Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

Programma nazionale

Cosa è Guadagnare Salute

Guadagnare Salute: una nuova cultura della prevenzione

 

23 aprile 2018 - Investire nella prevenzione e nel controllo delle malattie croniche per migliorare la qualità della vita e del benessere degli individui e della società in generale, promuovendo stili di vita sani e agendo in particolare sui principali fattori di rischio delle malattie cronico-degenerative di grande rilevanza epidemiologica. Questa è l’idea che sta alla base del programma nazionale “Guadagnare Salute. Rendere facili le scelte salutari” approvato dal Governo con Decreto del presidente del Consiglio dei ministri (Dpcm) il 4 maggio 2007 (pdf 1,3 Mb) in accordo con Regioni e Province autonome.

 

L’obiettivo primario è quello di agire in modo integrato e coordinato sui quattro principali fattori di rischio modificabili (fumo, alcol, scorretta alimentazione e inattività fisica) che sono responsabili da soli del 60% della perdita di anni di vita in buona salute in Europa e in Italia. Questi fattori di rischio devono essere affrontati non solo dal punto di vista sanitario ma come veri e propri fenomeni sociali. È per questo che la strategia di Guadagnare Salute, partendo dai fattori di rischio, identifica quattro aree tematiche (o programmi specifici):

Un approccio integrato che si pone come obiettivo l’intervento sui principali fattori di rischio per le malattie non trasmissibili più comuni, di importanza epidemiologica e di impatto sulla sanità pubblica: malattie cardiovascolari, tumori, diabete mellito, malattie respiratorie croniche, disturbi muscolo-scheletrici e dell’apparato gastrointestinale, problemi di salute mentale. Un investimento per ridurre nel lungo periodo il peso delle malattie croniche sul sistema sanitario e sulla società ma anche un modo per agire direttamente sulle condizioni di vita dei singoli cittadini attraverso la promozione di stili di vita sani: seguire un’alimentazione corretta, svolgere attività fisica regolare, smettere di fumare, limitare il consumo di alcol.

 

Informare, educare, assistere, stimolare la responsabilità individuale, affinché ogni persona diventi protagonista e responsabile della propria salute e delle proprie scelte. Un investimento da valutare a lungo periodo, con la riduzione del peso delle malattie croniche sul sistema sanitario e sulla società e, nel breve, con il miglioramento della qualità della vita dei singoli individui.

 

Un investimento per il futuro dal momento che le spese in campo socio-sanitario non possono essere viste soltanto come “costi da contenere”, bensì come investimenti a medio lungo termine.

 

La strategia europea di riferimento

A livello nazionale, il Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ccm) promuove il programma “Guadagnare salute” attraverso una serie di progetti e protocolli di intesa, coerenti con le quattro aree tematiche. Alcuni di questi progetti, nell’ottica dell’intersettorialità, risultano “trasversali” ai 4 obiettivi specifici del programma. Per maggiori informazioni sui singoli protocolli d’intesa visita il sito del Ccm.

 

A livello internazionale Guadagnare Salute rientra nella cornice della strategia europea per la prevenzione e il controllo delle malattie croniche Gaining in health (pdf 654 kb) promossa dall’Oms nell’autunno del 2006. Con il passare del tempo, la strategia Guadagnare salute-Gaining Health non ha di fatto potuto prescindere dal concetto di “salute in tutte le politiche” (Health in all policies) che negli ultimi anni si è affermato sia a livello internazionale che nazionale. È diventato sempre più evidente infatti che alcuni determinanti di salute sono al di fuori del diretto controllo del settore sanitario ed è quindi necessario coinvolgere settori diversi della società e delle istituzioni per creare alleanze e azioni sinergiche.

 

Al momento è la strategia “Health 2020” che fa da “ombrello politico” per gli Stati membri della Regione europea dell’Oms. Con questa nuova politica sociale e sanitaria comune l’Oms Europa focalizza la sua attenzione sui determinanti sociali della salute e sulle relative equità ponendoli al centro della propria agenda.

 

Intersettorialità e sinergie

Per agire sui determinanti socio-economici e ambientali delle malattie croniche, per dare maggior credibilità ai messaggi da veicolare, per consolidare il rapporto tra cittadini e istituzioni, per assicurare un’informazione univoca e completa sono necessarie alleanze tra forze diverse e azioni sinergiche. Poiché la maggior parte degli interventi efficaci di contrasto ai fattori di rischio e di promozione di comportamenti salutari sono esterni alla capacità di intervento del Servizio sanitario nazionale, il programma Guadagnare Salute punta sulla collaborazione tra i vari Ministeri e sull’avvio di una “politica delle alleanze” tra soggetti portatori di interesse e settori diversi della società (Amministrazioni locali, organizzazioni, enti, associazioni, istituzioni, ecc).

 

Guadagnare Salute si concretizza il 3 maggio 2007 con la firma dei protocolli d’intesa tra il Ministro della Salute Livia Turco e i rappresentanti di 22 organizzazioni del sindacato, delle imprese e dell’associazionismo. Questi accordi sono stipulati per sviluppare iniziative concrete per la popolazione e non rappresentano un punto di arrivo ma tappe di un processo in continua evoluzione. Per maggiori informazioni sui singoli protocolli d’intesa visita il sito del Ccm.

 

Comunicare per “guadagnare salute”

La comunicazione rappresenta una componente integrata degli interventi di prevenzione di Guadagnare Salute essendo uno strumento fondamentale di informazione e conoscenza per le persone (sia cittadini che professionisti della salute).

 

I piani di comunicazione istituzionale sviluppati dal programma sono tre:

  • piani di comunicazione specifici per ogni intervento
  • una campagna informativa che mette il cittadino al centro delle scelte per la propria salute e impegna i governi a rendere possibili le scelte di salute
  • un programma specifico in collaborazione con il mondo della scuola.

A ciò si aggiunge l’avvio, il 4 agosto 2008, del progetto Pinc (Programma nazionale di informazione e comunicazione), coordinato dal Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute (Cnesps) oggi Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute (Cnapps) dell’Istituto superiore di sanità (Iss).

 

Uso del logo

Il ministero della Salute ha definito una serie di regole per disciplinare i criteri di adesione al programma e per utilizzare il logo di Guadagnare salute, evitando un uso improprio e permettendo di tenere sotto un unico cappello attività e iniziative anche molto diverse tra loro.