Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

migranti e salute

Strategie e coperture vaccinali in 15 Paesi dell’area del Mediterraneo e del Mar Nero e offerta ai migranti in arrivo

Cristina Giambi, Martina Del Manso, Maria Grazia Dente e Silvia Declich – Istituto superiore di sanità (Iss)

 

5 ottobre 2017 - Una panoramica sulle strategie e le coperture vaccinali, inclusi dati sub-nazionali e nei gruppi a rischio, in 15 Paesi extra Unione europea del bacino del Mediterraneo e del Mar Nero (Albania, Algeria, Armenia, Bosnia-Erzegovina, Egitto, Georgia, Israele, Giordania, Kosovo, Moldavia, Palestina, Repubblica di Macedonia, Serbia, Tunisia e Ucraina): è quanto descritto nel rapporto Istisan 17/15 “Immunization strategies and coverage in non-EU Countries of the Mediterranean Basin and Black Sea” pubblicato a luglio 2017. Il report fornisce i risultati del progetto ProVacMed (PROgrammiVACcinali nell’area del MEDiterraneo), condotto tra il 2015 e il 2016, sia con il fine di condividere le conoscenze sul controllo delle malattie prevenibili da vaccino, che quello di rafforzare il network con l’inclusione di esperti nel campo delle vaccinazioni provenienti da Paesi extra Unione europea dell’area del Mediterraneo e del Mar Nero, passo importante per la preparazione a potenziali minacce sanitarie in queste Regioni.

 

Il rapporto, per la prima volta, presenta una panoramica esaustiva delle strategie e coperture vaccinali in questi Paesi, oltre a profili specifici per ogni Paese. Alcuni dati:

  • i 15 Paesi rispondenti hanno fornito informazioni sulle strategie di immunizzazione e sui calendari vaccinali di 6 malattie selezionate per il progetto (poliomielite, difterite, tetano, morbillo, rosolia ed epatite B) che appaiono ben consolidate, sebbene con variazioni nelle schedule vaccinali in termini di numero di dosi e tipo di vaccino offerto
  • questi vaccini sono gratuiti in tutti i Paesi (ad eccezione del dT booster per gli adulti in Georgia)
  • in accordo con le raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), quasi tutti i Paesi hanno introdotto o stanno per introdurre il vaccino IPV (vaccino antipolio inattivato), che è l’unico utilizzato nei Paesi Ue
  • i calendari vaccinali di tutti i Paesi prevedono anche la vaccinazione per la tubercolosi e Haemophilus influenzae tipo b (Hib), in 7 anche quella contro il pneumococco, in 6 anche quella contro il rotavirus, mentre solo in 2 Paesi è offerta la vaccinazione contro il Papillomavirus e in uno quella contro la varicella e l’Epatite A
  • 10 Paesi su 15 riportano di aver condotto anche diverse campagne di vaccinazione straordinarie negli ultimi 5 anni, principalmente per migliorare le coperture per il morbillo, rosolia e poliomielite
  • 12 Paesi hanno fornito le coperture vaccinali nei bambini a livello sub-nazionale, mentre pochi Paesi raccolgono le coperture tra gli adolescenti e quasi nessuno quelle per adulti e gruppi a rischio.

Gli esperti nazionali dei 15 Paesi hanno risposto anche a una survey sull'offerta vaccinale rivolta ai migranti in arrivo nei loro Paesi. I risultati, descritti nell’articolo “Immunization Strategies Targeting Newly Arrived Migrants in Non-EU Countries of the Mediterranean Basin and Black Sea”, evidenziano che:

  • 10 Paesi hanno una offerta per i migranti in arrivo
  • 4 Paesi hanno riferito di avere regolamenti/procedure nazionali a sostegno delle vaccinazioni dei migranti, 1 a livello subnazionale e 3 solo per gruppi specifici di popolazione
  • 8 Paesi offrono ai bambini migranti tutte le vaccinazioni incluse nel loro programma di vaccinazione nazionale; tre forniscono solo alcuni vaccini (principalmente contro morbillo e poliomielite)
  • 10 Paesi offrono alcune vaccinazioni gratuite agli adolescenti e 8 Paesi anche agli adulti
  • 8 Paesi forniscono le vaccinazioni a livello della comunità e 7 danno i vaccini prioritari nei centri di accoglienza o nei punti di ingresso
  • 9 Paesi registrano le vaccinazioni somministrate.

Risorse utili