Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

allattamento

Principali raccomandazioni sull’alimentazione infantile

1 ottobre 2015 - Per garantire la salute ottimale dei bambini, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) raccomanda l’allattamento esclusivo nei primi 6 mesi di vita, seguito da un’adeguata, sicura e appropriata alimentazione complementare, mentre l’allattamento continua per 2 anni e oltre [1].

 

Inoltre, al fine di favorire l’avvio dell’allattamento sin dal nascita, si raccomanda di garantire il contatto pelle a pelle mamma-neonato subito dopo la nascita per almeno un’ora e di offrire sostegno alle mamme [2].

 

Raccomandazioni Oms-Unicef su allattamento e alimentazione infantile

  • Mettere i neonati in contatto pelle a pelle con la madre immediatamente dopo la nascita per almeno un’ora e incoraggiare le madri a comprendere quando il neonato è pronto per poppare, offrendo aiuto se necessario.
  • Nei primi 6 mesi di vita, alimentare i bambini esclusivamente con latte materno.
  • Oltre i 6 mesi, per soddisfare il crescente fabbisogno nutrizionale, la dieta va integrata con cibi complementari.
  • L’alimentazione complementare dovrebbe essere tempestiva, adeguata, sicura, correttamente offerta, a richiesta e guidata dal bambino secondo i propri tempi e modi.

Leggi anche la pagina dedicata alle definizioni delle modalità di alimentazione infantile.

 

Riferimenti

[1] “Strategia globale per l’alimentazione dei bambini” (pdf 3,1 Mb). Oms 2003

[2] “Allattamento al seno, i dieci passi Unicef-Oms per gli Ospedali amici dei bambini”. Unicef