitata e curata; è quindi importante parlarne a livello personale, con familiari, amici e medici, ma anche in ambienti più grandi, come la scuola o il lavoro, e attraverso media, blog e social media, in modo da abbattere lo stigma che la circonda e spingere chi ne soffre a chiedere aiuto. Per approfondire leggi il commento di Antonella Gigantesco (Cnesps-Iss).

 

World Suicide Prevention Day 2016: relazionarsi, comunicare, assistere

Si è svolta quest’anno la XIV edizione della Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio (10 settembre 2016) promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e organizzata dalla International Association for Suicide Prevention (Iasp). In Italia l’iniziativa è stata celebrata con numerose iniziative tra cui un convegno internazionale di suicidiologia e salute pubblica, che si è svolto a Roma il 13 e 14 settembre scorsi. Leggi la riflessione di Monica Vichi e Silvia Ghirini – Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute, Cnesps-Iss

 

Oms e suicidi

All’interno del portale dell’Organizzazione mondiale della sanità, è possibile consultare le fact sheet, aggiornate ad agosto 2015, sui suicidi con una panoramica mondiale del problema.

 

Giornata mondiale sull’autismo 2014

In occasione del World Autism Awareness Day (2 aprile), introdotto dalle Nazioni Unite per migliorare le conoscenze sui disturbi dello spettro autistico in ogni Paese e porre l’attenzione sulla necessità di diagnosticarli precocemente e attivare tempestivamente gli opportuni interventi di presa in carico e assistenza, EpiCentro propone un approfondimento sul tema con informazioni sulla prevalenza di questo disturbo in Italia e nel mondo e le attività di in cui è impegnato l’Iss.

 

World Mental Health Day 2013: salute mentale e anziani

Nel 2011, l’Organizzazione mondiale della sanità ha stimato che, nei prossimi quarant’anni (dal 2010 al 2050), il numero delle persone con più di 65 anni passerà da 524 milioni a 1,5 miliardi. È proprio alla salute mentale degli anziani che è dedicata l’edizione 2013 del World Mental Health Day, organizzato ogni anno per il 10 ottobre dalla World Federation of Mental Health con il supporto dell’Oms. Leggi l’approfondimento dedicato a cura del reparto Salute mentale, Cnesps-Iss e i contributi tematici su: “Malattie dell’anziano: invecchiamento fisiologico o patologico?”, a cura del Reparto di Farmacoepidemiologia, Cnesps-Iss; “Non abbassare la guardia sulla salute mentale: i dati di Passi d’Argento”, a cura di Alberto Perra - per il Gto del Passi d’Argento; “Lo stato di salute mentale degli anziani nei risultati dell’Italian Longitudinal Study on Aging (Ilsa)”, a cura di Lucia Galluzzo, Claudia Gandin, Silvia Ghirini, Vincenzo Solfrizzi, Francesco Panza ed Emanuele Scafato - Reparto Salute della popolazione e suoi determinanti, Cnesps-Iss; “Il fenomeno dei suicidi tra gli anziani italiani”, Monica Vichi e Susanna Conti - Ufficio di Statistica, Cnesps-Iss; “Ruolo dei fattori genetici e ambientali nelle capacità cognitive degli anziani: uno studio sui gemelli”, a cura di Emanuela Medda, Corrado Fagnani, Maria Antonietta Stazi - Reparto di Epidemiologia Genetica, Cnesps-Iss; “I sintomi depressivi fondamentali tra i 60-69enni secondo quanto rilevato dalla sorveglianza Passi”, a cura di Maria Masocco e lo Staff Centrale Passi, Cnesps-Iss.

 

World Mental Health Day 2012

“Depressione: una crisi globale” è lo slogan scelto per l’edizione 2012 del World Mental Health Day (10 ottobre 2012) con l’obiettivo di stimolare la discussione, aumentare la consapevolezza e promuovere la prevenzione. Infatti, a vent’anni di distanza dalla sua istituzione (10 ottobre 1992), questa Giornata rimane un momento importante di promozione di queste tematiche a livello mondiale. Leggi l’approfondimento redazionale e i contributi: “Sintomi depressivi nella popolazione adulta italiana: i dati Passi 2008-2011” a cura di Antonella Gigantesco (reparto Salute mentale), Maria Masocco e Staff centrale Passi, Direzione Cnesps-Iss; “La salute mentale e l’isolamento sociale delle persone oltre i 64 anni di età” a cura di Alberto Perra e Benedetta Contoli - Direzione Cnesps-Iss; “Lo stato di salute mentale degli anziani in un mondo che invecchia” a cura di Emanuele Scafato e Lucia Galluzzo - reparto Salute della popolazione e suoi determinanti, Cnesps-Iss; “Il trattamento farmacologico della depressione: alla ricerca dell’appropriatezza” a cura del reparto di Farmacoepidemiologia, Cnesps-Iss.

 

Giornata mondiale per la prevenzione dei suicidi 2012

In media, sono quasi 3000 le persone che ogni giorno, nel mondo, si tolgono la vita e, per ognuno di loro circa 20 sono quelle tentano il suicidio. Per portare all’attenzione dell’opinione pubblica globale su questo difficile tema di sanità pubblica e promuovere strategie di prevenzione, l’International Association for Suicide Prevention (Iasp) in collaborazione con l’Oms, il 10 settembre celebra il World Suicide Prevention Day. Come emerge dallo slogan “Suicide Prevention across the Globe: Strengthening protective Factors and Instilling Hope”, l’edizione 2012 è incentrata sull’importanza rivestita dal rafforzamento dei fattori protettivi più che sull’eliminazione o la riduzione dei fattori di rischio. ll Cnesps dell’Iss lavora da tempo sul tema della salute mentale e sul monitoraggio dei dati di mortalità per suicidio nel nostro Paese. In occasione del World Suicide Prevention Day, EpiCentro propone due approfondimenti che affrontano questo argomento da diversi punti di vista. Leggi: Il suicidio. Considerazioni in un’ottica di prevenzione a cura di Antonella Gigantesco (reparto Salute mentale, Cnesps-Iss) e Mortalità per suicidio: i dati italiani a cura di Monica Vichi (Ufficio di Statistica, Cnesps-Iss).

 

Giornata mondiale dell’autismo 2012

Istituita per la prima volta nel 2008, viene celebrata in tutto il mondo ogni 2 aprile. In occasione dell’evento l’Iss ha pubblicato un Primo Piano dedicato ai primi risultati ottenuti dal progetto finanziato dal ministero della Salute nell'ambito del bando Giovani Ricercatori, nato per identificare precocemente i disturbi dello spettro autistico nei bambini. Sul sito del Sistema nazionale linee guida (Snlg) dell’Iss è inoltre disponibile la linee guida “Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti” e la versione per il pubblico “Autismo: quale trattamento per bambini e adolescenti” (pdf 290 kb).

 

La Giornata mondiale della salute mentale 2011

Nella maggioranza dei Paesi a basso e medio reddito, meno del 2% dell’intero budget sanitario è destinato alla promozione della salute mentale. Inoltre, buona parte di queste esigue risorse sono dedicate agli ospedali di cura anziché ai servizi di assistenza primaria. Lo riferisce l’Oms in occasione del World Mental Health Day 2011 che si svolge in tutto il mondo il 10 ottobre e che ha come tema “Investire nella salute mentale”. Antonella Gigantesco e Angelo Picardi (reparto Salute mentale, Cnesps-Iss) riflettono sull’importanza di promuovere politiche per la promozione della salute mentale nella convinzione che il modo migliore di prevenire le malattie e i disturbi è quello di migliorare il livello medio dei fattori protettivi o di diminuire il livello medio dei fattori di rischio nelle popolazioni.

 

La Giornata mondiale per prevenire il suicidio 2010

Si celebra il 10 settembre 2010 la Giornata mondiale per la prevenzione dei suicidi, un evento che mira a sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo a questo problema, spesso sottovalutato. In questa edizione i temi centrali sono la prevenzione nei diversi Paesi e nei diversi contesti sociali e culturali e la condivisione degli strumenti e delle esperienze per garantire la salute mentale di tutti. Numerose le iniziative in Italia e nel mondo.

 

La Giornata mondiale della salute mentale 2009

I disordini mentali colpiscono centinaia di milioni di persone ogni anno e hanno un forte impatto sociale ed economico. Per sensibilizzare l’opinione pubblica rispetto a questi temi e per promuovere i servizi di prevenzione e di trattamento di questo tipo di malattie, dal 1992 la World Federation for Mental Health (Wfmh) ha istituito la Giornata mondiale della salute mentale. Quest’anno l’iniziativa si è concentrata, in particolare, sulla promozione dell’integrazione della salute mentale nelle cure primarie. All’interno della panoramica sulla situazione italiana, i dati Passi sulla depressione.

 

Salute mentale nei bambini: l’Oms rinnova il suo impegno

L’impatto dei disordini mentali è in continua crescita, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, ma nelle regioni più povere la maggior parte dei bambini con questo tipo di disturbi non ha accesso né ai trattamenti né alle cure. I disordini mentali, neurologici e legati all’abuso di sostanze sono diffusi in tutto il mondo e sono tra le prime cause di malattia e di morte prematura. In occasione del World Autism Awareness Day (2 aprile 2009) l’Oms ha riaffermato il proprio impegno a fornire assistenza agli Stati membri per rendere disponibili i servizi sanitari necessari alle persone autistiche o con altri disordini mentali o dello sviluppo legati all’infanzia.

 

Oms: un movimento globale per la salute mentale

Quello della salute mentale è un settore troppo spesso dimenticato dalle iniziative di salute globale e ancora oggi, nei Paesi in via di sviluppo, milioni di persone affette da disordini neurologici e da disturbi legati all’abuso di alcol e droghe non ha accesso ad alcun tipo di cura. Per garantire trattamenti opportuni ai malati di tutto il mondo e per colmare i divari esistenti, il 9 ottobre 2008 l’Oms ha lanciato il programma “Mental health gap action programme (Mhgap): scaling up care for mental, neurological and substance use disorders”. Leggi l’approfondimento a cura della redazione di EpiCentro.

 

Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio 2006

Ogni anno, sono quasi 900 mila i morti provocati in tutto il mondo da suicidi: più degli omicidi e delle guerre messi insieme. Il tema scelto per la Giornata mondiale 2006 è “Con la comprensione, nuova speranza”, per richiamare l’attenzione sulla necessità di tradurre le conoscenze scientifiche in programmi di prevenzione efficaci. Leggi la traduzione del comunicato dell’Oms e consulta la scheda Oms con i dati sulla dimensione del problema.