Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

a cura del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità

salute globale

Migranti e salute: le raccomandazioni Simm e il Dossier Caritas/Migrantes 2012

Manila Bonciani – reparto Salute della donna e dell'età evolutiva, Cnesps-Iss

Silvia Declich, Maria Grazia Dente - reparto Epidemiologia delle malattie infettive, Cnesps -Iss

 

8 novembre 2012 - Sono circa 300 gli operatori sociosanitari provenienti da tutta Italia che, dal 10 al 12 ottobre scorso, si sono dati appuntamento a Viterbo per partecipare al XII Congresso della Società italiana di medicina delle migrazioni (Simm). L’evento è stata un’occasione interessante per confrontarsi sui temi della migrazione e della salute alla luce della crisi non solo economica, ma anche sociale, politica e morale che sta caratterizzando questo periodo.

 

Tra i materiali prodotti, le Raccomandazioni (pdf 130 kb) sintetizzano e forniscono indicazioni operative su quanto affrontato e discusso durante la conferenza. Le diverse sessioni del congresso erano infatti pensate per approfondire alcune aree tematiche considerate particolarmente critiche, perché soggette a subire gli effetti del ridimensionamento in atto relativo alle misure di protezione sociale e sanitaria. Tra queste: la salute dei lavoratori, degli “immigrati” di seconda generazione, degli stranieri nelle situazioni di restrizione della libertà fisica (detenuti e trattenuti nei Cie) e la salute mentale.

 

Un richiamo importante viene fatto all’esortazione a promuovere le reti esistenti, quali i Gruppi regionali immigrazione e salute (Gris) della Simm, ma anche ad affermare un’azione di governance nazionale che garantisca l’armonizzazione dell’impegno dei diversi attori istituzionali e della società civile verso l’equità e la salute per tutti. Viene sollecitata in particolare l’emanazione e la diffusione del documento con le indicazioni per una corretta ed omogenea applicazione della normativa sanitaria per stranieri e comunitari, di cui è stata annunciata la presentazione in Conferenza Stato-Regioni attraverso un messaggio del Ministro della Salute, Renato Balduzzi, durante il convegno.

 

Nelle Raccomandazioni viene inoltre sottolineata la necessità di definire priorità condivise nelle politiche per la salute della popolazione immigrata, sia nell’ambito dell’accoglienza che in quella dell’assistenza sanitaria e all’allocazione e utilizzo delle risorse disponibili in base a evidenze.

 

Per approfondire il tema della presenza socio-statistica degli immigrati in Italia, la Caritas Italiana, la Fondazione Migrantes e la Caritas diocesana di Roma, hanno presentato a ottobre 2012 la pubblicazione del 22° Rapporto della Caritas/Migrantes. Il documento fornisce annualmente un aggiornamento sulla situazione socio-demografica, giuridica e culturale dell’immigrazione in Italia. Consulta la scheda di sintesi del Dossier 2012 (pdf 483 kb), che quest’anno richiama all’attenzione l’evidenza che gli immigrati “non sono solo numeri”.