Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

euphoric

Il progetto Euphoric, armonizzare le misure di esito

Il progetto European Public Health Outcome Research and Indicators Collection (Euphoric), finanziato dalla Comunità europea nell’ambito del programma d’azione comunitaria nel campo della sanità pubblica (2003-2008) e avviato nel 2004, mira a elaborare metodologie standardizzate in diversi Paesi europei per ottenere indicatori di esito in grado di valutare i benefici dei trattamenti e la qualità delle prestazioni erogate per alcune malattie. Euphoric è un’esperienza inedita per la Comunità europea: si tratta infatti della prima indagine volta ad armonizzare le misure di esito.

 

Punto di partenza di Euphoric, sono state le conoscenze acquisite con la “misurazione degli esiti” del progetto Mattoni, lanciato nel 2003 dal ministero della Salute italiano per ridisegnare il Sistema sanitario nazionale. L’obiettivo era individuare e sperimentare metodologie adatte a definire, misurare e valutare i risultati.

 

Gli obiettivi

Scopo generale di Euphoric è integrare le conoscenze e le precedenti esperienze sul campo e produrre protocolli per la raccolta dei dati, l’armonizzazione e l’analisi di indicatori di risultato.
Gli obiettivi specifici sono invece:

  • raccogliere informazioni dettagliate sugli indicatori di esito
  • sviluppare una metodologia standardizzata
  • valutare la qualità delle cure di procedure selezionate
  • fornire informazioni oggettive, trasparenti e di alta qualità e dati standardizzati facilmente accessibili a diversi target (medici, personale sanitario, amministratori della salute, decisori, responsabili politici, cittadini)
  • assistere i Paesi dell’Unione europea nello sviluppo e nell’attivazione di un sistema comune di monitoraggio degli indicatori standardizzati di risultato, in prospettiva di una pianificazione condivisa della salute pubblica in Europa
  • indagare la validità dei dati raccolti con procedure di routine
  • realizzare un inventario delle strutture di riferimento per le procedure i cui risultati sono oggetto di valutazione.

Partecipa al progetto un network di 15 istituzioni di 10 Paesi europei (Austria, Bulgaria, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Slovacchia, Spagna e Svezia) e Israele, all’interno del quale l’Istituto superiore di sanità italiano svolge un ruolo di coordinamento.

 

Le fasi e i risultati del progetto

Euphoric si articola in tre fasi operative:

 

1) Survey: per realizzare un inventario degli studi e degli indicatori di esito dei Paesi partecipanti

2) Pilot: per validare gli indicatori selezionati nei Paesi partecipanti

3) Dissemination: per rendere disponibili e diffondere i risultati.

La prima fase del progetto, realizzata sulla base di un’attenta analisi della letteratura esistente e delle esperienze già avviate in Australia, Gran Bretagna, Canada e Stati Uniti, si è conclusa con una panoramica sulle diverse tipologie di database e di registri attivi e sulle procedure adottate per il calcolo di indicatori di esito nei Paesi partecipanti. Attraverso l’individuazione di 9 aree di patologia di interesse comune (cardiovascolare, tumori, malattie infettive, altre patologie croniche, ortopedia, trapianti d’organo, medicina di urgenza, materno-infantile, miscellanea) e l’elaborazione di un elenco di 54 indicatori di risultato, la survey ha messo a punto gli strumenti e le condizioni operative necessarie per procedere con la successiva fase sperimentale (pilot).

 

Lo studio pilota, della durata di 24 mesi, ha definito metodologie standardizzate per il calcolo di alcuni indicatori relativi al cardiovascolare e all’ortopedico, i due settori più interessanti sia dal punto di vista clinico e di sanità pubblica, sia da quello della disponibilità dei dati. All’interno delle due aree per ragioni di elevata prevalenza, sono state quindi selezionate le procedure della sindrome coronarica acuta (Acs) e dell’artroplastica (intervento chirurgico che ristabilisce la mobilità di un’articolazione). L’artroplastica, in particolare, si distingue per essere una delle aree più promettenti del servizio sanitario per la misurazione e il monitoraggio dei risultati. Il progetto europeo dei Registri di artroplastica (Ear), avviato nel 2000 dalla Federazione europea delle associazioni nazionali di ortopedia e traumatologia (Efort), oggi può infatti contare su una rete di 19 Paesi e 23 progetti di registri di artroplastica, di cui 8 a completa copertura nazionale.

 

Tra le principali attività della fase di divulgazione dei risultati, c’è la realizzazione di un sito web con diversi livelli di accesso, rivolto a operatori sanitari e cittadini. Lo scopo dell’iniziativa, che si collega al piano di azione comunitario eHealth a favore dell’utilizzo delle moderne tecnologie di comunicazione per la promozione e la protezione della salute, è offrire alle autorità politiche europee, alle istituzioni sanitarie nazionali e infine anche ai cittadini, una panoramica su sistemi sanitari, indicatori di esito, modelli di aggiustamento del rischio, informazioni, metodi di raccolta dati e procedure di validazione adottate nei Paesi partecipanti al progetto. Anche la condivisione dei risultati del progetto con altri Paesi è un aspetto cruciale per la dissemination: il patrimonio di nuove conoscenze comuni e la creazione di sinergie con diversi interlocutori, stakeholder, istituzioni e altri progetti e programmi dell’Unione europea sono infatti aspetti che rientrano a pieno titolo nella mission di Euphoric.

 

L'organizzazione del progetto

Nel corso del 2007 sono stati messi a punto sei work packages, che comprendono le seguenti attività:

  • il completamento e la raccolta di informazioni dettagliate sugli indicatori selezionati
  • la selezione delle aree di interesse per gli studi pilota
  • nomina dei leader della fase pilota
  • la definizione dei protocolli degli studi pilota in ambito cardiovascolare e ortopedico
  • il rafforzamento della cooperazione tra i partner
  • la definizione di una strategia di diffusione dei risultati
  • l’istituzione di collegamenti con altri progetti dell’Unione europea
  • l’organizzazione di una banca dati on line degli indicatori di risultato selezionati.

Iscriviti alla newsletter del progetto Euphoric.

 

Vai alla pagina degli ultimi aggiornamenti.

 


 

trova dati