Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

alcol

Alcol, giavani in primo piano

Il consumo di bevande alcoliche, anche fuori pasto, è in aumento fra i giovani così come la frequenza di problemi alcol-correlati. E’ quanto emerge dal rapporto presentato dall’Osservatorio fumo, alcol e droghe (OssFad) dell’Istituto Superiore di Sanità.
Una proiezione nazionale dei dati dell’Indagine Multiscopo ISTAT sulla popolazione residente (anno 2000, elaborazione OssFad), mostrano che fra 14 e 17 anni il numero dei consumatori di vino supera i 456 mila, quelli che bevono birra sfiorano i 796 mila, mentre il numero di coloro che beve amari e liquori raggiunge rispettivamente quota 179 mila e 242 mila.
La questione prevenzione diventa quindi centrale, e per affrontarla è importante tenere conto di alcuni punti. Innanzitutto le bevande alcoliche non sono adeguatamente percepite dai giovani come fonte di problemi, ma spesso come possibili fonti di benessere. Inoltre l’assunzione di bevande alcoliche non riceve, generalmente, una  particolare stigmatizzazione sociale, come invece accade attualmente per il fumo, se non in caso di un comportamento deviante o che comporta disturbo o danno alla collettività.

Sul sito del Ministero della Salute leggi le pagine dedicate ai dati e alla prevenzione dell’abuso di bevande alcoliche fra i giovani. E’ anche possibile consultare alcuni dati di una indagine condotta da OssFad sulla presenza dell’alcol nelle fiction televisive.

Sul sito OssFad è possibile reperire i documenti della campagna di prevenzione dell’alcol fra i giovani e gli ultimi dati che fotografano la realtà italiana.

Consulta on-line le diapositive:
Alcol e giovani: i motivi di una campagna realizzata dai giovani per i giovani’
- Donato Greco e Emanuele Scafato, Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute, Istituto superiore di sanità

Progetto: campagna alcol e giovani’ - Emanuele Scafato, Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute, Istituto superiore di sanità

 

trova dati