Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Politiche sanitarie

Iss: come cambia con il riordino

9 febbraio 2017 - Sei Dipartimenti, sedici Centri nazionali, due Centri di riferimento e un Organismo notificato: sono queste le strutture che vanno a comporre la nuova area tecnico-scientifica dell’Istituto superiore di sanità (Iss) secondo la rinnovata organizzazione, presentata dal presidente Walter Ricciardi e dal Direttore generale Angelo Del Favero in una conferenza stampa il 7 febbraio scorso.

 

La ristrutturazione dell’Iss ha aggiunto nuove competenze e i reparti/unità saranno non più di 50. In questo nuovo contesto l’Iss – che nel 2016 ha gestito 119 progetti internazionali – riceverà per il 2017 circa 35 milioni di euro come finanziamento per progetti di ricerca nazionali e internazionali. Per sfruttare al meglio queste sovvenzioni l’Istituto ha creato un Grant Office che assisterà i ricercatori nel reperimento dei bandi di ricerca e supporterà i percorsi di brevettazione e di tutela della proprietà intellettuale.

 

Nella nuova vision dell’Iss viene dato maggior spazio anche alla comunicazione e ai canali di dialogo e di informazione con gli utenti per promuovere la conoscenza medico-scientifica su aspetti fondamentali della salute pubblica. Inoltre, rafforzati e presenti sui social network, i telefoni verdi dell’Iss (fumo, infezioni sessualmente trasmesse, malattie rare) rispondono a tutti coloro che hanno bisogno di un orientamento, pazienti e famiglie e operatori stessi.

 

Consulta l’elenco delle nuove strutture dell’Iss e i nomi dei nuovi direttori e consulta il comunicato stampa dell’Iss.

 

Tabella 1: Area operativa tecnico-scientifica dell’Istituto superiore di sanità

 

 

Dipartimenti

 

Direttore

Ambiente e salute

Eugenia Dogliotti

Malattie cardiovascolari endocrino-metaboliche immunomediate e invecchiamento

Simona Giampaoli

Malattie infettive

Giovanni Rezza

Oncologia e medicina molecolare

Mauro Biffoni

Neuroscienze

Maurizio Pocchiari

Sicurezza alimentare, nutrizione e sanità pubblica

Umberto Agrimi

 

Centri nazionali

 

 

Direttore

 

Centro Nazionale Aids

Barbara Ensoli

Centro nazionale per il controllo e la valutazione dei farmaci

Carlo Pini

Centro nazionale dipendenze e doping

Roberta Pacifici 

Centro nazionale per l’eccellenza clinica, la qualità e la sicurezza delle cure

Primiano Iannone

Centro nazionale tecnologie innovative in sanità pubblica

Paolo Lago 

Centro nazionale malattie rare

Domenica Taruscio

Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute

Angela Spinelli

Centro nazionale per la protezione dalle radiazioni e fisica computazionale

Francesco Bochicchio

Centro nazionale per la ricerca e la valutazione preclinica e clinica dei farmaci

Patrizia Popoli 

Centro nazionale per la salute globale

Stefano Vella

Centro nazionale sangue 

Giancarlo Liumbruno

Centro nazionale delle sostanze chimiche, prodotti cosmetici e protezione del consumatore

Rosa Draisci

Centro nazionale per la sperimentazione e il benessere animale

Rodolfo Lorenzini

Centro nazionale Health Technology Assessment

Marco Marchetti

Centro nazionale telemedicina e nuove tecnologie assistenziali 

Antonio Bray

Centro nazionale trapianti 

Alessandro Nanni Costa

 

Centri di riferimento

 

 

Centro di riferimento per la medicina di genere

Walter Malorni

Centro di riferimento per le scienze comportamentali e la salute mentale

Enrico Alleva

 

Organismo notificato

 

Roberta Marcoaldi