Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

16 gennaio 2003

TUTTO SUL MIO CUORE … ITALIANO

Il commento di Donato Greco, direttore del Leb, introduce i risultati del il Progetto Cuore: 15 anni di lavoro per mettere a punto strumenti e informazioni per la prevenzione e il calcolo del rischio individuale di malattie cardiovascolari, costruiti sulla popolazione italiana e per la popolazione italiana. Tutto on-line sul nuovo sito de il Progetto Cuore: www.cuore.iss.it.

La carta del rischio di infarto. Rappresenta uno strumento semplice per stimare la probabilità di andare incontro a un infarto del miocardio nei prossimi 5-10 anni a seconda di alcune caratteristiche: sesso, età, abitudine al fumo, diabete, colesterolo e pressione arteriosa. E’ utilizzabile da donne e uomini di età compresa fra 40 e 70 anni che non hanno avuto precedenti infarti.

Calcolo del punteggio individuale. Uno strumento on-line per stimare la probabilità di infarto del miocardio: basta rispondere direttamente dalle pagine del sito a una serie di domande. Per quanto possa essere utilizzato da chiunque, il ‘test’ è stato messo a punto principalmente per essere usato dal medico o insieme al medico: il risultato può essere stampato su carta intestata dell’Istituto superiore di sanità e rappresentare così un documento valido da inserire nella cartella clinica del paziente.

Distribuzione dei fattori di rischio sul territorio. Dal sito è possibile vedere come varia l’incidenza di obesità, diabete, ipercolesterolemia, ipertensione arteriosa, sedentarietà e abitudine al fumo nelle diverse città italiane. Una fotografia importante del rischio di malattie cardiovascolari.

E ancora: sul nuovo sito de il Progetto Cuore si trova anche una sezione dedicata al lavoro svolto dal registro cardiovascolare italiano, ma anche tante pagine dedicate a tutti, per spiegare quali sono le malattie cardiovascolari e come proteggere il nostro cuore.

 

MALATTIE INFETTIVE: CAMBIANO LE DEFINIZIONI DI CASO

Sono entrate in vigore il 3 gennaio scorso le nuove indicazioni che uniformano fra gli stati dell’Unione Europea le definizioni di caso per la dichiarazione delle malattie trasmissibili. Il primo impatto di questa decisione ricade proprio sulla sorveglianza epidemiologica delle patologie oggetto del provvedimento. Ecco il testo completo.

 

SALUTE PERINATALE: CONOSCERE PER PREVENIRE

E’ questo il tema portante del progetto SEI + UNO con l’obiettivo di sviluppare e valutare la campagna di informazione per promuovere 7 interventi di prevenzione nella salute infantile. Leggi il testo dello studio a cura di Luca Ronfani, direttore scientifico del ‘Centro per la Salute del Bambino’, e Giorgio Tamburlini, dell'IRCCS Burlo Garofolo di Trieste.


 

trova dati